Zucchero – Black Cat Tour 2017

0
0
0
s2smodern

di Douglas Cole

La tournée mondiale del bluesman emiliano è partita a settembre del 2016 e si sarà conclusa solo pochi giorni prima della pubblicazione di questo numero di S&L. Vanta dei numeri che nulla hanno da invidiare ad alcuna produzione straniera: 138 date, 13 mesi, cinque continenti, due serate sold-out alla Royal Albert Hall, tre serate sold-out all’Olympia di Parigi, serate con posti esauriti anche al Beacon Theatre di NY, allo Stadthalle di Vienna, alla O2 di Berlino, alla O2 di Amburgo, al Sydney Opera House e 22 date (!) all’Arena di Verona, la metà delle quali sold-out. Per dare un po’ di prospettiva: la serie di 11 date inaugurali a Verona nel settembre del 2016 rappresentavano un terzo dell’incasso totale del botteghino dell’Arena di quell’anno, con oltre 115.000 biglietti staccati. Sarà l’eccezione che conferma la regola nemo propheta acceptus est in patria sua.

Prodotto da Motom, con la logistica della tournée seguita da Lemonandpepper, il Black Cat Tour è caratterizzato da una scenografia d’origine italiana, a firma di Giancarlo Sforza, illuminata dal noto LD britannico Vince Foster, che lavora con Zucchero da tanti anni. A curare l’audio in sala è Colin Norfield, fonico che ha lavorato dal vivo con Zucchero quasi costantemente negli ultimi dieci anni, mentre il fonico di palco è il nostro espatriato Maurizio Gennari. Principale fornitore tecnico dell’intera tournée l’italiana Agorà.

Noi abbiamo finalmente visto questo show alla ripresa di fine estate, nel mezzo della terza serie di held-over all’Arena di Verona – il diciottesimo dei ventidue concerti in questa venue – promossa da F&P Group.

Zucchero, con l’Assistente Personale Laura Vergani alla sua destra e Emiliano Bitti alla sua sinistra

Laura Vergani - Assistente personal dell’artista.

“Tra la scrittura e la registrazione del disco – ci racconta Laura – seguiti dalla preparazione del tour e dallo stesso tour di un anno e mezzo... non ci siamo mai fermati per quasi tre anni. Siamo partiti l’anno scorso da Verona con undici date, poi siamo andati in Europa per finire l’anno. Poi in America e Canada per 22 date in un mese, per ripartire con altre cinque date all’Arena e volare in Nuova Zelanda, Australia e Giappone. Abbiamo anche preso parte a diversi festival in Europa. Adesso siamo qui per queste ultime sei date a Verona e, dopo la 22esima data all’Arena, partiremo per il Sud America.

“Infine ci fermeremo per un po’ – aggiunge Laura – per fare un po’ di sosta e di ‘reset’... poi sicuramente arriveranno il prossimo disco e il prossimo tour.

Come mai nessuna tranche italiana?
Zucchero ha fatto la scelta ben precisa di stare un po’ stanziale. A parte l’allestimento e la data zero a Rimini, si è deciso di rimanere a Verona per un gran numero di date anziché fare un calendario itinerante per l’Italia. L’Arena è il contenitore migliore per lo show e Zucchero ha un’affinità particolare con questa venue. 22 repliche: un record per l’Arena di Verona.

Anche all’estero va una favola: Zucchero è ben noto a livello internazionale per il suo rock-blues. Abbiamo suonato in posti impensabili: Tahiti, Nuova Caledonia, Reunion Island, Tunisia, Libano... venue molto particolari.

Come solito, la produzione è opera vostra, di Motom?
Sì, la produzione è tutta fatta in casa. Abbiamo l’agenzia italiana F&P, ma la gestione della produzione e del tour è a nostro carico. L’agente per il tour mondiale è l’inglese Phil Banfield.
Abbiamo alcuni collaboratori da anni, infatti cerchiamo di avere sempre la stessa squadra.
Il palco e la scenografia sono stati ideati in casa di Zucchero, disegnati da Giancarlo Sforza insieme all’artista. In queste fasi ci sediamo davanti al camino con tutta la squadra, in modo molto intimo e familiare. Le luci sono di Vince Foster, che lavora con Zucchero da tantissimi anni, ed anche i contributi video sono studiati insieme all’artista.
Emiliano Bitti è il supervisore tecnico del tour: è un dipendente di Agorà, ma per quanto riguarda Zucchero è il nostro riferimento tecnico – lo chiamiamo “Mission Impossible”. Ovviamente, abbiamo anche Lemonandpepper che segue la produzione a livello logistico e quotidiano.
Siamo un entourage misto, anche perché è un tour mondiale: Zucchero vuole dei professionisti di prima scelta di livello internazionale, per cui sono con noi professionisti rinomati come Colin Norfield o Vince Foster, dal curriculum impressionante.

Colin Norfield – Fonico FoH

Colin Norfield

Come sempre, è un gran piacere parlare con Colin Norfield, noto per il suo lavoro con i Pink Floyd, con David Gilmour e con il tedesco Herbert Grönemeyer.

“All’inizio di questa tournée – ci racconta Colin – stavo finendo con David Gilmour gli ultimi cinque concerti alla Royal Albert Hall, quindi mi sono fatto sostituire; poi ho seguito tutto il lungo tour.
“Rispetto all’ultima volta che ci siamo visti, durante il Sesión Cubana Tour, qui non ci sono i percussionisti ma ci sono sempre due batteristi. Abbiamo un pedal steel, e anche la violinista suona un pedal steel. Poi basso, fiati... ma non ci sono coristi, infatti cantano Zucchero, Polo, Kat, Doug e James, il sassofonista.
“Come seconda batterista abbiamo Queen Cora: quando ci sono due batteristi – l’ho imparato con i Pink Floyd – è sempre meglio togliere del tutto uno dei rullanti. Non si possono avere flam ad ogni battuta. Devo un po’ giocare a fare Dio: qualcuno deve prendere una decisione e, alla fine, loro non la sentono. Con questa band funziona bene in questo modo, perché Queen Cora suona sempre delle cose gustose sul charleston e usa molto tom grandi e gong drum – roba che veramente abbellisce le canzoni – mentre Adriano è quello che batte il tempo del brano. È quasi come avere un batterista e un percussionista. Con l’avanzare della tournée mi piace sempre di più, perché mi sembra che lei sia costantemente cresciuta in questo ruolo… in alcuni brani si alza fisicamente per andare a suonare le congas… funziona bene e lascia più spazio nell’arrangiamento.
“Abbiamo circa 96 canali – continua Colin – uno in più o uno in meno. Anche Maurizio, come me in FoH, usa una DiGiCo SD7 sul palco ed è lui a controllare il guadagno. Preferirei farlo io, ma per diversi motivi è meglio così. Anche Maurizio è un fonico FoH, e mi fido.
“Tecnicamente non c’è moltissimo da dire qui – dice Colin – uso la SD7, ma per me con la console digitale c’è un punto di svolta, oltrepassato il quale diventa un computer e usarla in quella maniera non mi attira. Mi piace usare la SD7 come un banco di mixaggio: il mio metodo con la console è di cercare di utilizzarla quanto possibile come un banco analogico, quindi con poche automazioni, sfruttando invece molto le possibilità di routing... insomma una sorta di XL4 con una patchbay programmabile! L’aspetto artistico del mixaggio è fantastico con una console digitale: si possono fare delle mandate pre su un brano e post su un altro, ... è tutto completamente libero in termini di indirizzamento dei segnali; posso fare quello che mi pare con i segnali semplicemente toccando lo schermo. Si possono fare cose creative che prima non si potevano rischiare dal vivo. La parte creativa del mixaggio è quella che mi piace di più: con Gilmour faccio queste cose più che con Zucchero, ma anche qui mi lascio prendere parecchio...
“Tutte le elaborazioni vengono fatte all’interno della console, tutto DiGiCo. Non uso né outboard classico, né un server Waves esterno. Non sono contrario all’outboard, in altre produzioni uso dei processori classici che conosco bene – TC M6000, SPX990, TC D-Two – ma qui siamo partiti dall’inizio sapendo che ci sarebbero state diverse configurazioni – produzione intera, festival, internazionali con mezze produzioni – e ho voluto mantenere la semplicità necessaria per lavorare più facilmente.

Hai fatto qualche cambiamento nel trattamento della voce di Zucchero?
È il massimo della semplicità: Beta58, preamplificatore DiGiCo, conversione, un po’ di compressione del banco, EQ del canale e… basta. C’è chi ha delle catene molto più interessanti da raccontare, ma io sono noioso da questo punto di vista. Non mi piace aggiungere troppe complicazioni; non c’è bisogno di comprimere qualcosa che dovrebbe suonare forte: se la canzone è grande, dovrebbe essere grande, se è un brano pianissimo, bisogna mixare in modo appropriato. Una parte della musica è la dinamica. L’apice della mia giornata è il mixaggio di un concerto di due ore: godo proprio della parte creativa del mix.
Comunque c’è chi riesce gestire una voce usando un rack intero di roba solo per quella, e c’è chi porta un rack intero di processori solo per la voce e lo usa solo per scavarsi un buco dal quale non riesce più uscire. Io evito questo, completamente.

Immagino che ci sia un bel volume sul palco, con tutti gli amplificatori, i wedge, i sidefill… devi combattere contro questo
Solo nelle venue più piccole… ma sul palco sono molto bravi; se chiedo loro di tenere tutto più basso lo fanno senza problemi.

L’ultima volta che ci siamo visti, con Zucchero c’era ancora V-DOSC: K1 è un altro mondo?
Barbara Losavio e Fabio Carmassi di LemonandpepperIo trovo il K1 più musicale del V-DOSC, veramente. Ormai è da un po’ che lo uso, visto che lo usavo già prima con un altro artista. Mi piacciono anche questi nuovi sub, KS28. Sono stato uno dei beta tester, con David Gilmour: David Brooks, di L-Acoustics, all’epoca mi ha fatto firmare un accordo di non divulgazione. Anche se David mi diceva che suonavano il doppio confronto agli SB28, me ne hanno dati comunque 24… e sono fantastici.
Ho i K1SB appesi dietro i K1 e poi ho i KS28 a terra. Entrambi lavorano dalla mia mandata per i sub ma, visto che non suonano esattamente allo stesso modo, sono equalizzati diversamente, per non avere dei colori troppo diversi.
Abbiamo iniziato questo tour l’anno scorso con gli SB28 per i primi 11 concerti all’Arena, poi li abbiamo sostituiti con questi quando è cominciato il tour vero e proprio. I KS28 sono molto più veloci e precisi nella risposta, cosa importante, perché abbiamo molto sub-bass con questa band, a cominciare dai due grossi gong drum che la batterista usa in quasi tutte le canzoni.

Visto che la tournée doveva coprire diverse configurazioni di band, di venue e di produzione, quali scelte hai fatto per poter gestire le situazioni in festival o mezza produzione?
Ho i sub su una linea separata. Questo rende la vita molto più facile. Ci sono pochissime cose che mando ai sub, comunque, così posso controllare quello e non dovermi preoccupare di equalizzare o mettere passa-alto su tutto. Oltre ad essere una scelta che facilita il lavoro con diversi PA, è anche una scelta creativa. Ribadisco: con la SD7 posso usare anche la via dei sub in modo artistico, potendo scegliere, scena per scena, se mandare a questi una tastiera, il basso o l’organo.
Dopo aver fatto la tranche con la band ridotta, siamo rientrati con la piena produzione qui ieri e abbiamo fatto lo show. Ho dovuto aggiustare di nuovo tutto per la band più grande. Quando abbiamo fatto la tranche con la mezza produzione e la band ridotta, ho richiesto che portassimo dietro tutto il possibile del palco, delle regie, dei cablaggi, perché altrimenti tutto sarebbe tornato in Agorà per un mese d’estate e sarebbe stato smantellato e mandato su altre produzioni. Inoltre, tornando qui solo un paio d’ore prima del soundcheck, non ce l’avremmo mai fatta a tirar fuori uno spettacolo.

“Lavoro con Zucchero da dieci anni – conclude Colin – ho saltato un paio di tour perché ero occupato con altre cose, ma l’artista continua a chiamarmi e di questo sono felice; mi trovo sempre benissimo con i ragazzi di Agorà: io e Antonio Paoluzi facciamo squadra da un po’, ed è importante il nostro rapporto, perché ormai mi conosce e sa come lavoro. Ci divertiamo insieme”.

Antonio Paoluzi – PA engineer

Antonio Paoluzi, PA Engineer

“Abbiamo un PA costituito, per ciascun lato, da 14 K1 e quattro K2 downfill, laterali fatti da 12 K2, distanziati radialmente intorno ad un array di sei K1SB – una configurazione che adesso uso spesso perché crea una bella ’ciambella’ di copertura. Questa offre un’ottima distribuzione delle basse in una venue come l’Arena che ha delle gradinate alte e vicine.
“A questo sistema sospeso ho aggiunto 24 sub KS28 in otto file da tre ognuna, non cardioidi ma ad arco elettronico. Non cardioide perché, effettivamente, il suono è più bello così. Al palco non dà fastidio e a Zucchero piace un po’ di punch, e se piace a lui siamo tutti contenti. Il KS28 scende molto più in basso ma contemporaneamente è anche più veloce e più fermo. SB28 era già un gran sub, ma questo è proprio un passo avanti, oltre ad offrire un po’ di SPL in più.
“Il tutto è completato da quattro mucchietti di frontfill dV-DOSC, e tutto l’impianto, non solo i KS28, è amplificato usando i nuovi LA12X.
“Uso il Galileo solo come matrice – spiega Antonio – e faccio tutta l’equalizzazione su LA-Net, ultimamente mi piace lavorare così. Poiché sto usando il Galileo, che ha solo le uscite analogiche, il trasporto qui è tutto in analogico. In genere mi trovo più spesso a usare il Lake con trasporto su Dante oppure un sistema Optocore con AES/EBU… c’è un po’ di differenza, ma non mi dispero.
“Non c’è molto da dire veramente – conclude Antonio – a parte il fatto che Colin Norfield, uno tra i più grandi fonici del mondo, usa una SD7 senza alcun outboard”.

gennari zecchini

Maurizio Gennari - Fonico di palco

“Abbiamo fatto le prove per la configurazione di full-production a luglio dell’anno scorso, poi siamo partiti subito con le prime undici date qui, e a seguire un giro in Europa nelle grandi venue. Ci siamo fermati per natale. A marzo di quest’anno siamo ripartiti con una tranche lunga di teatri e casinò nordamericani. Altre cinque o sei date qui all’Arena, poi Australia e Giappone, ed i festival in Europa; adesso di nuovo qui. È stato lungo – e non è ancora finito – e bello.
“Zucchero – continua Maurizio – è l’unico artista per cui faccio il palco, lo seguo dal 2001 e mi dà grandissima soddisfazione. Lavorare sul palco tiene molto in punta di piedi, perché si deve prestare molta attenzione a finalizzare e a reagire velocemente, occorre essere attenti per soddisfare le esigenze di tutti e tredici gli artisti sul palco, perché ognuno deve avere il mix che desidera; e poi il fonico di palco deve essere anche un po’... psicoanalista!
“Da quando ci sono gli IEM – aggiunge – ognuno vuole veramente sentire esattamente quello che desidera, e per il fonico è come mixare diverse sale contemporaneamente, mentre lavorare con wedge e sidefill implica che tutti debbano accettare qualche compromesso, e il fonico deve conoscere tanti trucchi e metodi molto specifici”.

Usate tutta questa produzione anche all’estero?
Nelle venue più grandi ed i festival, sì. Magari non l’intera scenografia, ma la configurazione standard di 13 elementi di band. La band è composta in modo simile a quella di Chocabeck, ma con alcuni musicisti diversi.
Ci sono tre fiati, due pedal steel, tra cui Doug Pettibone che suona anche chitarra elettrica e chitarra acustica. Anche Andrea Whitt suona pedal steel, violino e viola. Ci sono i due batteristi: Adriano Molinari, che è un elemento fisso mentre, rispetto all’altro tour, abbiamo “Queen Cora” Coleman-Dunham alla seconda batteria – una batterista che ha suonato con Prince e anche, ultimamente, con Beyoncé.
Alla chitarra e alla voce c’è sempre Kat Dyson, insieme a Polo Jones al basso e come direttore musicale. Poi c’è sempre Mario Schilirò, il nostro eroe alla chitarra… poi c’è il nostro special guest: Brian Auger, all’Hammond. È una persona squisita, con un’esperienza infinita e una musicalità incredibile. Alle tastiere c’è Nicola Peruch.

Usate un ascolto misto sul palco?
Per gli ascolti i musicisti hanno un sistema Roland che io ho impostato inizialmente ma che ognuno può regolare autonomamente. Tutti i sistemi IEM sono Shure PSM1000. Nicola è l’unico che è “a filo”, ma anche lui ha un left/right. Questo mi dà l’opportunità di concentrarmi specificamente su Zucchero. Per lui è come un mix di sala. Si lavora costantemente: vuole riverbero, delay, tutto. Vuole un mix totale. Vista l’attenzione che Zucchero richiede, questo sarebbe, in effetti, un progetto per due fonici di palco. Però il sistema di personal mix aiuta molto. Abbiamo fatto delle prove musicali e di produzione abbastanza intense, e siamo riusciti a programmare delle snapshot specifiche per ogni canzone. Filippo Zecchini mi dà una mano e riesce sempre almeno a buttare un occhio alla band mentre io seguo Zucchero.
Zucchero usa l’IEM sempre con un solo orecchio. Tiene un monitor a terra sempre dalla parte senza auricolare, mentre i side, che sono anch’essi specifici per lui, fanno un po’ da L/R. Ho integrato negli ultimi tour anche due sub L-Acoustics dietro di lui per non usare i side-fill in modo completamente convenzionale. Innanzitutto, per avere la pressione sonora che richiede Zucchero al centro, ho dovuto assemblare, come sempre, due stack importanti come sidefill. Qui ho dei sub dietro di lui, nei quali posso mandare le casse delle batterie, ecc, e le KARA molto strette puntate esattamente dove lavora lui. Fortunatamente Zucchero si muove solo avanti e dietro, e non lateralmente. Questo è il compromesso che abbiamo fatto per far sì che i sidefill interferiscano il meno possibile con la sala.
Questi due sub non solo non danno fastidio agli altri ascolti, ma sono effettivamente un aiuto, anche perché nella mandata ci sono praticamente solo grancasse e parti che effettivamente aiutano a dare il feel giusto, nonché l’aria che si muove per tutti i musicisti.
Per il suo monitor a terra, invece, stiamo usando questo wedge d&b M2, che mi piace molto.

“Non possiamo dimenticare la squadra di palco – aggiunge Maurizio –. I backliner sono italiani e inglesi: Phil Howey che gestisce le sequenze, Alan “Tonto” Jhowry che segue le chitarre e il basso da questo lato, Joseph segue Doug e Andrea Whitt; Fabio “Hakkah” Oliva si occupa delle batterie mentre Karma Auger, il figlio di Bryan, segue Bryan e aiuta con le batterie; tra l’altro, lui è un noto batterista”.

desantisDaniele De Santis – Operatore luci

“Il disegno luci è di Vince Foster – ci dice Daniele – mentre quasi l’intero tour è stato seguito dall’operatore Matt Jensen. Io, effettivamente, sto sostituendo Matt solo per queste ultime date. Grazie all’ottimo lavoro di Vince, il 90% dello show è completamente in timecode, programmato tutto in anticipo tra Matt e Vince. Questo mi rende la vita molto più facile.

“Per quanto riguarda il parco luci – ci dice Daniele – abbiamo al 90% Claypaky: K-20 B•Eye, Mythos, Sharpy Wash 330 che servono per illuminare la scena. In più abbiamo aggiunto degli SGM Q7 che servono per illuminare i due schermi laterali.
“C’è uno schermo centrale che viene oscurato da un fondale dorato solo per il walk-on. Lo schermo è al centro di un grande cuore, elemento fondamentale per lo show visivo. Intorno a questo schermo c’è una corona di K20, usata soprattutto per l’effettistica, con effetti pixelati.
“Come frontali usiamo 16 Mythos – continua Daniele – dedicati all’illuminazione della band. In più ci sono due seguipersona a seggiolino, sempre sulla truss frontale, dedicati a Zucchero, qui all’Arena coadiuvati da altri due segui al FoH dedicati agli assoli e ai momenti in cui Zucchero viene avanti sulla passerella.
È un impianto grande – dice Daniele – ma studiato per essere snello e per viaggiare moltissimo, infatti ha fatto più di 130 concerti in un anno. Siamo stati in Europa per un mese e mezzo con questa produzione che si monta tranquillamente in giornata. È tutto su BAT Truss, quindi la produzione viaggia con i proiettori già montati e cablati all’interno. Si arriva al mattino, si assembla il tutto e si manda su.

Per il controllo?
Tutto è controllato tramite un Hog4, con un Full Boar come spare. Tutto viaggia in HogNet, ben 16 universi. Usiamo quattro DP8000 – due main e due backup: per commutare sul backup c’è semplicemente un rock switch, perciò, se ci fosse un problema, serve solo il tempo fisico per il dimmerista di girare una manovella: da un secondo a cinque secondi. La console di backup è in mirroring completo della Hog4 principale, così se qualcosa succede qui, mi devo solo girare di 90° e l’altra console sta già lavorando. Con l’ultima release di software, il backup in full-tracking è migliorato ulteriormente.
Il sistema video è gestito sempre dallo stesso timecode, ma i contributi non vengono mandati da qui... c’è una regia video a parte, anche perché ci sono delle riprese per il video live.

“Oltre all’impianto che controllo io – aggiunge Daniele – ci sono delle luci extra intorno a tutta l’Arena per illuminare il pubblico e l’architettura dell’Arena stessa. A curare questo aspetto, controllato da un altro Hog4, è stato Francesco De Cave. Ci sono dei Robin 1200LEDWash, degli Sharpy e, dietro, ci sono i nuovi Brick DTS, che servono per illuminare i gradoni dietro al palco”.

Lo show

Un concerto di Zucchero – e ne abbiamo sentiti tanti – è sempre un piacere, come una produzione di Zucchero è sempre una macchina da guerra. La configurazione della band per questa tournée è particolare, con le forti influenze country di Doug Pettibone ed Andrea Whitt combinate all’Hammond del mitico Bryan Auger... una combinazione assolutamente vincente! Concordiamo con l’artista che l’Arena è sicuramente il migliore contesto per il concerto – una scelta confermata dai risultati veramente impressionanti – anche se, magari, qualche concerto nel resto della Penisola avrebbe dato l’opportunità ad un maggior numero di spettatori di vedere questa bellissima produzione.

Nell’ambiente dell’Arena è raro che il suono non sia ottimo e, considerando la combinazione Norfield/Paoluzi/K1/Agorà, non ci ha sorpreso che il suono fosse praticamente perfetto.

Per quanto riguarda la scenografia, possiamo solo fare i complimenti a Sforza e Foster, per non dimenticare il lavoro di Francesco De Cave con le luci intorno alla struttura, coordinate perfettamente allo show sul palco.

a img 6108

CLICCA QUI PER ACCEDERE ALLA GALLERIA FOTOGRAFICA
gall icon

 

Vuoi vedere altre foto e rimanere aggiornato sugli ultimi concerti? CLICCA QUI!

vuoi restare sempre aggiornato sulle novità di settore? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ultimi Articoli

Al Winter NAMM Show novità del marchio Gravity di Adam Hall Group

Il marchio Gravity di Adam Hall Group presenterà al Winter NAMM Show (dal 25-28 gennaio 2018) di Anaheim, California, un supporto da tavolo per laptop e controller dedicato ai DJ...

News

Leggi tutto...

Stones – No Filter European Tour 2017

Oltre a consentire all’autore di poter spuntare un’altra voce dalla lista che tiene in un cassetto, l’unica data italiana del recente tour europeo, Stones – No Filter, ha fornito un’opportunità...

Live Concert

Leggi tutto...

RM Multimedia distribuisce Luminex

Il distributore romagnolo aggiunge al proprio portafoglio i prodotti per il trasporto di segnali digitali audiovisivi in rete della rinomata casa costruttrice belga.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Misure audio – seconda parte

Nel numero precedente sono stati esaminati i vari tipi di connettori, in questo numero inizieremo a esaminare gli strumenti.

Tecnologia

Leggi tutto...

Andi Watson 
e Radiohead

Nell’occasione del concerto dei Radiohead quest’estate a Firenze, abbiamo avuto l’opportunità di parlare a lungo con il rinomato lighting e set designer Andi Watson: della sua carriera, della sua filosofia...

Personaggio

Leggi tutto...

Audiotonix acquisisce Solid State Logic

Un pezzo di storia passa di mano: Peter Gabriel, dopo aver passato gli ultimi 12 anni come maggior azionista del rinomato marchio britannico SSL, ha ceduto al nuovo proprietario inglese...

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Elation serie KL Fresnel

Nello stand di Elation Professional ad ISE 2018 erano esposte in anteprima due nuove teste mobili – Artiste Picasso e Smarty Hybrid – che debutteranno la prossima primavera. In vetrina anche...

News

Leggi tutto...

MIR 2017

Si è da poco conclusa la seconda edizione di MIR (Music Inside Rimini), “L’evento che non c’era”, come riporta la campagna di comunicazione della Fiera di Rimini.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

I primi trent’anni di Link

Un’azienda pioniere, nata agli albori della storia del professionale in Italia. Oggi la ritroviamo come produttrice di attrezzature, con marchi propri e brevetti famosi in tutto il mondo.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Sound&Lite numero 129

Il nuovo numero di Sound&Lite è online!

News

Leggi tutto...

I più Popolari

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:18510

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:17562

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:16280

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:14245

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:14123

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Live Concert

Hits:12838

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:12222

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo.

Live Concert

Hits:11848

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Rubriche

Hits:11452

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:11424

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.