Il nostro saluto a David Zard e Bibi Ballandi

0
0
0
s2smodern

Il 27 gennaio David Zard, il 15 febbraio Bibi Ballandi: quando parliamo di musica dal vivo in Italia, non possiamo non ricordare che l’ottimo livello raggiunto oggi dalle produzioni nel nostro paese si deve anche ad alcuni pionieri che hanno davvero aperto delle piste nel deserto. Fra costoro, certamente David e Bibi. Due personaggi totalmente diversi l’uno dall’altro, eppure accomunati dall’amore per questo lavoro.

 
David Zard

David Zard

Quando nel 1967 arrivò in Italia in fuga dalla Libia, dove era nato nel 1943, a causa delle persecuzioni contro gli ebrei dovute alla Guerra dei Sei giorni, il legame di Zard col nostro paese era già forte, visto che, giovanissimo, aveva organizzato in quel paese diversi concerti di artisti italiani quali Mina, Ricky Gianco, Peppino Di Capri, Ornella Vanoni, I Ribelli di Celentano... tutti artisti di grande popolarità all’interno delle comunità italiana ed ebraica. Comincia l’attività in Italia maturando contemporaneamente esperienze internazionali: da Israele a Londra, passando per Parigi, dove organizza l’apertura della tournée di Aretha Franklin proprio all’Olympia.
E forse la marcia in più di Zard è sempre stata questa visione internazionale del lavoro di management, sia per il modo di intendere una professione a cavallo fra il business e l’arte, sia per i contatti con il resto del mondo.
Negli anni Settanta l’Italia viveva un periodo difficilissimo, altamente ideologizzato, in cui era davvero difficile avanzare alcune proposte. Eppure quegli anni vedono David Zard al lavoro con i grandi nomi della musica internazionale: Ike & Tina Turner, Weather Report, Jethro Tull, Elton John, The Who, Cat Stevens, Crosby Stills & Nash, Santana, Gloria Gaynor, Frank Zappa e tanti altri. Affianca all’attività di promoter quella di management e produttore, creando quell’incredibile successo italiano in Europa che fu “La Carovana del Mediterraneo”, il grande tour di Angelo Branduardi che solo uno come Zard avrebbe mai potuto pensare, progettare e realizzare con un così clamoroso successo. Poi il periodo turbolento delle ideologie: il caos dei concerti di Lou Reed, nel 1975, devastati dagli incidenti e dalle cariche di polizia e carabinieri al Palasport di Roma, e poi le molotov sul palco di Santana che segnano un momentaneo stop all’attività di promoter.
Ma l’attività di manager continua eccome, specie con Branduardi, e negli anni Ottanta ricomincia il periodo dei grandi concerti: i tre memorabili show dei Rolling Stones in Italia; ma anche Jethro Tull, Genesis, Santana, Al Jarreau, Dire Straits, Bob Dylan, The Cure, Elton John, Frank Zappa, Spandau Ballet, Genesis, Paul Young, Duran Duran, David Bowie, Spandau Ballet, Madonna, Michael Jackson, Pink Floyd, Stevie Wonder, David Bowie e tantissimi altri. Ancora successi eclatanti nei primi anni Novanta, quando è manager di Claudio Baglioni, con la storica tournée Oltre il Concerto, poi il teatro e la nuova strepitosa avventura che riporta in auge in Italia la tradizione operistica pucciniana in chiave moderna con Notre Dame De Paris, il capolavoro di Riccardo Cocciante: otto milioni di spettatori nel mondo, oltre due milioni di spettatori in Italia in soli due anni. Sullo stesso filone seguiranno Tosca – Amore Disperato di Lucio Dalla, Dracula in Love della PFM e Federico II – L’Ultima Danza.
Zard, nonostante i periodi meno fortunati, sempre incombenti in questo lavoro, riesce anche in un’operazione quasi impossibile: portare in Italia gli spettacoli del Cirque Du Soleil. Saltimbanco nel 2004 e Alegría nel 2006 sono dei successi.

Abbiamo chiesto di parlarci di lui a Roberto De Luca, un collega e un amico.

 
Roberto De Luca

“Conoscevo Davide da circa 40 anni – ci dice Roberto – siamo stati amici nei momenti dei sui strepitosi successi come in quelli meno fortunati. Lo conoscevo molto bene ed abbiamo sempre avuto un ottimo rapporto. Davide aveva una grande personalità, una grande capacità comunicativa e soprattutto di marketing; era meno avvezzo alla calcolatrice, e questo lo dico perché l’ho sempre detto anche a lui. Spesso spendeva così tanto in comunicazione da non far tornare i conti.
“In un momento in cui gli affari non andavano bene, quando ebbe un fallimento societario, tutti gli si avventarono contro. Io no. Anche per questo ho sempre mantenuto con lui un bel rapporto, e non a caso al suo funerale ero l’unico collega presente, una cosa che mi ha molto sorpreso, rattristato e infastidito, ma mi è anche dispiaciuto, perché di fronte ad una cosa del genere non dovrebbero esserci rancori di sorta.
“Era il promoter della prima generazione, o meglio della seconda, perché della prima è stato Leo Wätcher, ma quando io ho cominciato questo lavoro i promoter di spicco erano proprio lui e Mamone. Era un personaggio particolarissimo: una volta arrivò con una Porsche con targa tedesca al concerto dei Queen, al vecchio palazzo dello sport di Milano. La targa iniziava DZ... e lui sosteneva che significasse ’David Zard’, ma credo che fosse invece qualcos’altro in tedesco... a me questo suo modo di fare divertiva moltissimo. Davide era così: o si amava o si odiava.
“Aveva un Ego smisurato, tutti i suoi spettacoli cominciavano col suo nome in grande, garanzia di un grande show per lo spettatore; anche io avevo cominciato in questo modo ma, a parte che ‘Roberto De Luca’ era molto meno bello di ‘David Zard’, ho capito presto che il produttore deve restare sempre defilato.
“Ho imparato molto da lui dal punto di vista professionale ma anche umano: quando io ho subito l’assalto alla diligenza, come quello che aveva subito lui, è stato l’unico a dire qualcosa di ponderato e positivo verso di me. Mi manca moltissimo”.

 
Bibi Ballandi

Bibi Ballandi

Bibi Ballandi era figlio di un tassista bolognese che aveva cominciato a fare da manager agli artisti che accompagnava a suonare nei locali, fino ad aprire una propria agenzia. Il figlio aveva seguito le orme paterne, diventando prima un grande impresario musicale, poi uno dei più conosciuti produttori televisivi. I suoi successi in TV sono noti a tutti, basti pensare ai varietà di Fiorello, di Giorgio Panariello, a La Bella e la Bestia con Lucio Dalla e Sabrina Ferilli, fino agli show di Capodanno e a tutte le edizioni di Ballando con le Stelle, e tantissimi altri.

Lo abbiamo voluto ricordare nella sua prima fase, quella legata alla musica e più vicina al nostro mondo. Ne abbiamo chiesto il ricordo a Bruno Sconocchia, già manager di importanti artisti come De Andrè e Lucio Dalla proprio grazie a Bibi.

 
Bruno Sconocchia

“L’importanza di Bibi – dice Bruno – come produttore televisivo è quella di cui tutti parlano, ma io lo voglio ricordare come impresario musicale, quando aveva l’ufficio in Via Leopardi a Bologna: su un piano aveva gli uffici, nell’altro abitava lui con il padre e la madre. Io conobbi il padre, Iso, che aveva già cominciato a fare l’agente con i grandi dell’epoca: Nicola Di Bari, Orietta Berti, Dory Ghezzi, Rita Pavone...
“Bibi già a fine anni Settanta dimostrava il suo grande fiuto, la capacità di capire le tendenze, i gusti, quello che piaceva alle persone. Intuì che il fenomeno che stava scoppiando era nuovo, era quello dei cantautori: Dalla, Bertoli, Ron, Vecchioni, inserì questi nomi nuovi nell’agenzia paterna. Produsse insieme a Libero Venturi Banana Republic, nel ‘79, un tour importantissimo perché segnò il ritorno della musica negli stadi dopo la molotov sul palco di Santana.
Vanoni, Pooh, Renato Zero... pescava artisti non del tutto conosciuti e li faceva esplodere, così come fece con Lucio Dalla nei suoi anni d’oro.
Nel 1983 aprì a Rimini il Bandiera Gialla, anche se aveva già un locale a Baricella – il suo paese, dove si terranno i funerali – che si chiamava Chicago, una discoteca. Qui cavalca e crea il revival anni ‘60 e si avvicina al mondo della televisione, diventando il grande produttore televisivo che tutti conoscono, abbandonando il mondo delle agenzie. Io raccolsi in parte, per sua volontà, il suo testimone: prima con De Andrè, con cui iniziai la mia carriera, e a fine ‘84 con Vanoni e Paoli; nel ‘96 mi chiese di occuparmi dell’attività live di Dalla, suo grandissimo amico, con cui si telefonavano all’alba tutte le mattine, e come sai fu una grande svolta nella mia vita, perché con Lucio sono rimasto fino alla fine. Ma con Bibi hanno cominciato anche Michele Torpedine, che si occupava del Chicago, Renzo Fantini, manager di Guccini, e tanti altri.
“Era capace di circondarsi di bravi collaboratori e soprattutto aveva un grande fiuto; ma rimaneva sempre una persona semplice, un bolognese DOC: gli amici ricordano ‘La Casa Bianca’, la sua villa a Sasso Marconi, le cene a base di tortellini cucinati dalla moglie Lella. Bibi era legato alla sua terra, ha sempre conservato la casa a Bologna ed aveva quella saggezza popolare che faceva di lui una persona semplice e geniale allo stesso tempo. Aveva la terza media, ma sapeva ascoltare e cogliere dagli altri quello che serviva. Era una persona serena, pulita e limpida: credo che fra coloro che l’hanno conosciuto nessuno possa non avergli voluto bene”.

Ultimi Articoli

Claypaky - Axcor Profile 900 - Sagomatore a testa mobile con sorgente a LED

Il nuovo profile del costruttore bergamasco alza l’asticella nel segmento dei proiettori a fascio definito basati sui LED.

Prodotto

Leggi tutto...

Asta On Line

Materiale video, audio e luci per il settore rental all’asta ad Izano (CR)

News

Leggi tutto...

Biagio Antonacci Tour 2017-2018

Dopo la pubblicazione del disco Dediche e Manie a novembre dell’anno scorso, Biagio Antonacci si è imbarcato in una tournée invernale nei palazzetti italiani. Un successo strepitoso per Antonacci in...

Live Concert

Leggi tutto...

ME-500: il nuovo personal monitor mixer Allen & Heath

Allen & Heath ha recentemente aggiunto il mixer ME-500, da 16 canali, alla sua gamma di personal monitor mixer ME.

News

Leggi tutto...

Audio Effetti distribuisce ISO-MAX di Jensen Transformers

Audio Effetti è lieta di annunciare l’acquisizione della distribuzione della linea di prodotti ISO-MAX, della californiana Jensen Transformers Inc.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

AMG International per Live You Play

L'azienda laziale AMG International ha fornito sette dei nove palchi presenti nei tre padiglioni della recente fiera MIR utilizzati da Live You Play, comprese le strutture in americana su cui...

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

RCF C MAX

La casa costruttrice reggiana presenta due nuovi diffusori full range per il campo vicino.

News

Leggi tutto...

Live Entertainment Roadshow

Milano – 12 dicembre dalle ore 16:00, Spazio MIL.

News

Leggi tutto...

RM Multimedia distribuisce Luminex

Il distributore romagnolo aggiunge al proprio portafoglio i prodotti per il trasporto di segnali digitali audiovisivi in rete della rinomata casa costruttrice belga.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Nuova versione 5.0.1 del software Bose ControlSpace Designer

Nuove caratteristiche, nuovi strumenti e algoritmi per progettare, controllare e monitorare sistemi audio nel modo più veloce ed efficace.

News

Leggi tutto...

I più Popolari

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:18879

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:18579

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:16589

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:14510

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:14401

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Live Concert

Hits:13085

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:13078

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:12308

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo. 

Live Concert

Hits:12076

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Rubriche

Hits:12006

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.