Mezzogiorno di Suono

07 Nov 2012

di Giorgio Gianotto

Nella puntata precedente abbiamo esaminato alcune soluzioni, anche un poco fuori dalle righe, per la riproduzione del suono in grado di garantire buoni risultati nei luoghi di culto che presentano un tempo di riverberazione non superiore a tre secondi. Purtroppo in Italia, come pure nel resto d’Europa, la maggior parte delle chiese – anche di dimensioni ridotte – è caratterizzata da un T60 decisamente superiore, tipicamente intorno a 5 ÷ 6 secondi sino ad arrivare ai 10 ÷ 20 secondi delle grandi cattedrali; quando l’acustica si fa impervia, i sistemi con singoli diffusori, mono o multivia, a radiazione diretta o a guida d’onda, devono cedere il passo alla dominatrice dei grandi spazi riverberanti: la linea di suono.

Con questo termine, che come vedremo non è del tutto proprio, si intende una serie di altoparlanti disposti lungo una linea geometrica, equidistanti tra loro o intervallati da spazi calcolati secondo certe regole matematiche. L’origine delle linee (o colonne) di suono, come pure del resto quella delle antenne direttive, dei sonar ecc. – tutti parenti stretti – non è riconducibile con certezza ad un singolo uomo di genio (come, ad esempio, la stereofonia o la formulazione matematica dei parametri di un carico bass-reflex) ma è piuttosto frutto di osservazioni e di esperienze collettive. Per quanto attiene al campo acustico, troviamo un’estesa descrizione delle principali tipologie di linee di suono già nel classico testo di Olson, Acoustical Engineering, scritto a metà degli Anni Trenta del ‘900. Per lunghi decenni le linee di suono trovarono vastissima diffusione in tutti i luoghi dove l’acustica è difficile e la buona intelligibilità della parola prioritaria. Senza mai debordare dal loro specifico campo di applicazione; anzi, acquistando una non lusinghiera fama di scarsa qualità timbrica, risposta in frequenza telefonica, distorsione elevata. In realtà, la cattiva fama era dovuta a tanti prodotti di pessima progettazione, spesso costruiti in “cantina”, ed ancor peggiore installazione, piuttosto che ai limiti intrinseci al sistema.

Mentre le antenne elettromagnetiche direttive e il sonar conoscevano un’intensa stagione di continui miglioramenti ed innovazioni, la controparte audio languiva quasi nell’oblio. In carenza del grande mercato delle trasmissioni radio, e delle conseguenti risorse destinate alla ricerca, o dei budget dell’industria militare, i progressi (come, ad esempio, i diffusori Bessel), furono veramente pochi. Il vento cominciò a cambiare con l’avvento delle tecnologie digitali e la disponibilità di processori per l’elaborazione di segnali audio, utilizzati soprattutto per gestire linee di ritardo elettroniche. In breve tempo si assistette quasi ad una rivoluzione nel settore, e a moltissime innovazioni che consentirono prima di migliorare la flessibilità d’uso e la qualità del suono riprodotto nei sistemi a radiazione diretta e poi l’approdo alla sonorizzazione dei grandi concerti e dei grandi spazi all’aperto per quelli a guida d’onda. Oggidì le linee di suono rimangono un must nei luoghi acusticamente difficili e in più offrono una versatilità d’impiego e di collocazione nell’ambiente assolutamente impensabili sino ad una quindicina di anni addietro. Come contraltare, persiste una certa difficoltà da parte degli operatori nel comprenderne appieno le caratteristiche fisiche e quindi di assicurare un’adeguata collocazione del diffusore nell’ambiente. Perché, è vero, la fisica di una sorgente sonora di questo tipo non è intuitiva e, soprattutto, è lontana dall’esperienza accumulata con i diffusori acustici tradizionali. Per questo motivo, prima di illustrare l’impiego pratico delle linee di suono nelle varie tipologie di luoghi di culto, ritengo indispensabile sintetizzarne in breve i principi di funzionamento e di impiego.

Interferenza è la parola magica che spiega il comportamento dei segnali con andamento ondulatorio quando s’incrociano e sovrappongono. Il suono è un’onda (o meglio: così possiamo considerarlo nella fisica spicciola della vita quotidiana), così come la luce, le emissioni radio e tutte quelle elettromagnetiche; sono onde anche le particelle nucleari. L’onda è caratterizzata da massimi positivi e negativi e da una direzione di propagazione (che può non coincidere con il verso nell’onda, come accade alle onde del mare, che si alzano o abbassano ma avanzano in una direzione ortogonale).  Queste variazioni dell’ampiezza dell’onda si alternano a seconda della sua frequenza e della natura del mezzo in cui si propaga. Proprio questa è la differenza fondamentale tra suono e luce: al suono occorre sempre un mezzo di propagazione, alla luce no. La luce si propaga anche nel vuoto.
La distanza geometrica tra due punti omologhi di un’onda è denominata lunghezza d’onda, ed è espressa dalla lettera greca λ (lambda). Il numero di onde che si succedono per un’unità di tempo assume la denominazione di frequenza, ed è espresso in Hertz, abbreviato in Hz. Ad esempio, un suono con frequenza di 1000 Hz è formato da mille onde che si succedono durante un secondo. Poiché la velocità del suono nell’aria è di circa 343 metri al secondo, l’onda di questo suono ha lunghezza:
343/1000 = 0,343 metri.

Mi si perdoneranno queste spiegazioni, un poco noiose se non proprio pedanti. Per capire l’interferenza, e quindi il funzionamento delle linee di suono, occorre aver ben chiaro in mente il concetto di onda. Un concetto al quale non facciamo caso nella pratica di tutti i giorni: installiamo e colleghiamo i nostri microfoni, altoparlanti, amplificatori e mixer senza minimamente curarci della caratteristica ondulatoria del suono. Nella maggior parte delle situazioni operative possiamo maneggiare il suono come se fosse un continuum – come la corrente elettrica continua – piuttosto che un’onda, e non ce ne viene alcun danno. Ma dimenticarsi della sua vera natura quando installiamo delle linee di suono o affrontiamo i problemi acustici che via via esamineremo in Mezzogiorno di Suono significa andar incontro a risultati deludenti se non a fallimenti totali.

Figura 1gianottoQuando due segnali continui si incontrano, semplicemente si sommano tra loro. Lo stesso avviene con due suoni, anche identici purché a larga banda, emessi da due diffusori relativamente distanti tra loro. (Con il termine relativamente distanti intendo separati di alcuni metri.) Se vogliamo, possiamo condurre un interessante esperimento. Collochiamo due altoparlanti all’aperto e lontano da ogni superficie riflettente. Facendo loro riprodurre un qualsiasi segnale musicale, misuriamo con un fonometro prima le emissioni dell’uno, poi dell’altro ed infine insieme, ripetendo la misura a varie distanze dagli altoparlanti. Noteremo che l’ultimo segnale sarà giusto la somma dei primi due (calcolare la somma dei due segnali in dB non è facilissimo: una buona applet è di grande aiuto…). Successivamente, inviamo ai due altoparlanti un segnale sinusoidale puro di frequenza compresa tra 50 Hz e 100 Hz. Ripetiamo il ciclo di misurazioni. Noteremo con sorpresa che il segnale somma misurato dal fonometro varia sensibilmente a seconda del punto di misura. In certi punti sarà assai più della semplice somma dei segnali; in altri addirittura zero, e questa estrema variabilità la percepiremo perfettamente anche ad orecchio. La somma di due o più segnali di natura ondulatoria dipende della coincidenza dei relativi massimi o minimi, denominata fase dei segnali. Se i due segnali si incontrano quando uno si trova in condizione di massimo positivo e l’altro di massimo negativo, si annullano a vicenda. Quando si incontrano entrambi in condizioni di massimo positivo o negativo, le loro ampiezze si sommano. Giova ricordare che il raddoppio dell’ampiezza comporta il raddoppio dell’intensità: un’energia quattro volte superiore.

Collochiamo il fonometro, per semplificare, in una posizione esattamente equidistante dai due altoparlanti. Con entrambi gli altoparlanti funzionanti, nel caso del segnale musicale il fonometro misurerà +3 dB rispetto alla misura di ciascun altoparlante singolo; nel caso del segnale sinusoidale misurerà +6 dB. Se invertiamo la polarità ai morsetti di un solo altoparlante, il fonometro misurerà sempre all’incirca +3 dB nel caso del segnale musicale; non misurerà invece alcunché quando il segnale è sinusoidale: le due emissioni si annullano a vicenda. Tutto questo può apparire sorprendente ma queste sono le regole del nostro Universo.Figura 2gianotto

Ora collochiamo i nostri altoparlanti uno a fianco dell’altro vicinissimi tra loro, ad una distanza di circa 17 centimetri, corrispondenti a mezza lunghezza d’onda di un segnale a 1000 Hz, che abbiamo visto misurare 34 cm. Se alimentiamo i due altoparlanti appunto con un segnale sinusoidale a 1000 Hz e poniamo il fonometro a filo del lato esterno di un altoparlante, noteremo che l’intensità del segnale sarà poca o nulla. Se invece collochiamo il fonometro esattamente al centro fra i due diffusori, il segnale sarà molto forte, esattamente +6 dB rispetto a quello emesso da un singolo altoparlante. Abbiamo appena creato una linea di suono.

Come è intuitivo, una linea di suono sfrutta la fisica delle onde per creare delle interferenze e dirigere un’elevata emissione di energia verso una ristretta regione dello spazio, riducendo fortemente l’emissione verso lo spazio rimanente. Il comportamento di una linea di suono è molto differente da quello di un diffusore convenzionale. L’emissione di energia di quest’ultimo copre un ben determinato angolo (variabile in ragione della frequenza), si attenua progressivamente al di fuori di quest’angolo ed è simile a una sfera che si allarga progressivamente. Questo tipo di emissione è denominata appunto onda sferica. Una linea di suono emette secondo un fascio (entro il raggio di alcune lunghezze d’onda) più che un angolo, e l’emissione è denominata onda cilindrica. Le importati differenze tra i due tipi d’onda sono:
• l’onda sferica subisce un’attenuazione di 6 dB (riduzione dell’energia ad un quarto) al raddoppio della distanza dalla sorgente; l’onda cilindrica si attenua di appena 3 dB (riduzione dell’energia alla metà)
• Oltre i limiti dell’angolo di copertura, l’onda sferica attenua progressivamente la sua energia; al di fuori del fascio, l’energia dell’onda cilindrica si riduce bruscamente.

Figura 3gianottoDi conseguenza una linea di suono consente di coprire con minima variazione del livello sonoro un’area d’ascolto molto più estesa in profondità di quanto concesso ad un diffusore tradizionale. Un rapido calcolo evidenzia che in un’area d’ascolto posta tra cinque e trenta metri dalla sorgente la differenza del livello di pressione sonora del campo sonoro diretto tra i primi e gli ultimi posti è di ben 18 dB per il diffusore convenzionale e di soli 9 dB per la linea di suono. Una differenza di 9 dB, corrispondenti ad un’energia otto volte superiore per la linea di suono. Dal punto di vista degli ascoltatori, nei primi posti i due diffusori suonano con la stessa intensità ma negli ultimi la linea di suono produce una sensazione di volume d’ascolto doppia o tripla. D’altra parte, il diffusore convenzionale consente una elevata tolleranza nella sua collocazione e orientamento; la linea di suono invece deve essere collocata ed orientata con estrema attenzione, per evitare che una parte dell’area di ascolto rimanga senza copertura. Nelle successive puntate di Mezzogiorno di Suono descriveremo gli accorgimenti necessari per sfruttare al meglio tutte le caratteristiche delle linee di suono, le loro varie tipologie e l’installazione pratica nelle situazioni operative più frequenti.

Informazioni aggiuntive

  • Extended Classes: default

Non hai il permesso di pubblicare commenti. REGISTRATI o effettua il login:

Articoli Correlati

I PIU' POPOLARI

Prev Next

Tiziano Ferro - L’Amore è una …

Categoria: Live Concert

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce...

Hits:19325

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 24…

Categoria: News

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

Hits:17732

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Categoria: Live Concert

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Hits:16389

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Categoria: Live Concert

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Hits:14212

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stad…

Categoria: Live Concert

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Hits:14179

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale T…

Categoria: Live Concert

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Hits:12899

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Categoria: Rubriche

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Hits:12361

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Categoria: Live Concert

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo.

Hits:12158

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo m…

Categoria: Produzioni e studi

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto...

Hits:11538

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Categoria: Rubriche

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Hits:11466

Leggi tutto

ULTIMI ARTICOLI

Prev Next

nuova linea audio iLINE di Hit…

Categoria: News

nuova linea audio iLINE di HitMusic

Il distributore ligure Audio Effetti ha presentato una nuova serie di diffusori audio a colonna del marchio francese HitMusic

Hits:106

Leggi tutto

Claypaky AXCOR 300

Categoria: News

Claypaky AXCOR 300

Claypaky annuncia la nuova famiglia di teste mobili a LED Axcor 300.

Hits:391

Leggi tutto

Marillon – F.E.A.R. Tour

Categoria: Live Concert

Marillon – F.E.A.R. Tour

Le foto in anteprima del recente tour del gruppo britannico, che abbiamo intercettato nella data del 4 ottobre scorso al Teatro degli Arcimboldi di Milano

Hits:290

Leggi tutto

Libera sulla spiaggia

Categoria: News

Libera sulla spiaggia

La copertura Alusfera 76 II di LITEC è stata recentemente scelta come palco principale per una serie di concerti ed eventi sulla spiaggia unica: Summer Beach Arena...

Hits:188

Leggi tutto

Live You Play @ MIR 2018

Categoria: Uomini e Aziende

Live You Play @ MIR 2018

Dodici palchi: 72 spettacoli dal vivo, 72 demo di prodotto e 36 virtual check nei tre giorni di manifestazione

Hits:343

Leggi tutto

NovaWorld Tour Italia 2017

Categoria: News

NovaWorld Tour Italia 2017

Il 12 ottobre, si è conclusa la quinta tappa del NovaWorld Tour europeo 2017, ospitata, in esclusiva per l’Italia, proprio presso la nuova showroom di...

Hits:267

Leggi tutto

Nuova serie di mixer digitali …

Categoria: News

Nuova serie di mixer digitali Allen & Heath SQ

Allen & Heath ha presentato la nuova serie di mixer digitali SQ a 96 kHz

Hits:587

Leggi tutto

Stones – No Filter European To…

Categoria: Live Concert

Stones – No Filter European Tour 2017

Le foto in anteprima della produzione dei Rolling Stones No Filter Tour europeo, che abbiamo intercettato nell’unica tappa italiana il 23 settembre scorso a Lucca.

Hits:451

Leggi tutto

grandMA2 Advanced Training a n…

Categoria: News

grandMA2 Advanced Training a novembre

14 e 15 novembre a Bologna

Hits:202

Leggi tutto

Nuove interfacce SSL per reti …

Categoria: News

Nuove interfacce SSL per reti Dante/AES67

Solid State Logic amplia la gamma di interfacce di rete Dante/AES67.

Hits:183

Leggi tutto

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.

Utilizzando tali servizi accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di piu'

Approvo

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.
TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.