Il rumore nelle trasmissioni digitali

06 Nov 2013

di Michele Violarumore

Banalizzando un po’, le trasmissioni digitali sono più robuste nei confronti del rumore rispetto alle trasmissioni analogiche, perché i segnali digitali devono riprodurre solo due stati mentre i segnali analogici devono riprodurne infiniti, cosicché queste ultime sono più sensibili ai disturbi additivi come il rumore.

In parole (molto) povere: un segnale digitale può valere 1 oppure 0, mentre un segnale analogico può assumere tutti i valori all’interno di un dato intervallo di definizione. Quindi un valore pari a 0,18 o 0,2 nel dominio digitale sarà tradotto in ogni caso con 0, mentre nel dominio analogico dovrà rimanere così com’è; analogamente, un valore di 0,8 o 0,85 corrisponderà ad un 1 digitale mentre nel dominio analogico sarà ripreso tale e quale. Questo, almeno a prima vista, sembra significare che nel dominio digitale il rumore debba essere molto più intenso per risultare rilevante.

Ciò è però vero solo entro certi limiti, neppure larghissimi per la verità.

Non è vero, in particolare, che il segnale digitale sia praticamente immune agli effetti del rumore, così come non è generalmente vero che la ricezione digitale sia del tipo “tutto-o-niente”: anche un segnale digitale tende a degradare gradualmente al diminuire del rapporto segnale/rumore sul canale trasmissivo.

Nel seguito tentiamo di addentrarci un po’ nella questione.

 

Il rumore

Il rumore è l’insieme dei segnali indesiderati che si sovrappongono al segnale utile durante la trasmissione. L'andamento del segnale di rumore è solitamente sconosciuto. Se il rumore fosse noto, sarebbe sufficiente sottrarlo al segnale ricevuto per riottenere una copia fedele del segnale trasmesso. Alcune volte questo è possibile, a volte no. Spesso occorre convivere con una certa quantità di rumore non noto e non eliminabile a priori.

Il rumore può essere generato all’interno degli stessi dispositivi elettronici, com’è il caso del rumore termico, dovuto all’agitazione termica delle particelle cariche. L’agitazione termica non è l’unica causa di rumore casuale all’interno dei dispositivi elettronici, spesso non è neppure la più significativa. Altri tipi di rumore provengono, ad esempio, dalle fluttuazioni statistiche di corrente elettrica che avvengono quando i portatori di carica attraversano un gap, come nel caso di un transistor, o un tubo a vuoto, o anche un semplice contatto metallico.

Il rumore può anche provenire dall’esterno delle apparecchiature elettroniche, come nel caso delle interferenze tra diversi segnali o dell’induzione da parte di eventi elettrici vicini e/o relativamente intensi.

In genere il rumore, interno o esterno, è intrinsecamente aleatorio, ovvero è suscettibile di una descrizione prettamente statistica. Generalmente è possibile, su base statistica, caratterizzare il rumore attraverso il suo valore medio (spesso nullo) e la sua potenza.

La potenza di rumore dipende in genere dalla banda considerata. Si può in un certo senso affermare che è possibile rilevare valori del segnale di rumore che si discostano in maniera significativa dal valore medio ma per intervalli di tempo molto brevi (ovvero significativi in alta frequenza). Se i dispositivi interessati alla trasmissione sono in grado di rilevare solo disturbi relativamente lenti, allora saranno meno probabili scostamenti significativi dalla media.

Da notare che, dato un segnale digitale che può assumere solamente i valori 0 e 1, un segnale originario pari a 0 con sovrapposto un rumore di livello pari a 0,6 potrebbe essere erroneamente riconosciuto in ricezione come un 1.

Nel numero scorso abbiamo anche accennato all’effetto deleterio del rumore sul jitter in un canale a banda limitata.

per quanto riguarda le trasmissioni analogiche, un modo per pulire in ricezione un segnale analogico rumoroso è quello di filtrarlo eliminando le componenti di segnale e rumore (ormai indistinguibili) al di fuori della banda utile per il segnale, eliminando gran parte del rumore pur mantenendo l’informazione legata al segnale (all'interno della banda audio) praticamente inalterata.

Il rapporto segnale/rumore

Spesso indicato con la sigla SNR (dall’inglese Signal to Noise Ratio), il rapporto segnale/rumore è un parametro di qualità fondamentale per i sistemi di trasmissione, analogici o digitali. Si tratta del rapporto tra la potenza del segnale originario e la potenza del rumore sovrapposto. SNR deve essere alto, cioè la potenza del segnale deve essere grande rispetto al rumore. Al diminuire del rapporto segnale/rumore si degrada la qualità del segnale ricevuto.

Nel caso di trasmissione di segnali analogici il deperimento del segnale è graduale e il rumore aggiunto è direttamente percepito dall’utente. Al limite, quando il rumore fosse troppo elevato rispetto al segnale, non sarebbe più possibile riconoscere correttamente l’informazione trasmessa.

Nelle trasmissioni digitali, al diminuire del rapporto segnale/rumore cresce la probabilità di ricevere qualche bit errato. Se i bit errati sono pochi il sistema è generalmente in grado di correggerli o, al limite, di chiederne la ritrasmissione. Se i bit errati sono molti allora il sistema comincia gradatamente a perdere qualche campione di segnale qua e là, degradando effettivamente il segnale ricevuto. I campioni perduti possono essere sostituiti con brevissimi tratti di silenzio, oppure possono essere ricostruiti interpolando i campioni precedenti e successivi, anche se la forma d’onda originaria rimane sconosciuta. Questo corrisponde, a tutti gli effetti, a un deterioramento progressivo del segnale. Quando il rapporto segnale/rumore è particolarmente basso, i campioni perduti cominciano a diventare tanti e il deperimento del segnale diventa sempre più evidente, fino ad arrivare, al limite, ad un ammasso informe di click e fruscio.

All’aumentare della distanza di trasmissione, il rapporto segnale/rumore in genere diminuisce perché il segnale viene progressivamente attenuato. È anche vero che il segnale digitale, a differenza del segnale analogico, può essere completamente rigenerato ad ogni tratta minimizzando gli effetti del rumore aggiunto.

Il riconoscimento e la correzione degli errori

È possibile, tramite appropriate codifiche, riconoscere e anche correggere gli errori di trasmissione in un flusso di dati digitali. Un esempio tipico: raddoppiando i bit trasmessi, cioè trasmettendo “00” per 0 e “11” per 1, diventa possibile riconoscere i singoli errori. Nel caso di un errore di trasmissione, infatti, la sequenza ricevuta sarà “01” oppure “10” e questa, non corrispondendo né allo 0 né all’1, potrà essere riconosciuta come errata e scartata. Da notare che un doppio errore in trasmissione (evento in genere assai poco probabile, o comunque molto meno probabile rispetto al singolo errore) porterebbe a una ricostruzione errata del segnale originario.

Triplicando i bit trasmessi, quindi “000” per 0 e “111” per 1, sarà possibile anche correggere con buona probabilità gli errori singoli, nel senso che ricevendo, ad esempio, la sequenza (non corretta) “100” si potrà con buona probabilità di successo supporre che sia stato trasmesso uno 0 (cioè la sequenza “000”) e ci sia stato un errore di trasmissione sul primo dei tre bit. Analogamente la ricezione della sequenza “101” porta a riconoscere la trasmissione di un 1 con un errore sul secondo bit. Anche in questo caso un doppio errore nella trasmissione di un simbolo porterebbe a una ricostruzione errata del segnale originario. Se si rinuncia a correggere gli errori, accontentandosi di riconoscerli, la triplicazione dei bit in trasmissione permette di riconoscere anche i doppi errori, mentre fallirebbe nel riconoscimento dell’eventualità, che può essere resa piuttosto remota, di tre errori contemporaneamente presenti nello stesso simbolo.

Il discorso può proseguire a piacere: con cinque bit uguali per ciascun simbolo sarà possibile correggere i singoli e anche i doppi errori o rilevare fino a quattro errori per simbolo, e così via.

La velocità di trasmissione

Come si è visto poco sopra, le codifiche che permettono il riconoscimento e l’eventuale correzione degli errori di trasmissione si basano più o meno tutte sul concetto di ridondanza, ovvero sul trasmettere la stessa informazione più volte o comunque trasmettere più bit di quelli che sarebbero strettamente necessari per il trasporto dell’informazione da trasmettere su un canale esente da errori. Con una ridondanza limitata sarà possibile riconoscere una certa percentuale di errori, mentre all’aumentare della ridondanza diventa possibile riconoscere o anche correggere più errori con maggiore probabilità di successo.

All’aumentare della ridondanza, però, ovvero all’aumentare del numero di bit da trasmettere per ciascun simbolo, diminuisce il numero di simboli che è possibile trasmettere nell’unità di tempo. In altri termini: se voglio usare un codice molto ridondante, al fine di diminuire gli errori di trasmissione, ho bisogno più tempo per trasmettere le stesse informazioni.

Il teorema della codifica di canale

Questo teorema, dovuto a quell’ingegner Shannon dei Bell Labs e del MIT che tanto ha contribuito allo sviluppo della teoria dell’informazione, lega in maniera rigorosa la massima velocità di trasmissione dei dati attraverso un canale rumoroso al rapporto segnale/rumore sul canale stesso. In altri termini, dato un certo valore del rapporto segnale/rumore in un canale trasmissivo, è possibile determinare matematicamente la massima velocità alla quale è possibile trasmettere dati attraverso tale canale mantenendo la speranza di riconoscere correttamente in ricezione tutti i bit trasmessi.

I sistemi più semplici, come i codici a ripetizione descritti in precedenza, sono metodi di riconoscimento e correzione degli errori piuttosto inefficienti; esistono altri metodi di codifica, più complessi e computazionalmente onerosi, che permettono di avvicinarsi significativamente al limite di Shannon.

Per trasmettere un flusso audio stereo a 24 bit/48 kHz servono poco più di 2,3 Megabit/s di informazione, oltre alla ridondanza. Il rapporto segnale/rumore sul canale deve essere tale da permettere tale velocità di trasmissione. Se il rapporto segnale/rumore sul canale trasmissivo è troppo basso occorre limitare la banda, diminuendo risoluzione e/o sample rate, oppure rassegnarsi a perdere qualche campione ogni tanto, degradando in ogni caso la qualità del segnale.

Informazioni aggiuntive

  • Extended Classes: default

Non hai il permesso di pubblicare commenti. REGISTRATI o effettua il login:

Articoli Correlati

I PIU' POPOLARI

Prev Next

Tiziano Ferro - L’Amore è una …

Categoria: Live Concert

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce...

Hits:19325

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 24…

Categoria: News

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

Hits:17733

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Categoria: Live Concert

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Hits:16389

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Categoria: Live Concert

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Hits:14212

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stad…

Categoria: Live Concert

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Hits:14179

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale T…

Categoria: Live Concert

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Hits:12899

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Categoria: Rubriche

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Hits:12361

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Categoria: Live Concert

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo.

Hits:12159

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo m…

Categoria: Produzioni e studi

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto...

Hits:11538

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Categoria: Rubriche

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Hits:11466

Leggi tutto

ULTIMI ARTICOLI

Prev Next

nuova linea audio iLINE di Hit…

Categoria: News

nuova linea audio iLINE di HitMusic

Il distributore ligure Audio Effetti ha presentato una nuova serie di diffusori audio a colonna del marchio francese HitMusic

Hits:106

Leggi tutto

Claypaky AXCOR 300

Categoria: News

Claypaky AXCOR 300

Claypaky annuncia la nuova famiglia di teste mobili a LED Axcor 300.

Hits:391

Leggi tutto

Marillon – F.E.A.R. Tour

Categoria: Live Concert

Marillon – F.E.A.R. Tour

Le foto in anteprima del recente tour del gruppo britannico, che abbiamo intercettato nella data del 4 ottobre scorso al Teatro degli Arcimboldi di Milano

Hits:290

Leggi tutto

Libera sulla spiaggia

Categoria: News

Libera sulla spiaggia

La copertura Alusfera 76 II di LITEC è stata recentemente scelta come palco principale per una serie di concerti ed eventi sulla spiaggia unica: Summer Beach Arena...

Hits:188

Leggi tutto

Live You Play @ MIR 2018

Categoria: Uomini e Aziende

Live You Play @ MIR 2018

Dodici palchi: 72 spettacoli dal vivo, 72 demo di prodotto e 36 virtual check nei tre giorni di manifestazione

Hits:343

Leggi tutto

NovaWorld Tour Italia 2017

Categoria: News

NovaWorld Tour Italia 2017

Il 12 ottobre, si è conclusa la quinta tappa del NovaWorld Tour europeo 2017, ospitata, in esclusiva per l’Italia, proprio presso la nuova showroom di...

Hits:268

Leggi tutto

Nuova serie di mixer digitali …

Categoria: News

Nuova serie di mixer digitali Allen & Heath SQ

Allen & Heath ha presentato la nuova serie di mixer digitali SQ a 96 kHz

Hits:588

Leggi tutto

Stones – No Filter European To…

Categoria: Live Concert

Stones – No Filter European Tour 2017

Le foto in anteprima della produzione dei Rolling Stones No Filter Tour europeo, che abbiamo intercettato nell’unica tappa italiana il 23 settembre scorso a Lucca.

Hits:451

Leggi tutto

grandMA2 Advanced Training a n…

Categoria: News

grandMA2 Advanced Training a novembre

14 e 15 novembre a Bologna

Hits:202

Leggi tutto

Nuove interfacce SSL per reti …

Categoria: News

Nuove interfacce SSL per reti Dante/AES67

Solid State Logic amplia la gamma di interfacce di rete Dante/AES67.

Hits:183

Leggi tutto

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.

Utilizzando tali servizi accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di piu'

Approvo

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.
TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.