Word Clock e altro …

07 Mar 2007

di Marco Mocellin

Gli ultimi mesi sono stati densi di avvenimenti, tecnici e mediatici, inerenti il mondo del digitale e dell’audio networking in genere, spaziando dalla presentazione al mondo dei tecnici di nuove macchine, rivisitazione di protocolli e standard, iniziative di formazione e lancio di campagne di informazione volte ad integrare tutto questo in sistemi interamente digitali e commercialmente funzionanti.

Più in piccolo, per quello che riguarda la comunità che ruota intorno a Sound&Lite possiamo annoverare il primo corso sull’Audio Networking, a cui molti hanno partecipato di persona e altri in forma differita con la lettura del materiale del corso.

Personalmente, come spesso capita a chi espone ad un auditorio attento e professionale come quello che ho incontrato a Gabicce, resta spesso la sensazione di non aver comunicato tutto quello che potevo (o forse credevo di potere), o comunque di poter fare di meglio e di più.

Forse è solo un effetto della passione che si mette nell’esporre e nel rendere gli altri partecipi dei propri successi e insuccessi professionali. Non so, diciamo che questo articolo prende lo spunto proprio dalla sedimentazione di queste sensazioni ormai passate e vuole darmi la possibilità di approfondire e rendere più organici alcuni concetti che forse si sono smarriti nel mare della mia presentazione al corso.

In particolare, dopo aver descritto i protocolli e le relative implementazioni industriali mi piacerebbe parlare più diffusamente delle difficoltà e opportunità che si possono cogliere nel costituire sistemi complessi basati sulla trasmissione e condivisione delle informazioni audio in formato sempre digitale.

Infatti qui sta il punto: non è importante, secondo me, concentrarsi molto sulla possibilità di implementare un singolo link o una connessione tra due macchine o sistemi in digitale, quanto guardare veramente in avanti alla interoperabilità di sistemi complessi, possibilmente multimarca e multiprotocollo tra loro.

Non vedo come reale innovazione, anche di mentalità, l’utilizzo di un sistema composto da apparati dello stesso produttore in osservanza pedissequa delle richieste del produttore stesso, quanto la acquisizione di reale competenza specifica sui protocolli e sulle funzionalità che i vari sistemi di trasporto e processamento possono offrire. Tipicamente la fortuna premia gli audaci, non gli esecutori dei manuali di istruzione, anche se la sfortuna premia spesso ed inesorabilmente chi non li legge…

Per questo vorrei affrontare alcune delle principali problematiche che si presentano a chi volesse osare tanto in alto nel digital domain.

Una delle caratteristiche principali del mondo digitale, rispetto all’analogico, è che nel trasferimento di segnali digitali il sistema audio vive sincronizzandosi su una propria dimensione temporale che è diversa e distinta dal quella del mondo “esterno” al sistema. In parole povere: il sistema funziona fintanto che riesce a dare un senso ai dati in arrivo, cioè fintanto che riesce a restare sincrono con tutte le differenti parti di se stesso.

È un po’ come mantenersi coerenti con se stessi in ambito psicologico, non sempre è facile.

Ecco perché chi si accosta al mondo del digitale prima o poi si imbatte in situazioni in cui deve decidere a proposito dei sincronismi, che il sistema operi su base digitale tradizionale (protocolli molto noti: AES/EBU, PCM o altri) o su network (Ethernet based, ATM, altri) poco cambia, una informazione di sincronismo deve comunque venir generata e condivisa da tutto il sistema in maniera affidabile e univoca.

Per essere ancora più precisi – e riferendomi specificatamente al protocollo EtherSound o Cobranet – il problema è intrinsecamente risolto dagli apparati stessi finché la rete resta solo un sistema di trasporto senza alcuna connessione digitale con il mondo esterno; i “dolori di panza” iniziano nel momento in cui si ha la pretesa di sincronizzare il sistema audio con un clock proveniente da altri sistemi o, come nel caso di grossi network, di utilizzare il sistema di trasporto audio come tramite per la veicolazione del clock tra apparati che lavorano su protocolli differenti.

Tanto per essere meno fumoso, provo a fare due esempi più concreti.

Pensiamo ad una situazione in cui si abbia un gruppo di convertitori di ingresso (A/D), linkati ad un mixer digitale tramite un sistema proprietario fornito dal fabbricante dei convertitori e del mixer, poi ipotizziamo che l’uscita del mixer principale, collegata magari ad un mixer secondario, venga trasferita tramite un link che sia EtherSound o Cobranet, e poi di rientrare in apparati di processamento che siano linkati secondo lo standard proprietario iniziale del fabbricante.

Come potete immaginare il tutto deve funzionare in sincrono, però con un tramite per i segnali e per i sincronismi che non sia dello stesso “mondo” dei due sistemi.

Procedendo con ordine, diciamo subito che non ha rilevanza alcuna il tipo di standard dei sistemi interconnessi, quello che ha un senso valutare è il bitrate dei segnali, quindi in definitiva la velocità di campionamento dei sistemi e la quantità di campioni inviati per secondo per canale; questo serve in forma grossolana a capire qual è il componente più debole della catena, cioè quale può essere il miglior livello qualitativo (con tutte le eccezioni del caso nella correlazione qualità del segnale/bitrate) ottenibile dal sistema nel suo complesso.

Determinato questo parametro resta da decidere a quale velocità esercire il sistema. Banalmente, non posso far funzionare a 96 kHz una rete che prevede al massimo 48 kHz; potrei però campionare a 96, mixare a 96 (se credo…) registrare a 96 e poi declassare con conversione a 48 e diffondere in sala o dove credo sul network a 48.

In questo senso allego per curiosità alcune tabelle relative alle performance di Cobranet e EtherSound, senza voler essere esaustivo ma solo per far notare il livello di complessità sottostante a certe scelte tecniche.

Tornando al nostro progettino, resta ora da determinare che giro devono seguire i segnali nel network, e questo potrebbe essere semplice, va poi deciso che gerarchia debba avere il sistema di propagazione e diffusione del clock.

Tipicamente, infatti, le apparecchiature che determinano il master clock del sistema sono i convertitori di ingresso, ma potrebbe anche esserci un master clock generator che ripartisce in modo unico il clock della rete, e spesso sarà così in sistemi complessi.

 

Se facciamo comandare i convertitori di ingresso utilizzeremo una semplice struttura a catena: i convertitori comandano e tutto il resto della rete a valle si adegua. Teniamo presente che il primo mixer riceverà il clock dai convertitori, lo ridistribuirà al network (alla velocità giusta, 96 o 48 kHz che dovremo decidere e settare volontariamente) e potrebbe anche distribuire clock ad altre macchine – ad esempio registratori digitali connessi direttamente – o ad altri network operanti in altro modo e con differenti velocità di clock. Ovviamente, in relazione anche al tipo di protocollo, dovremo decidere su quali canali o “marker” temporali sincronizzare il sistema.

Molti sistemi di distribuzione audio su rete utilizzano schede di espansione per macchine di diversi produttori, potrebbe essere necessario documentarsi sulle modalità dei selezione dei giusti riferimenti all’interno dei software di gestione delle macchine; spesso, infatti, si tratta di sapere dove si trova la giusta finestra sul software delle macchine, oltre che di sapere cosa impostare.

In questo senso non sempre è opportuno affidarsi alle modalità di autosensing che, anche se sono sempre più performanti e veritiere nella determinazione della struttura di rete, a volte possono nascondere alcuni aspetti e alcune decisioni che potrebbero rivelarsi vincenti in caso di necessità. Vedremo perché.

Se invece il clock è distribuito centralmente tramite sistemi dedicati – distributori di clock, link AES/EBU con alcuni canali utilizzati solo come distributori di segnale di sincronismo o simili – il tutto è più semplice da organizzare a patto di disabilitare praticamente tutti i sincronismi interni delle macchine, cioè tutte acquisiranno un ruolo di slave in relazione all’ingresso external clock (con rispetto di tutti i formati previsti, soprattutto a livello di cablaggio).

Quest’ultima impostazione sembrerebbe la più tranquillizzante ma in realtà può rivelarsi estremamente pericolosa se non gestita opportunamente. Pensate a cosa potrebbe succedere se durante le prove, dopo aver selezionato come sorgente per il clock l’ingresso external, il sincronismo dovesse venire meno per qualche secondo e le macchine dovessero automaticamente selezionare un ingresso valido alternativo, ad esempio quello proveniente dal network stesso.

Probabilmente nessuno si preoccuperebbe o accorgerebbe di nulla ma è probabile che il network si porti in uno stato non controllato, cioè potrebbe diventare difficile capire chi sta comandando cosa e, fattore ancora più critico, potrebbe non essere semplice determinare cosa succederebbe in caso di anomalia su un apparato. E ovviamente, funzionando tutto, nessuno si occuperebbe della faccenda fino alla temuta anomalia.

Quindi il consiglio è di occuparsi del clock come ci si occupa dei segnali “udibili” perché se è vero che senza segnale non si sente nulla è anche vero che senza clock si sente ancora meno… Diciamo che non è più così vero che quello che funziona (vedi suona) stia funzionando regolarmente.

 

 

Informazioni aggiuntive

  • Extended Classes: default

Non hai il permesso di pubblicare commenti. REGISTRATI o effettua il login:

Articoli Correlati

I PIU' POPOLARI

Prev Next

Tiziano Ferro - L’Amore è una …

Categoria: Live Concert

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce...

Hits:19304

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 24…

Categoria: News

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

Hits:17722

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Categoria: Live Concert

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Hits:16384

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Categoria: Live Concert

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Hits:14203

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stad…

Categoria: Live Concert

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Hits:14178

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale T…

Categoria: Live Concert

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Hits:12893

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Categoria: Rubriche

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Hits:12345

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Categoria: Live Concert

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo.

Hits:12154

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo m…

Categoria: Produzioni e studi

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto...

Hits:11533

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Categoria: Rubriche

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Hits:11464

Leggi tutto

ULTIMI ARTICOLI

Prev Next

nuova linea audio iLINE di Hit…

Categoria: News

nuova linea audio iLINE di HitMusic

Il distributore ligure Audio Effetti ha presentato una nuova serie di diffusori audio a colonna del marchio francese HitMusic

Hits:95

Leggi tutto

Claypaky AXCOR 300

Categoria: News

Claypaky AXCOR 300

Claypaky annuncia la nuova famiglia di teste mobili a LED Axcor 300.

Hits:370

Leggi tutto

Marillon – F.E.A.R. Tour

Categoria: Live Concert

Marillon – F.E.A.R. Tour

Le foto in anteprima del recente tour del gruppo britannico, che abbiamo intercettato nella data del 4 ottobre scorso al Teatro degli Arcimboldi di Milano

Hits:279

Leggi tutto

Libera sulla spiaggia

Categoria: News

Libera sulla spiaggia

La copertura Alusfera 76 II di LITEC è stata recentemente scelta come palco principale per una serie di concerti ed eventi sulla spiaggia unica: Summer Beach Arena...

Hits:178

Leggi tutto

Live You Play @ MIR 2018

Categoria: Uomini e Aziende

Live You Play @ MIR 2018

Dodici palchi: 72 spettacoli dal vivo, 72 demo di prodotto e 36 virtual check nei tre giorni di manifestazione

Hits:333

Leggi tutto

NovaWorld Tour Italia 2017

Categoria: News

NovaWorld Tour Italia 2017

Il 12 ottobre, si è conclusa la quinta tappa del NovaWorld Tour europeo 2017, ospitata, in esclusiva per l’Italia, proprio presso la nuova showroom di...

Hits:261

Leggi tutto

Nuova serie di mixer digitali …

Categoria: News

Nuova serie di mixer digitali Allen & Heath SQ

Allen & Heath ha presentato la nuova serie di mixer digitali SQ a 96 kHz

Hits:559

Leggi tutto

Stones – No Filter European To…

Categoria: Live Concert

Stones – No Filter European Tour 2017

Le foto in anteprima della produzione dei Rolling Stones No Filter Tour europeo, che abbiamo intercettato nell’unica tappa italiana il 23 settembre scorso a Lucca.

Hits:445

Leggi tutto

grandMA2 Advanced Training a n…

Categoria: News

grandMA2 Advanced Training a novembre

14 e 15 novembre a Bologna

Hits:197

Leggi tutto

Nuove interfacce SSL per reti …

Categoria: News

Nuove interfacce SSL per reti Dante/AES67

Solid State Logic amplia la gamma di interfacce di rete Dante/AES67.

Hits:178

Leggi tutto

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.

Utilizzando tali servizi accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di piu'

Approvo

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.
TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.