Non si sentiva una mazza

08 Lug 2007

di Stefano Cantadori

Un certo numero di anni fa mi trovavo a Londra e una sera, non avendo di meglio da fare, andai allo stadio di Wembley ad assistere al concerto di addio degli Wham.

Lo stadio era strapieno, la preziosa erbetta difesa da un tavolato di assi di legno coperte da fogli di qualche materiale sintetico, l’impianto era tanto, due muri giganteschi, il service era di quelli di gran razza e... non si sentiva una mazza.

Per meglio raccontarla, si sentivano solo i bassi ed i medio bassi. Unfa unfa unfa.

Arrampicandosi sull’altissima postazione dei mixer (sarà stata a 10 metri di altezza, almeno) magicamente, tutto si riequilibrava.

Il fenomeno non è certo nuovo a chi fra voi, esimi lettori, calca le piazze estive con cami e cami[1] di impianto per sbarcare il lunario (sempre meglio che dare l’asfalto in autostrada).

Come al solito cercheremo di capire perché.

Intendo dire: perché quelli al quinto piano dei palazzi di fronte sentono bene mentre quelli scesi in piazza sentono una schifezza. Cercheremo anche di capire perché altre volte invece, tutto funziona regolarmente.

Arriviamo un pomeriggio in piazza, facciamo le prove, tutto ok.

Arrivano le nove di sera, comincia il concerto, una schifezza. Unfa unfa unfa. Niente medie, niente acute.

Cosa è cambiato?

La temperatura. O meglio: se la temperatura dell’aria fosse omogenea non sarebbe cambiato nulla, anzi! La propagazione sarebbe risultata omogenea, tutto a posto.

Ciò che è effettivamente cambiato sono i rapporti di temperatura fra i vari strati di aria in cui il nostro suono si propaga (tali rapporti sono anche detti gradienti di temperatura).

Giova a questo punto sapere che la velocità del suono nell’aria cresce con la temperatura.

La sera dell’unfa unfa, presumibilmente l’aria si è rinfrescata, magari una piacevole brezza di mare. L’asfalto della piazza è ancora caldo. Il pubblico, che gli dei lo abbiano sempre in gloria, è accalcato, suda. Immediatamente sopra di esso si forma uno strato di aria calda, più calda dell’arietta serotina.

Il suono viaggia più velocemente nello strato di aria più calda e meno velocemente in quella più fredda.

La propagazione viene perciò incurvata.

Si dice che il suono viene rifratto, in questo caso verso l’alto. Buono per il quinto piano.

Il fenomeno, che è sicuramente di danno per i nostri concerti, attenua il rumore di strade o fabbriche nelle zone abitative limitrofe, favorendone gli abitanti che si trovano in questa “zona d’ ombra”.

Altre volte si ha il contrario. La sera del concerto l’aria è ferma, non si muove una foglia, afa afa.

Il terreno si raffredda per irradiazione di calore più velocemente dell’aria, che è un pessimo conduttore. Il pubblico magari non è così densamente accalcato come la sera prima. La zona più calda è in alto e verso il terreno c’è più fresco.

Il suono viene rifratto verso il basso. Quando incontra il suolo viene riflesso (non rifratto) e torna perciò verso l’alto ricominciando ad incurvarsi verso il basso per rifrazione. E così via fino ad esaurimento.

Succede in questi casi che rumori generati ad una certa distanza rompano maggiormente le scatole rispetto a sorgenti assai più vicine.

Prendiamo il caso di un palasport, altro luogo della musica (luogo in cui nostro malgrado siamo costretti a fare musica).

Durante le prove il pavimento è fresco e il tetto è caldo (sempre che ci sia il sole). La sera, l’adorato indispensabile pubblico emette calore mentre il tetto si è rinfrescato.

Un inciso: prima di illustrare ulteriormente il fenomeno della rifrazione, penso sia utile una considerazione di natura storica, sempre ad uso di chi fa il nostro mestiere.

Agli inizi, molti anni fa, alcuni già mettevano le casse in colonna, consci dei vantaggi dei line array[2].

Si facevano pile di medi, pile di bassi, pile di trombe e di tweeter (ebbene sì, c’erano ancora i tweeter). Allora si lavorava con elementi separati e non con casse full range. Si arrivava a legare fra loro le casse per evitare che le pile cascassero.

Poiché i promoter volevano vendere anche i biglietti dei posti di fianco al palco, qualcuno nei paesi più avanzati e ricchi ha cominciato a sollevare le casse, appendendole, sgombrando così la linea di visione del pubblico “laterale”.

Si è scoperto che facendo provenire il suono dall’alto ed inclinando le casse verso il pubblico, grazie ad un angolo di incidenza maggiore rispetto alle casse appoggiate sul palco, si riusciva a “trapanare” più efficacemente lo strato di aria calda della platea.

Si riusciva così a far meglio giungere agli ascoltatori la parte medio alta, la più soggetta ad essere rifratta. La platea poteva così “sentire bene” come il pubblico delle gradinate. Anzi meglio, poiché la platea è di solito più vicina alle casse.

Altro piccolo vantaggio dato dal nuovo angolo di provenienza è che le teste degli altri spettatori non erano più ostacolo interposto fra il punto di ascolto e la sorgente.

La rifrazione

Siamo di fronte ad un fenomeno di rifrazione (ottica) anche quando si infila un bastoncino nell’acqua e lo si vede piegato. L’esperimento dimostra che la luce si propaga più lentamente nell’acqua che non nell’aria (per il suono è il contrario).

Occupandoci di acustica, diremo che la rifrazione in un fluido in stato di quiete[3] è causata da non uniformità di velocità in zone dello spazio.

Le differenti velocità possono essere causate da non uniformità in zone dello spazio di temperatura, densità, pressione statica o composizione dei materiali. Per differenze di temperatura (gradienti di temperature riguardanti ampie zone d’aria) abbiamo appunto già portato alcuni esempi.

Quando ci occupiamo di un’interfaccia fra materiali diversi a cui corrispondono velocità decisamente diverse, si ha un brusco cambio di direzione del fronte di propagazione, proprio come avviene per il bastoncino immerso nell’acqua.

Per visualizzare il fenomeno, facciamo allo scopo un esempio “meccanico” ricorrendo ad un giocattolo che noi “vecchi” ci costruivamo da bambini: un carrettino a due ruote da tavolo.

Trascinando il carrettino con la cordicella, faremo in modo di arrivare in diagonale al confine fra la superficie liscia e quella rugosa.

Non appena la prima ruota passerà dalla zona liscia a quella rugosa, verrà improvvisamente rallentata. L’altra ruota, libera di andare più velocemente, “farà la curva” immettendo l’asse in una nuova direzione. Il raggio di curvatura dipende dalla differenza fra i due materiali. Se invece trascino il carrettino perpendicolarmente alla zona di confine, andrà diritto senza cambiare direzione.

Un esempio utile per noi concertisti può riguardare l’interfaccia aria/acqua. Quante volte abbiamo suonato vicino a laghi senza sapere perché rompevamo le scatole sull’altra sponda?

Fino ad un angolo di incidenza di 13,7 gradi il suono proveniente dall’aria “penetra” nell’acqua e in questa (meglio dire per mezzo di questa) si trasmette.

Oltre 13,7 gradi (per l’ acqua dolce) il suono è riflesso indietro all’aria e nell’acqua provoca solo un disturbo locale e superficiale.[4] Come avere del cemento.

Altre interfacce di nostro interesse sono quelle aria/solidi, ad esempio le strutture degli edifici.

Si tratta però di un argomento complicatissimo e abbiamo ben altri confini da esplorare.

Altri fenomeni di rifrazione che ci affiggono ai concerti riguardano la trasmissione del suono in condizioni di movimento di masse d’aria. Ad esempio il vento al traverso genera lo spostamento della sorgente apparente.

Interessante è il caso della trasmissione del suono con ascoltatore sottovento o sopravvento, per cui l’effetto risultante non è dovuto a quanto comunemente si crede bensì ad un altro aspetto del fenomeno. Lo vedremo un’altra volta.

La convezione, movimenti di correnti nell’aria, insieme alle rifrazioni dovute ai gradienti di temperatura, causati delle turbolenze dell’atmosfera, generano l’effetto di suono che va e che viene di un aeroplano che vola nel cielo. Stessa cosa per l’impianto che va e che viene quando “suoniamo” allo stadio.

Abbiamo però esaurito lo spazio.

Concludiamo con una massima: “Non importa quante casse mettete se l’aria non ve le trasmette”.

Tra parentesi, l’aria, che non è un mezzo perfetto anche se non mi permetto di contestarla, assorbe maggiormente gli acuti rispetto alle altre frequenze. E quando è secca ancora di più.

C’entra poco e niente ma è bello saperlo.

Vostro

Stefano Cantadori



[1] In altri testi camions e camions

[2] Le medio alte facevano schifo, Cristian Heil doveva ancora arrivare e non sapevamo come imitare un nastro partendo da un driver a compressione.

[3] Vedremo anche casi in cui il fluido non è in stato di quiete. E per i solidi? Per quanto riguarda la propagazione sonora al loro interno, li presumiamo in stato di quiete. Non saprei come fare ad agitarli senza trasformarli in fluidi.

[4] La riflessione “pura” avviene in uno specchio di acqua calma. In caso di “mare mosso”, con onde minacciose e corrusche, la superficie risulterà diffusiva, per cui le frequenze con lunghezze d’ onda paragonabili alle dimensioni delle onde – o minori- subiranno scattering, riflessioni caotiche in varie direzioni.

Informazioni aggiuntive

  • Extended Classes: default

Non hai il permesso di pubblicare commenti. REGISTRATI o effettua il login:

Articoli Correlati

I PIU' POPOLARI

Prev Next

Tiziano Ferro - L’Amore è una …

Categoria: Live Concert

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce...

Hits:19325

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 24…

Categoria: News

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

Hits:17732

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Categoria: Live Concert

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Hits:16389

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Categoria: Live Concert

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Hits:14212

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stad…

Categoria: Live Concert

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Hits:14179

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale T…

Categoria: Live Concert

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Hits:12899

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Categoria: Rubriche

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Hits:12361

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Categoria: Live Concert

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo.

Hits:12158

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo m…

Categoria: Produzioni e studi

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto...

Hits:11538

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Categoria: Rubriche

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Hits:11466

Leggi tutto

ULTIMI ARTICOLI

Prev Next

nuova linea audio iLINE di Hit…

Categoria: News

nuova linea audio iLINE di HitMusic

Il distributore ligure Audio Effetti ha presentato una nuova serie di diffusori audio a colonna del marchio francese HitMusic

Hits:106

Leggi tutto

Claypaky AXCOR 300

Categoria: News

Claypaky AXCOR 300

Claypaky annuncia la nuova famiglia di teste mobili a LED Axcor 300.

Hits:391

Leggi tutto

Marillon – F.E.A.R. Tour

Categoria: Live Concert

Marillon – F.E.A.R. Tour

Le foto in anteprima del recente tour del gruppo britannico, che abbiamo intercettato nella data del 4 ottobre scorso al Teatro degli Arcimboldi di Milano

Hits:290

Leggi tutto

Libera sulla spiaggia

Categoria: News

Libera sulla spiaggia

La copertura Alusfera 76 II di LITEC è stata recentemente scelta come palco principale per una serie di concerti ed eventi sulla spiaggia unica: Summer Beach Arena...

Hits:188

Leggi tutto

Live You Play @ MIR 2018

Categoria: Uomini e Aziende

Live You Play @ MIR 2018

Dodici palchi: 72 spettacoli dal vivo, 72 demo di prodotto e 36 virtual check nei tre giorni di manifestazione

Hits:343

Leggi tutto

NovaWorld Tour Italia 2017

Categoria: News

NovaWorld Tour Italia 2017

Il 12 ottobre, si è conclusa la quinta tappa del NovaWorld Tour europeo 2017, ospitata, in esclusiva per l’Italia, proprio presso la nuova showroom di...

Hits:267

Leggi tutto

Nuova serie di mixer digitali …

Categoria: News

Nuova serie di mixer digitali Allen & Heath SQ

Allen & Heath ha presentato la nuova serie di mixer digitali SQ a 96 kHz

Hits:587

Leggi tutto

Stones – No Filter European To…

Categoria: Live Concert

Stones – No Filter European Tour 2017

Le foto in anteprima della produzione dei Rolling Stones No Filter Tour europeo, che abbiamo intercettato nell’unica tappa italiana il 23 settembre scorso a Lucca.

Hits:451

Leggi tutto

grandMA2 Advanced Training a n…

Categoria: News

grandMA2 Advanced Training a novembre

14 e 15 novembre a Bologna

Hits:202

Leggi tutto

Nuove interfacce SSL per reti …

Categoria: News

Nuove interfacce SSL per reti Dante/AES67

Solid State Logic amplia la gamma di interfacce di rete Dante/AES67.

Hits:183

Leggi tutto

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.

Utilizzando tali servizi accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di piu'

Approvo

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.
TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.