Il preamplificatore, questo sconosciuto - seconda parte

25 Mar 2008

di Livio Argentini

Nel numero scorso di Sound&Lite abbiamo iniziato questa breve introduzione ai preamplificatori microfonici con una descrizione delle configurazioni più tipiche per i circuiti di ingresso e di uscita. Qui analizziamo, invece, alcune tra le modalità realizzative ed il relativo impatto sulla qualità sonora.

La realizzazione

Così come l’oste dice che il suo vino è il più buono, ogni costruttore reclamizza la sua tecnologia.

Facciamo un poco di chiarezza in merito. Stiamo cercando di parlare di un argomento serio, a tecnici seri su una pubblicazione seria per cui tralasceremo di parlare, come abbiamo già fatto per i microfoni a carbone, di soluzioni troglodite (valvolari o ancor peggio miste) perché, anche se assurdamente reclamizzate, sono assolutamente non compatibili con i nostri intenti di ricerca qualitativa.

Molti produttori usano ancor oggi la soluzione a componenti discreti oppure mista (componenti discreti + circuiti integrati). Questa soluzione era decisamente valida fino a 5/10 anni fa, soprattutto perché la tecnologia produttiva dei circuiti integrati (IC) era ancora in fase di sviluppo ed abbastanza grezza. Nell’ambito della tecnologia a componenti discreti, una scelta da fare riguarda l’utilizzo di transistor BJT, FET o MosFET. I FET, senza dubbio vantaggiosi quando si lavora con impedenze alte, trovano scarso impiego in un amplificatore microfonico dove si lavora con impedenze basse, ma vengono generalmente impiegati su apparecchi hi-fi, equalizzatori, canali di mixer ecc. I MosFET, che non offrono buone caratteristiche per i circuiti di ingresso, potrebbero offrire ottime performance sugli amplificatori di uscita: speriamo vengano utilizzati in un prossimo futuro (oggi vengono utilizzati con ottime performance in alcuni amplificatori di potenza).

Occorre comunque tenere presente che ormai sono anni che i produttori non sviluppano più tecnologia sui componenti discreti ma sono indirizzati quasi esclusivamente sulla tecnologia IC. Un IC, da molti considerato ancora come un piccolo mostro misterioso, non è altro che un gruppo di componenti discreti messi in un solo contenitore (chip). Questa tecnologia offre moltissimi vantaggi: tutti i componenti (transistor, FET, resistenze ecc) sono progettati dallo stesso produttore con la medesima tecnologia o quanto meno con tecnologie compatibili tra loro. Tutti i componenti sono ricavati dalla stessa placchetta di silicio con le stesse tolleranze ma soprattutto, essendo tutti i componenti disposti in una piccola area dello stesso chip, questi saranno destinati a sopportare le stesse vicissitudini termiche. Da quanto detto sembra evidente che l’unica via da seguire oggi, e ancor più in futuro, sia la tecnologia IC, considerando anche che i circuiti IC di ultimissima generazione offrono delle prestazioni veramente eccezionali che non potranno mai essere ottenute con componenti discreti.

In attese di nuovi sviluppi tecnologici, che francamente penso abbastanza improbabili, almeno nel breve periodo, la miglior soluzione per un preamplificatore microfonico è l’ingresso a stadio solido IC.

Qualità sonora

Il suono di un amplificatore è determinato da molti fattori, principalmente la distorsione e la linearità. Ci sono varie forme di distorsione: armonica, intermodulazione, crossover, fase ecc. La distorsione armonica deve essere inferiore a 1/1000 nella banda 20/ 20.000 Hz ma questa caratteristica ormai è reperibile su qualsiasi apparecchio, anche su quelli più economici. È invece molto importante testare la distorsione a frequenza molto alta, dell’ordine di 50/100 kHz, anche perché i costruttori normalmente non forniscono questo parametro che è molto importante per la timbrica. La distorsione di intermodulazione, che ha messo in crisi per molti anni tutti i produttori, classica delle valvole, è praticamente inesistente con i semiconduttori. La distorsione di crossover, che è senz’altro la più fastidiosa, si trova solamente in amplificatori non progettati bene, specialmente al variare della temperatura di lavoro se la compensazione termica non è esatta. La distorsione di fase, che influisce specialmente sulla timbrica, è direttamente connessa alla linearità e non dovrebbe superare 5 gradi tra 10 Hz e 50 kHz. La linearità deve essere estesa circa 10 volte la cosiddetta gamma audio per cui un buon amplificatore deve poter garantire una risposta lineare ed indistorta fino a 200 kHz. È assolutamente inutile, anzi deleterio, estendere la risposta oltre i 400/ 500 kHz perché non porta nessun miglioramento nel suono ma rende l’amplificatore molto più sensibile ai disturbi in alta frequenza.

A questo punto si rende necessaria la classica prova del nove, che si può fare molto semplicemente con un segnale ad onda quadra. Bisogna tenere a mente che testando un amplificatore con un segnale sinusoidale lo testiamo con un segnale praticamente inesistente in natura; un segnale ad onda quadra contiene, oltre al segnale fondamentale sinusoidale, un grande numero di armoniche e questo simula molto più efficacemente un segnale musicale composito. Un’analisi con onda quadra, essendo praticamente solo visiva, richiede una strumentazione molto semplice ed economica.

Con un po’ di esperienza, analizzando un’onda quadra si può intuire con sufficiente precisione come suonerà il nostro amplificatore. La Foto 1 (onda quadra a 10 kHz) mostra il segnale originale in ingresso da comparare con le altre immagini relative ai segnali in uscita.

 

 

FOTO 1: L’onda quadra a 10 kHz utilizzata come segnale di test per vari tipi di preamplificatori microfonici.

La Foto 2 mostra l’uscita di un amplificatore di ottime caratteristiche (tempo di salita molto breve ed assenza di autooscillazioni) che avrà sempre un bel suono pulito ed uguale all’originale.

 

FOTO 2: La risposta di un preamplificatore di ottime caratteristiche.

La Foto 3 indica un amplificatore con attenuazione delle frequenze alte e darà un suono piuttosto scuro, con scarsa risposta ai transienti.

FOTO 3: Un preamplificatore con una scarsa risposta ai transienti.

La Foto 4 indica un amplificatore con scarsa risposta alle basse frequenze.

FOTO 4: Un preamplificatore che mostra una eccessiva attenuazione delle frequenze basse.

La Foto 5 mostra un amplificatore con rotazione di fase alle alte frequenze, grande instabilità e tendenza alla autoscillazione, il suono sarà eccessivamente brillante, stridulo e con tendenza al sibilo.

 

FOTO 5: Un preamplificatore con eccessiva rotazione di fase alle alte frequenze.

La Foto 6 indica un amplificatore con grossi problemi circuitali e di scelta dei componenti (classico degli amplificatori a componenti discreti, valvolari e misti), il suono sarà sporco, rasposo e decisamente innaturale.

 

 

FOTO 6: La qualità complessiva di questo preamplificatore è decisamente

Un discorso a parte va fatto per il rumore di fondo, che dovrà, ovviamente, essere piú basso possibile. Purtroppo esistono molti standard per misurare il rumore, molti validi e reali e molti assolutamente no, per cui i dati indicati dai costruttori spesso non sono realistici e per di piú sono assolutamente non paragonabili tra loro. Spesso troviamo amplificatori che sulla carta vantano un rapporto segnale/rumore eccezionale e poi, alla prova, sono molto più rumorosi di altri meno qualificati. In questo caso l’unico test valido, anche se molto empirico, è il paragone diretto o, come si dice, “on the road”.

Per quanto riguarda la componentistica, oggi ha raggiunto una stabilità ed un’affidabilità veramente assoluta, sia sui componenti discreti sia su quelli SMD (Surface Mounted Devices, componenti a montaggio superficiale).

Questi ultimi, se da un lato hanno dei costi di produzione industriale molto più bassi, sono meccanicamente molto più delicati, quindi meno adatti ad apparecchi soggetti a continui spostamenti. Occorre anche tenere presente che è quasi impossibile riparare una scheda in SMD senza disporre di attrezzature molto sofisticate. Un altro problema delle schede SMD è il surriscaldamento dovuto alle minime dimensioni dei componenti ed alla loro alta concentrazione e, come si sa, la temperatura influisce sia sul rumore di fondo sia sulla durata dei componenti stessi.

Sperando che queste poche righe abbiano chiarito un poco le idee ai nostri lettori, non resta altro che augurar loro buone registrazioni.

 

 

Informazioni aggiuntive

  • Extended Classes: default

Non hai il permesso di pubblicare commenti. REGISTRATI o effettua il login:

Articoli Correlati

I PIU' POPOLARI

Prev Next

Tiziano Ferro - L’Amore è una …

Categoria: Live Concert

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce...

Hits:18028

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 24…

Categoria: News

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

Hits:16954

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Categoria: Live Concert

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Hits:15902

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stad…

Categoria: Live Concert

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Hits:13908

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Categoria: Live Concert

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Hits:13750

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale T…

Categoria: Live Concert

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Hits:12613

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Categoria: Rubriche

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Hits:11726

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Categoria: Live Concert

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo.

Hits:11574

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Categoria: Rubriche

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Hits:11130

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo m…

Categoria: Produzioni e studi

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto...

Hits:10962

Leggi tutto

ULTIMI ARTICOLI

Prev Next

Battiti Live 2017

Categoria: Live Concert

Battiti Live 2017

La manifestazione di Radionorba a Bari

Hits:226

Leggi tutto

Nova World Tour Europe 2017

Categoria: Uomini e Aziende

Nova World Tour Europe 2017

Music & Lights, in collaborazione con Novastar, presenta l’evento “Visualize your imagination”, il 12 ottobre presso la sede di Music & Lights.

Hits:43

Leggi tutto

Clay Paky K-EYE HCR vince ai P…

Categoria: Uomini e Aziende

Clay Paky K-EYE HCR vince ai Plasa Awards

Claypaky si è aggiudicata un “Plasa Awards of Innovation”, uno dei più rinomati e qualificati riconoscimenti nel settore dell’Entertainment, con K-EYE HCR K-20

Hits:93

Leggi tutto

Andi Watson 
e Radiohead

Categoria: Personaggio

Andi Watson 
e Radiohead

Nell’occasione del concerto dei Radiohead quest’estate a Firenze, abbiamo avuto l’opportunità di parlare a lungo con il rinomato lighting e set designer Andi Watson: della...

Hits:948

Leggi tutto

ETC ColorSource Cyc

Categoria: News

ETC ColorSource Cyc

Il costruttore americano presenta il nuovo proiettore per ciclorama della famiglia ColorSource alla fiera PLASA 2017.

Hits:84

Leggi tutto

DiGiCo DMI-MIC

Categoria: News

DiGiCo DMI-MIC

La casa costruttrice inglese offre una nuova scheda opzionale per espandere il numero di ingressi microfonici delle console della Serie S.

Hits:118

Leggi tutto

Francesco Gabbani - Tour 2017

Categoria: Live Concert

Francesco Gabbani - Tour 2017

Abbiamo intercettato il tour estivo di Francesco Gabbani in una delle sue date conclusive, il 17 settembre al Parco Nord di Bologna. Per il momento,...

Hits:578

Leggi tutto

Sound&Lite numero 127

Categoria: News

Sound&Lite numero 127

Il nuovo numero di Sound&Lite è online!

Hits:530

Leggi tutto

Elation a PLASA 2017

Categoria: News

Elation a PLASA 2017

Due nuovi prodotti Elation Professional presentati alla prossima fiera PLASA di Londra.

Hits:120

Leggi tutto

RGBLink VSP628pro II e RMS 842…

Categoria: News

RGBLink VSP628pro II e RMS 8424S

Il distributore ligure Audio Effetti ha annunciato due interessanti nuovi prodotti di RGBLink, che saranno ufficialmente presentati presso lo stand RGBLink 10-A41 all’imminente IBC  dal...

Hits:165

Leggi tutto

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.

Utilizzando tali servizi accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di piu'

Approvo

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.
TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.