La morte delle console luci

25 Lug 2009

di Emiliano Morgia

Avete visto un film d’azione ultimamente? Uno di quelli pieni di effetti speciali con esplosioni, camere 3D, salti da un palazzo all’altro e vino d’argento in nave spaziale? Belli vero? Io li adoro!

Sono produzioni da milioni di dollari/euro di budget, le case di produzione li spendono regolarmente, e dedicano un bella fetta agli effetti speciali. Le fette della torta sono così grandi che fanno impallidire il piccolo mercato dell’illuminazione da spettacolo. Eppure in questo mercato da guerre stellari e di tecnologia avanzatissima, in cui i computer hanno compiti specifici e gli applicativi sono mirati solo alla realizzazione di un particolare effetto, i programmatori che realizzano le complesse scene di effetti o addirittura interi film di animazione in computer graphics, utilizzano la più semplice delle interfacce utente: il mouse e la tastiera. Perché non hanno un computer con una superficie piena di leve e rotelle o qualche altro tipo di interfaccia in grado di semplificare la creazione di effetti o la manipolazione dei contenuti? Anche il semplice montaggio di un lungometraggio girato in cinealta viene affidato a strumenti come Final Cut e manipolati con Adobe After Effects o Apple Shake e altri. Tutti questi sono strumenti software che vengono controllati tramite le stesse interfacce che sto utilizzando io per scrivere.

Come per il settore dell’illuminotecnica da spettacolo, anche quello della cinematografia ha bisogno di strumenti mirati e capaci di economizzare il lavoro, non far perdere tempo agli operatori e produrre ottimi risultati in tempi brevi. Cioè, come dire, sbrigati a fare i puntamenti che tra due ore c’è sipario. La differenza sostanziale tra il loro ed il nostro mercato sono le risorse finanziarie. Mentre una console luci noleggiata da un service ad una produzione può costare poche centinaia di euro alla settimana, la produzione di un film costa centinaia di migliaia o milioni di dollari. Se ne evince che se ci fosse la necessità di avere un mezzo migliore per produrre il film, l’industria dell’editing l’avrebbe realizzato; invece no: solo mouse e tastiera.

Questo cruccio ha iniziato a tormentarmi da molto tempo, dai tempi in cui le console luci visualizzavano sullo schermo numeretti verdi molto simili al codice MATRIX e avevano processori 386 quando il mondo viveva dei primi Pentium. Già 15 anni fa c’era qualche cosa di strano. L’anomalia continua oggi con la disparità di prezzi e prestazioni: console da 50 mila euro hanno hard disk da 40 gigabyte o addirittura non ne hanno proprio, montano processori che non sono più presenti nemmeno nei computer che trovate negli scaffali dei supermercati. Incredibilmente la potenza di calcolo di un computer da 400 euro supera di gran lunga quella di una console da 50 mila euro! Non vi sembra strano?

Bene, da qualche tempo le cose stanno cambiando e, in effetti, le modernissime console stanno cercando di conformarsi al mercato consumer. Le aziende utilizzano sistemi operativi come Linux o addirittura Windows per far girare programmi più o meno complessi per l’editing delle scene luminose. Faccio riferimento alle console americane, a quelle tedesche ed a quelle danesi. Se le aprite, o se chiedete al vostro distributore di zona che tipo di processore è montato nella console, verrete a scoprire che non è dissimile da quello del computer da 400 euro sempre esposto nello scaffale del supermercato. Con una piccola differenza di prezzo: le console costano molto di più e non hanno neanche i video giochi.

Fatto certo che il mercato nel quale vengono venduti i controller luci da spettacolo è diverso da quello del supermercato dove si trova il computer da 400 euro, è pur vero che l’industria dell’informatica non può certamente rallentare alla velocità del rock&roll o teatro/TV: mese dopo mese il PC sullo scaffale costa sempre 400 euro ma raddoppiano la capacità di calcolo e le prestazioni. Insomma di console ne vengono vendute poche in un mercato di nicchia mentre di computer ne vengono venduti molti nel mercato globale.

Ci si accorge che in breve tempo e ciclicamente le tecnologie utilizzate nel nostro mercato sono vecchie e obsolete. Un esempio? Il miglior concept di controller luci è stato annunciato anni fa, poi presentato nelle fiere e incorpora la tecnologia multitouch! Diversamente dal mio melafonino, venduto in tutto il mondo in 50 milioni di pezzi, il bellissimo concept tedesco è ancora chiuso nei laboratori. In altre parole non si riesce a tenere il passo: il mondo va avanti e la nostra industria corre con piccole gambette appresso ai passi da gigante dell’evoluzione informatica.

Premesso questo, ho capito che siamo vicini alla svolta, al cambio epocale, alla rivoluzione del settore. Presto ci sarà LA MORTE DELLA CONSOLE LUCI.

Prima di farla morire, però, facciamo una vivisezione del cadavere. Che cosa è una console luci se non un computer da 400 euro da supermercato che costa però quarantanovemilaseicento euro in più? Che cosa costa quarantanovemilaseicento euro un più? Volete saperlo? Il costo è dato dal piccolo mercato nel quale vengono commercializzate e dalle maledette leve ed i maledetti bottoni. Insomma la console costa perché è un computer da 400 euro “super customizzato” con l’aggiunta empirica di schede, monitor, leve, bottoni, rotelle, palle, spine e chi più ne ha più ne metta. Addirittura esistevano modelli con i cingoli! Come un carro armato! Chiaramente enfatizzo, ma i conti cantano e gli elevatissimi prezzi di questi editor luci sono a mio avviso un sintomo.

Non dico assolutamente che i prezzi siano eccessivi per quello che viene venduto ma che quello che viene venduto sia inutile al giorno d’oggi.

Molti di voi avranno installato uno dei tanti editor off-line della console preferita. Tutti i produttori ne hanno messo uno a disposizione e tutti avrete provato a fare il patch o ad esercitarvi a casa per aumentare la vostra produttività, ma ben pochi avranno usato lo stesso programma durante un evento e mi permetto di immaginare anche il perché di questa restrizione. Usare il programma sul PC è molto scomodo e non è facile come la console vera. Quella sì che è bella piena di leve e bottoni! Il PC no... è solo buono per mandare le mail.

Beh, sono d’accordo: gli off-line editor sono davvero scomodi da usare sul PC, le finestre si accavallano una sopra l’altra, e soprattutto la cosa più scomoda è dover trovare i bottoni nella riproduzione virtuale della console reale. Tutti gli off-line editor hanno la “foto” del pannello della consolle vera e propria, cioè tutti gli off-line editor sono dei SIMULATORI di console luci. Perchè le leve e le rotelle sono molto belle.

Strano però che, come scrivevo sopra, interi film da milioni di dollari/euro di budget vengano realizzati con i PC corredati di mouse e tastiera, e non pieni di leve e rotelle molto belle.

Se si cerca di simulare una console che pesa 40 kg e che ha una superficie di controllo completamente diversa da un monitor di un PC è sicuramente molto difficile interagire con essa.

Io credo che leve e rotelle non siano belle, anzi, tutt’altro: sono la rovina del mercato.

Come da proclama scritto sopra, siamo arrivati vicini alla rivoluzione, cioè presto avremo un software disegnato appositamente per essere usato sul personal computer, ottimizzato per mouse e tastiera. In altre parole un vero software luci e non un SIMULATORE di console. La rivoluzione sarà nei costi e nelle prestazioni. Immaginate di poter comprare un software da installare sul vostro computer e di ricevere continui aggiornamenti, cioè immaginate una base dalla quale partire che anno dopo anno si evolve. È un’evoluzione che durerà oltre qualsiasi hardware “customizzato”. In altre parole una semplice applicazione per personal computer. Software come LightJockey non hanno preso piede nella fascia alta del mercato semplicemente perché non sono stati disegnati per la fascia alta ma per quella media, e in quella fascia LJ l’ha fatta da padrone.

Nella fascia professionale medio-alta si è sempre pensato che più leve si hanno a disposizione più sia facile controllare le luci, un po’ come tanti anni fa faceva fico andare in giro con le Avolites. Quelle belle consollone piene di cursori verdi e rossi, belle pesanti, robuste. Poi, quando arrivò quella piccola macchietta blu della Wholehog II (la vera ed unica Wholehog!), sbancò il mercato. La particolarità della console inglese era quella di avere solo otto leve ma una rivoluzione chiamata “motori effetti”. Questo rivoluzionò il modo di programmare i movimenti ed i chaser: se prima era necessario avere diverse leve per posizionare diversi chaser o movimenti, con l’arrivo del motore effetti il modo di programmare cambiò radicalmente.

Io dico che presto da otto fader si passerà a “Zero Fader” e zero rotelle.

Vi porto un altro esempio di come negli anni le interfacce utente siano cambiate e di come stiano cambiando giorno dopo giorno. Una volta si usava la rotella per selezionare i gobos, oggi si pigia un semplice bottone. Non è più necessario cercare le funzioni del proiettore che state usando, oggi le funzioni vi vengono proposte dal controller stesso grazie alle sempre più dettagliate librerie.

E immaginiamo anche quanto il video stia interagendo con l’illuminotecnica. Quasi tutte le aziende che producono console luci ne hanno a catalogo almeno una dotata di mediaserver.

Oggi il video è luce ma raramente si modula un video usando un fader. Il video è una sequenza di immagini pre-programmate che vengono avviate tramite la pressione di un pulsante e sincronizzate a tempo di musica come in un videoclip.

I disegnatori Photoshop, guarda caso, usano le tavolette grafiche, un ottimo esempio di come in effetti mouse e tastiera non siano la migliore delle interfacce utente, ma a differenza del nostro settore il disegnatore Photoshop cambia il suo computer Apple ogni quattro anni con una spesa di tremila euro e non 50 mila.

Cinquantamila euro non sono pochi e il mercato italiano non permette ad un libero professionista di fare investimenti del genere anche perché i rischi sono davvero altissimi. Non ho mai invidiato chi si è lanciato nell’acquisto di una Wholehog personale, sapendo bene i rischi che correva. Immaginate 150 mila persone pronte a 5 minuti dallo spettacolo e una bella biondina che avete invitato in regia che inciampa e versa la sua bibita sulla console, cioè sulla VOSTRA console! Se un service può permettersi di avere una console di scorta, un libero professionista difficilmente, o per meglio dire con estrema difficoltà, potrebbe caricarsi due Wholehog 3 in macchina e fermarsi in autogrill lasciando 80 mila euro di materiale incustodito.

Mentre il disegnatore Photoshop non ha problemi con la sua piccola tavoletta grafica.

Quello che vedo arrivare nell’imminente futuro è un’applicazione corredata di una superficie di controllo minimale, o che utilizzi le miriade di superfici MIDI presenti sul mercato.

Sono sicuro che quando questo articolo capiterà nelle mani di qualche distributore, mi verranno tirati non pochi accidenti... perchè si potrebbe dedurre che io stia invitando a non comprare più console. Ma, al contrario, sto vedendo una rivoluzione, già iniziata, in cui le console luci verranno comprate da tutti gli utilizzatori e non solo dai pochi service che se lo possono permettere. Immaginate quante persone, a rotazione, utilizzano una singola console da 50 mila euro e quante invece ne comprerebbero una da 5 mila con accessori relativi e superfici di controllo, moduli di espansione, monitor touchscreen di diverse dimensioni, l’ultimo portatile ultra sottile e tutto quello che è possibile aggiungere ad un programma per PC.

Una rivoluzione del futuro?

No, è una rivoluzione già iniziata. Sono diversi i software disegnati direttamente per funzionare su un PC con mouse e tastiera. Certo l’uso esterno di periferiche adeguate a tutte le esigenze è necessario, come ad esempio piccole espansioni con leve e rotelle, ma il tutto è molto diverso da quanto commercializzato in precedenza. La grande differenza è che il core system, la parte centrale del sistema, è un semplice PC. Ho enfatizzato il concetto di PC da 400 euro, in realtà è consigliato un PC professionale, dotato di certi accorgimenti, come un sistema operativo dedicato. Per farvi un esempio, la mia Jands Vista gira su un Mac Pro quadcore 2,66 ed utilizzo due monitor da 15” per aumentare lo spazio di lavoro disponibile e facilitare le operazioni di programmazione; le uscite Artnet sono infinite, ma io al momento ho solo 4 uscite fisiche. La mia scelta è ricaduta sulla Jands Vista in versione applicazione perchè mi permette di economizzare le spese hardware. Lavorando principalmente con i media server Catalyst, che girano su Mac Pro, con Jands Vista ho un sistema perfetto. Due Mac Pro sui quali gira il sistema Media Server Catalyst PM ed un Mac Pro sul quale gira Jands Vista. Con il MacBook Pro 15” portatile della Mela ho un back-up perfetto. Se uno dei Mac Pro dei Catalyst dovesse avere problemi, posso fare uno swap in pochi minuti e riabilitare il sistema, operazione che sarebbe stata impossibile con hardware proprietari, senza parlare dei costi, molto più alti così come la difficoltà del trasporto.

Ed è nei costi la vera rivoluzione in corso. Abbassando i costi di un sistema si è finalmente liberi di comprare gli strumenti necessari per lavorare. Quindi non è più il grosso service che deve spendere 50.000 euro per una console luci che sarà noleggiata solo quando necessario, ma è il libero professionista che può comprare il set di strumenti necessari alla programmazione luci ed utilizzarlo come strumento personale. Il service stesso (se intelligente) capisce il valore di un’operazione del genere: consolle e media server sono strumenti specifici che richiedono una dedizione, un esercizio ed una competenza straordinarie e solo se di proprietà di chi li adopera si possono raggiungere livelli eccelsi. In altre parole, avere il controller luci sul PC o sul Mac è come avere la propria chitarra o ancora meglio la propria tromba: voi appoggereste mai le vostre labbra sul bocchino di un altro trombettiere

Informazioni aggiuntive

  • Extended Classes: default

Non hai il permesso di pubblicare commenti. REGISTRATI o effettua il login:

Articoli Correlati

I PIU' POPOLARI

Prev Next

Tiziano Ferro - L’Amore è una …

Categoria: Live Concert

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce...

Hits:18021

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 24…

Categoria: News

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

Hits:16944

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Categoria: Live Concert

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Hits:15898

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stad…

Categoria: Live Concert

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Hits:13907

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Categoria: Live Concert

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Hits:13742

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale T…

Categoria: Live Concert

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Hits:12611

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Categoria: Rubriche

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Hits:11720

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Categoria: Live Concert

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo.

Hits:11565

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Categoria: Rubriche

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Hits:11126

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo m…

Categoria: Produzioni e studi

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto...

Hits:10955

Leggi tutto

ULTIMI ARTICOLI

Prev Next

Clay Paky K-EYE HCR vince ai P…

Categoria: Uomini e Aziende

Clay Paky K-EYE HCR vince ai Plasa Awards

Claypaky si è aggiudicata un “Plasa Awards of Innovation”, uno dei più rinomati e qualificati riconoscimenti nel settore dell’Entertainment, con K-EYE HCR K-20

Hits:87

Leggi tutto

Andi Watson 
e Radiohead

Categoria: Personaggio

Andi Watson 
e Radiohead

Nell’occasione del concerto dei Radiohead quest’estate a Firenze, abbiamo avuto l’opportunità di parlare a lungo con il rinomato lighting e set designer Andi Watson: della...

Hits:939

Leggi tutto

ETC ColorSource Cyc

Categoria: News

ETC ColorSource Cyc

Il costruttore americano presenta il nuovo proiettore per ciclorama della famiglia ColorSource alla fiera PLASA 2017.

Hits:78

Leggi tutto

DiGiCo DMI-MIC

Categoria: News

DiGiCo DMI-MIC

La casa costruttrice inglese offre una nuova scheda opzionale per espandere il numero di ingressi microfonici delle console della Serie S.

Hits:113

Leggi tutto

Francesco Gabbani - Tour 2017

Categoria: Live Concert

Francesco Gabbani - Tour 2017

Abbiamo intercettato il tour estivo di Francesco Gabbani in una delle sue date conclusive, il 17 settembre al Parco Nord di Bologna. Per il momento,...

Hits:563

Leggi tutto

Sound&Lite numero 127

Categoria: News

Sound&Lite numero 127

Il nuovo numero di Sound&Lite è online!

Hits:519

Leggi tutto

Elation a PLASA 2017

Categoria: News

Elation a PLASA 2017

Due nuovi prodotti Elation Professional presentati alla prossima fiera PLASA di Londra.

Hits:112

Leggi tutto

RGBLink VSP628pro II e RMS 842…

Categoria: News

RGBLink VSP628pro II e RMS 8424S

Il distributore ligure Audio Effetti ha annunciato due interessanti nuovi prodotti di RGBLink, che saranno ufficialmente presentati presso lo stand RGBLink 10-A41 all’imminente IBC  dal...

Hits:161

Leggi tutto

Ayrton a PLASA 2017

Categoria: News

Ayrton a PLASA 2017

Ayrton prosegue le celebrazioni del proprio quindicesimo anniversario, con il lancio di nuovi ed interessanti prodotti alla 40a fiera PLASA a Londra.

Hits:194

Leggi tutto

Music & Lights @ Plasa2017

Categoria: News

Music & Lights @ Plasa2017

Una selezione di prodotti dei brand Prolight, ArchWork e DAD sarà in mostra presso lo stand del distributore UK, A.C. Entertainment Technologies (E30A), durante il...

Hits:230

Leggi tutto

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.

Utilizzando tali servizi accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di piu'

Approvo

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.
TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.