L’Apparenza Inganna

18 Mag 2010

di Stefano Cantadori

Nel nostro mestiere di portatori di suono, quasi sempre facciamo le cose… ad orecchio.

È sicuramente lo strumento più importante del quale siamo dotati ma, spesso, non è neanche lontanamente sufficiente.

Chi progetta, ad esempio, un amplificatore, non può andare ad orecchio o in base a credenze popolari. Quelli che pretendevano di farlo in passato hanno chiuso l’azienda e a malapena se ne conserva il ricordo.

Il progettista odierno dovrà continuamente simulare al computer e misurare il circuito reale, variando parametri hardware e software per assicurarsi di ottenere minima distorsione, il giusto rumore di fondo, corrente e tensione sufficienti e molto altro ancora. Gli ingressi, presumibilmente bilanciati, saranno ottimizzati per la reiezione al rumore di modo comune.

Quasi ogni componente dell’alimentazione influenza prestazioni e suono della parte audio. Modifiche e perfezionamenti di una parte del circuito possono essere riflesse in un’altra, non sempre per il meglio. Si dovranno mantenere equilibri difficili, passando dalla instabilità alla stabilità grazie a pochi centimetri di rame in più o in meno. Al progettista le orecchie, nel suo lungo e difficile percorso sul singolo prodotto, non servono granché. Servono idee chiare e gli strumenti adatti, compresi quelli di misura. Solo così potrà leggere un rumore di fondo e abbassarlo variando magari semplicemente il valore di una resistenza. Nessun costo aggiuntivo. Stessa cosa per le distorsioni armoniche. Non serve l’oscilloscopio, ci vuole uno strumento audio dedicato, e non lo puoi fare ad orecchio.

Alla fine dell’opera, chiamato a giudicare il risultato estetico del suo nuovo apparecchio, il nostro uomo potrà dar aria ai padiglioni.

Quasi con certezza il progetto avrà subito modifiche in produzione, c’è l’ufficio acquisti e la reperibilità dei componenti, difficoltà produttive, sopravvenuti criteri di economicità.

Anche nel caso in cui non siano avvenute modifiche rispetto al prototipo, il progettista saprà che ciò che giunge al suo cervello dipende dal trasduttore assai più che dai suoi transistor.

Non solo conterà il carattere sonoro degli altoparlanti di tal marca e modello, il risultato sarà influenzato dalle minute variazioni di risposta ampiezza/frequenza, causate dalla curva di impedenza sul quale l’ampli è chiamato ad erogare potenza.

Altro carico da pilotare, altra funzione di trasferimento, altro bilanciamento spettrale. Ne consegue che le orecchie (da sole) non sono in grado di giudicare in modo “assoluto” l’amplificatore. E possono fare ben poco anche in modo relativo: ascolti musica in quel posto con quel disco a quell’ora dopo aver mangiato cipolle. Cambi una condizione, cambiato tutto.

La bontà del prodotto, oltre che da affidabilità e robustezza, dipenderà perciò da quello che il progettista ha potuto ottenere e misurare in modo oggettivo. Non solo con il tuo disco quel giorno e con quelle casse.

Sicché un bel giorno l’ampli arriverà al mercato con l’intento di farsi comprare, poveretto, già schiavo e derelitto ancor prima di iniziare la carriera. Qualcuno ne decanterà le doti: “Comprate signori questo amplificatore nubiano per tirare i vostri aratri”. E ancora: “Ha denti buoni ed è di indole docile”.

Quanto buoni? Duri e resistenti come l’acciaio 704 o come il ferro dolce? E se gli pesti un piede, di quanti gradi gli girerà l’indole?

Un po’? Come a mio zio Ermete la domenica pomeriggio? Non sono parametri oggettivi, pesabili e riproducibili.

L’amplificatore l’ho citato come esempio, perché mi è venuto così. Ma intanto che ci siamo… Negli ultimi anni si è radicalmente modificato il concetto di potenza emessa da un amplificatore. L’avvento degli ampli switching (erroneamente chiamati digitali, ragazzi non fatelo più) non permette l’adozione dei criteri standard che furono creati un tempo per la dichiarazione delle specifiche degli amplificatori lineari.

Ogni costruttore di ampli switching dichiara perciò la sua potenza secondo un proprio criterio.

Sul mercato, da questa parte della barricata, troppo spesso non sappiamo con cosa abbiamo a che fare. Quale scegliere? E perché? Scegliamo il più costoso così siamo più sicuri? O il più blasonato? O quello con il pannello più sexy?

Ricordo al lettore la saga delle pressioni sonore dichiarate dai costruttori di casse. Balle spaziali, il più delle volte. Quando va bene criteri arbitrari e variabili da pagina a pagina dello stesso catalogo (senza avvertire, però). Scrissi un articolo di questa serie, e non ci torno sopra.

Probabilmente, come dice un mio amico, sceglieremo l’ampli “a sentimento”.

Oppure, come leggo ultimamente, a blasone. Blasonato significa nobile, aristocratico. Per me, che vengo dal popolo, a sentimento mi sembra poco democratico ricorrere al blasone. Sembra una caratteristica che non concede agli altri pari opportunità. Quali sono i criteri che hanno dato origine ad un blasone?

E anche nel caso il titolo di famiglia sia ben meritato, meglio Mercedes o BMW o Audi? O altro?

In pratica, invece di cercare di procurarci gli strumenti per giudicare il prodotto in sé, tutti noi ci facciamo guidare dall’ennesimo pacchetto di convinzioni, percezioni, sentito dire e feeling. Le solite sensazioni più o meno arbitrarie, che variano da individuo a individuo e che tendono ad assumere omogeneità per annidamento nel marchio.

Aleatoria anche la potenza degli ampli oltre alla pressione delle casse? Un po’ aleatoria andrebbe bene, si può sempre discutere di lana caprina fra gentiluomini.

Ma ormai stiamo esagerando. Ci mandano in giro orbi e scegliamo mixer che distorcono (si dice che suonano male) che saturano la barra sommatoria ogni tre per due, che traggono bumba da alimentazioni che combattono con l’audio avendone la meglio, ci facciamo abbindolare da fantomatici preamplificatori che poi altro non sono che quei tre chip di quei tre costruttori, beviamo mixer digitali che sui filtri fanno FRRRPP quando li muovi (si chiama zipper noise e non serve uno strumento per sentirlo) e ci atteggiamo a fighi con prodotti di marca. Io compreso. Ti metti in posa con un braccio sul cartone. Cazzo che figo questo prodotto. Sulla carta e sulle raccomandazioni. Poi scopro che è una bufala.

Sveglia! Lo dico a me stesso, che di bufale ne ho raccolte tante, sono credulone e di indole generosa.

Il marchio da solo è una coperta troppo corta e non copre tutti i prodotti. Ogni casa offre prodotti buoni, meno buoni, imbarazzanti. Vale per i costruttori di automobili e per quelli di aeroplani, vale anche per quelli dell’audio.

Io stesso, che sono dotato di strumenti raffinati e capacità di usarli, sono più di una volta rimasto infinocchiato andando in fiducia. Come può quel costruttore sbagliare una cosa così semplice? E quell’altro fare una cassa che fa orrore? Impossibile, quindi si fa l’ordine. Morale: ho montagne di roba da rottamare.

Ne pago le conseguenze, non desiderando girare ad altri i miei errori, ma inevitabilmente qualche schifezza nel corso del tempo mi è scivolata fra le dita, e seppur l’abbia ricomprata con le scuse, l’imbarazzo rimane. Se avessi vagliato quei prodotti con lo strumento di misura, non sarei rimasto vittima di blasoni e circostanze.

Un’altra cosa che non mi va giù è l’idea che “se è caro è buono”.

È il trucco più antico del mondo. L’apparenza prima della sostanza. È buono solo se è oggettivamente misurabilmente buono. Accettarne un prezzo magari elevato è successiva decisione personale, tra l’altro perfettamente accettabile.

Ma che la qualità di una borsa griffata ne giustifichi il prezzo lunare, proprio no.

Le donne sognano una borsa di pelle da 4000 euro che nella pratica è una borsa di pelle come le altre. Ma costa 4000 euro, la vendono, quindi automaticamente è la cosa da avere per sbaragliare la concorrenza (le donne vivono in un ambiente molto competitivo).

Ci tornerò sopra, anche perché non vorrei si pensasse che professo e raccomando l’adozione di “cineserie”. Raccomando l’adozione di metodi anche oggettivi per giudicare i prodotti. Valutarli esclusivamente “a sentimento” è (oggi) troppo rischioso, chiude le porte alle belle sorprese, fa spendere troppi soldi inutilmente, non permette l’avanzamento della scienza e della tecnica e l’arrivo di nuovi marchi. E permette ai vecchi di blasonarti.

Vostro Canarino

Informazioni aggiuntive

  • Extended Classes: default

Non hai il permesso di pubblicare commenti. REGISTRATI o effettua il login:

Articoli Correlati

I PIU' POPOLARI

Prev Next

Tiziano Ferro - L’Amore è una …

Categoria: Live Concert

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce...

Hits:18029

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 24…

Categoria: News

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

Hits:16955

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Categoria: Live Concert

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Hits:15902

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stad…

Categoria: Live Concert

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Hits:13908

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Categoria: Live Concert

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Hits:13750

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale T…

Categoria: Live Concert

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Hits:12613

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Categoria: Rubriche

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Hits:11726

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Categoria: Live Concert

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo.

Hits:11574

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Categoria: Rubriche

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Hits:11130

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo m…

Categoria: Produzioni e studi

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto...

Hits:10962

Leggi tutto

ULTIMI ARTICOLI

Prev Next

Battiti Live 2017

Categoria: Live Concert

Battiti Live 2017

La manifestazione di Radionorba a Bari

Hits:229

Leggi tutto

Nova World Tour Europe 2017

Categoria: Uomini e Aziende

Nova World Tour Europe 2017

Music & Lights, in collaborazione con Novastar, presenta l’evento “Visualize your imagination”, il 12 ottobre presso la sede di Music & Lights.

Hits:43

Leggi tutto

Clay Paky K-EYE HCR vince ai P…

Categoria: Uomini e Aziende

Clay Paky K-EYE HCR vince ai Plasa Awards

Claypaky si è aggiudicata un “Plasa Awards of Innovation”, uno dei più rinomati e qualificati riconoscimenti nel settore dell’Entertainment, con K-EYE HCR K-20

Hits:93

Leggi tutto

Andi Watson 
e Radiohead

Categoria: Personaggio

Andi Watson 
e Radiohead

Nell’occasione del concerto dei Radiohead quest’estate a Firenze, abbiamo avuto l’opportunità di parlare a lungo con il rinomato lighting e set designer Andi Watson: della...

Hits:948

Leggi tutto

ETC ColorSource Cyc

Categoria: News

ETC ColorSource Cyc

Il costruttore americano presenta il nuovo proiettore per ciclorama della famiglia ColorSource alla fiera PLASA 2017.

Hits:84

Leggi tutto

DiGiCo DMI-MIC

Categoria: News

DiGiCo DMI-MIC

La casa costruttrice inglese offre una nuova scheda opzionale per espandere il numero di ingressi microfonici delle console della Serie S.

Hits:118

Leggi tutto

Francesco Gabbani - Tour 2017

Categoria: Live Concert

Francesco Gabbani - Tour 2017

Abbiamo intercettato il tour estivo di Francesco Gabbani in una delle sue date conclusive, il 17 settembre al Parco Nord di Bologna. Per il momento,...

Hits:578

Leggi tutto

Sound&Lite numero 127

Categoria: News

Sound&Lite numero 127

Il nuovo numero di Sound&Lite è online!

Hits:530

Leggi tutto

Elation a PLASA 2017

Categoria: News

Elation a PLASA 2017

Due nuovi prodotti Elation Professional presentati alla prossima fiera PLASA di Londra.

Hits:120

Leggi tutto

RGBLink VSP628pro II e RMS 842…

Categoria: News

RGBLink VSP628pro II e RMS 8424S

Il distributore ligure Audio Effetti ha annunciato due interessanti nuovi prodotti di RGBLink, che saranno ufficialmente presentati presso lo stand RGBLink 10-A41 all’imminente IBC  dal...

Hits:165

Leggi tutto

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.

Utilizzando tali servizi accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di piu'

Approvo

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.
TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.