Uomo e macchina - 2 parte

11 Lug 2011

di Aldo Visentin

 

Per riprendere il discorso che è stato interrotto nel numero di gennaio: gli operatori luci hanno diversi approcci fisici verso le console, approcci che risultano essere esplicativi di quale “confidenza” l’operatore abbia verso la console stessa, e che costituiscono un vero e proprio linguaggio del corpo.

Continuiamo quindi la nostra classificazione di alcuni di questi “gesti” dei programmatori luci più disperati, e le relative deduzioni che se ne possono trarre.

Non guardo la Consolle, ma mi guardo intorno...

La cosa di rilievo di questo approccio è “come” l’operatore (o presunto tale) si guarda intorno. Normalmente i modi sono due: con aria superiore o con circospezione. Quest’ultima è una delle modalità più gravi e, se ci pensate bene, l’abbiamo già vista molte volte da ragazzi a scuola durante il compito in classe (bei tempi quelli!). L’operatore non sa che pesci pigliare ma questo è l’ultimo dei suoi problemi. Il vero problema è: “Sicuramente qualcuno là fuori se ne potrebbe accorgere, che non so neppure come si accende la cosa (un collega o, peggio, chi mi paga...), e quindi è meglio tenerlo d’occhio”. Chi ha il sospetto ha il difetto! Chi invece si guarda intorno con aria di superiorità in realtà esorcizza al contrario il problema, ossia: “Non so da dove cominciare ma sarò comunque io l’operatore luci che accenderà una lampadina sulla testa del malcapitato famoso”.

Risultato scenico: c’è da sperare che ci siano almeno dei par; meglio se non “gelatinati”.

Programmo modello “macchina da scrivere”

Sono decisamente quegli operatori che seminano invidia (a me compreso...).

Quando si muovono sono seguiti da un crocchio di adepti che ne osservano esterrefatti le gesta, come discepoli apostolici. Tali operatori “fenomeno” non parlano mai e prima di iniziare il loro lavoro indossano dei guanti da lavoro di colore bianco o nero secondo la stagione. Quando devono “comunicare con l’esterno” utilizzano gli apostoli circostanti che fungono da “device esterni” di I/O.

Il rapporto uomo-macchina che esiste presso questa categoria di operatori non è più quello classicamente inteso, ma in realtà la console in questo caso diventa “un’estensione fisica” dell’operatore stesso, ossia il sistema neurale delle due cose è un tutt’uno. Nella mia esperienza di disegnatore luci mi è capitato di incontrare questi programmatori “estremi” e ho notato che bisogna porre particolare attenzione alla sequenza operativa dei comandi a loro impartiti: il rischio è il collasso del sistema! In una mia profana occasione mi capitò che l’operatore mi si bloccò come ibernato... Sconcertato, dopo svariati secondi di inattività (un tempo enorme), risolsi il problema solo dopo essermi accorto che dalla console appariva il seguente messaggio di errore:

Err: 0080 Stack Overflow.

Il Sistema ha generato un errore irreversibile.

Riavviare l’Operatore.

Gli operatori “Matrix” sono macchine quasi perfette ma prive di qualsiasi emozione e quindi necessitano di un’anima esterna.

Risultato scenico: ineccepibile, neppure l’SMPTE è in grado di fare meglio! Non ci resta che sperare che non si verifichi durante lo show qualche errore “non contemplato”.

Ho già finito dopo soli 10 minuti! (e sono a prendermi una birra)

Questi operatori sono della categoria : “...chi m’ammazza a me!?”.

Il loro mestiere è solo un piccolo dettaglio della loro vita; dettaglio già peraltro semi-risolto nella notte dei tempi, ossia da quando si fece “la genesi programmativa”, e sempre con la stessa si campa. Lo sforzo vero di tali programmatori non è programmare ma “adattare” sempre la stessa programmazione attraverso speciali artifizi. Una volta ebbi l’occasione di scrutare a livello intimo le “programmazioni successive” (svariate decine) di un contorsionista operatore, e mi accorsi che solo la sua console sarebbe stata in grado di far girare tali show, perché auto-mutatasi geneticamente.

Risultato scenico: ma sta’ cosa non si era già vista o sbaglio?

Sono riuscito finalmente a programmare tutto! peccato che è l’ultimo show della tournee

Vi identificate in questo caso? Non preoccupatevi, è un male che affligge la maggior parte dei programmatori “normali”. Il tempo che le produzioni dedicano alla programmazione è sempre meno (ove già era poco!) e quindi la tournée diventa il luogo del “work in progress” dello show come lo si era pensato. Siccome il bello viene sempre alla fine, sarà solo l’ultima serata quella in cui veramente si gusterà con orgoglio lo show tanto ambito.

Risultato scenico: “Io l’ho visto lo show, non era un granché...”; “Anch’io l’ho visto, ed era eccezionale!”

Rapporti così conflittuali di amore-odio verso la consolle amata sono tipici di relazioni a due, dove esistono “spiccate individualità” a confronto.

Pensare che le consolle abbiano “un’individualità” vi sembrerà esagerato, tuttavia invito tutti a fare una semplice riflessione: per quale motivo uno stesso tipo di consolle “reagisce” in maniera diversa a seconda dell’operatore? Non è forse il manuale d’utilizzo lo stesso per tutti?

Perché alcuni operatori non riescono a “colloquiare” con una consolle e altri fanno della stessa una superstar irrinunciabile?

Ci sono consolle che sembrano rifiutarsi di lavorare con taluni operatori; i sintomi sono evidenti: si bloccano ogni un per due, si spengono durante lo show, non restituiscono le scene, etc...

Tutti atteggiamenti inspiegabili visto che le stesse poi, con altri operatori, vanno d’amore e d’accordo.

La risposta è semplice: le consolle hanno un’anima!

Voi direte: le consolle sono delle Macchine e quindi, come tali, NON possono avere un’anima.

Secondo la mia esperienza il concepimento di una consolle si basa su una fondamentale linea filosofica di controllo (il suo DNA, in altre parole) sulla quale si costruisce la struttura software. Il software è l’incarnazione di tale metodo, e diventa perciò lo strumento per esercitare il controllo secondo la “linea di pensiero”.

Quando si “scarta” una Consolle per la prima volta, tale filosofia non appare istantaneamente in maniera “evidente”, anzi il più delle volte è ben nascosta tra i rivoli delle centinaia di funzionalità.

Solo l’utilizzo continuativo della consolle consente di far proprio il suo DNA, ossia il metodo conduttore pensato da chi l’ha realizzata.

Se “l’acquisizione” non avviene, si finisce con l’utilizzare l’oggetto solo in maniera “superficiale”, ossia solo attraverso le sue funzioni descritte nel manuale, senza capire il come e il perché di tali funzioni.

I guai veri nascono quando la filosofia fondamentale di una consolle non solo non viene capita ma, peggio ancora, si crede sia di tutt’altro tipo. A quel punto succedono i “disastri relazionali” (liti, volano i piatti, etc) nella totale convinzione di essere “dalla parte giusta”.

In questi casi ne consegue l’inevitabile divorzio: la consolle non funziona!

Non ci si chiede come mai con altri operatori la stessa funziona sempre, si pensa semplicemente che probabilmente gli altri si accontentano o non la usano in maniera “pesante”. In realtà probabilmente è l’esatto contrario (ops!).

Quando si definisce nel suo “intimo” una consolle si è poi in grado di “domarla” anche nei casi in cui “acciacca”. L’oggetto a quel punto non fa più paura.

Quando si definisce nel suo intimo una consolle si è in grado di capire esattamente se “fa per se” oppure no.

Alla luce di questo: non è importante “quante cose” sia in grado di fare una consolle ma come le fa, ed è il come che fa la differenza tra una consolle che risulta essere “attraente” ed una che lo è meno.

Non tutte le consolle possono sempre andar d’accordo con l’intera sterminata schiera di “bruti” operatori!

 

Informazioni aggiuntive

  • Extended Classes: default

Non hai il permesso di pubblicare commenti. REGISTRATI o effettua il login:

Articoli Correlati

I PIU' POPOLARI

Prev Next

Tiziano Ferro - L’Amore è una …

Categoria: Live Concert

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce...

Hits:18021

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 24…

Categoria: News

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

Hits:16944

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Categoria: Live Concert

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Hits:15898

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stad…

Categoria: Live Concert

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Hits:13907

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Categoria: Live Concert

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Hits:13742

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale T…

Categoria: Live Concert

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Hits:12611

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Categoria: Rubriche

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Hits:11720

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Categoria: Live Concert

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo.

Hits:11565

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Categoria: Rubriche

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Hits:11126

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo m…

Categoria: Produzioni e studi

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto...

Hits:10955

Leggi tutto

ULTIMI ARTICOLI

Prev Next

Clay Paky K-EYE HCR vince ai P…

Categoria: Uomini e Aziende

Clay Paky K-EYE HCR vince ai Plasa Awards

Claypaky si è aggiudicata un “Plasa Awards of Innovation”, uno dei più rinomati e qualificati riconoscimenti nel settore dell’Entertainment, con K-EYE HCR K-20

Hits:87

Leggi tutto

Andi Watson 
e Radiohead

Categoria: Personaggio

Andi Watson 
e Radiohead

Nell’occasione del concerto dei Radiohead quest’estate a Firenze, abbiamo avuto l’opportunità di parlare a lungo con il rinomato lighting e set designer Andi Watson: della...

Hits:939

Leggi tutto

ETC ColorSource Cyc

Categoria: News

ETC ColorSource Cyc

Il costruttore americano presenta il nuovo proiettore per ciclorama della famiglia ColorSource alla fiera PLASA 2017.

Hits:78

Leggi tutto

DiGiCo DMI-MIC

Categoria: News

DiGiCo DMI-MIC

La casa costruttrice inglese offre una nuova scheda opzionale per espandere il numero di ingressi microfonici delle console della Serie S.

Hits:113

Leggi tutto

Francesco Gabbani - Tour 2017

Categoria: Live Concert

Francesco Gabbani - Tour 2017

Abbiamo intercettato il tour estivo di Francesco Gabbani in una delle sue date conclusive, il 17 settembre al Parco Nord di Bologna. Per il momento,...

Hits:563

Leggi tutto

Sound&Lite numero 127

Categoria: News

Sound&Lite numero 127

Il nuovo numero di Sound&Lite è online!

Hits:519

Leggi tutto

Elation a PLASA 2017

Categoria: News

Elation a PLASA 2017

Due nuovi prodotti Elation Professional presentati alla prossima fiera PLASA di Londra.

Hits:112

Leggi tutto

RGBLink VSP628pro II e RMS 842…

Categoria: News

RGBLink VSP628pro II e RMS 8424S

Il distributore ligure Audio Effetti ha annunciato due interessanti nuovi prodotti di RGBLink, che saranno ufficialmente presentati presso lo stand RGBLink 10-A41 all’imminente IBC  dal...

Hits:161

Leggi tutto

Ayrton a PLASA 2017

Categoria: News

Ayrton a PLASA 2017

Ayrton prosegue le celebrazioni del proprio quindicesimo anniversario, con il lancio di nuovi ed interessanti prodotti alla 40a fiera PLASA a Londra.

Hits:194

Leggi tutto

Music & Lights @ Plasa2017

Categoria: News

Music & Lights @ Plasa2017

Una selezione di prodotti dei brand Prolight, ArchWork e DAD sarà in mostra presso lo stand del distributore UK, A.C. Entertainment Technologies (E30A), durante il...

Hits:230

Leggi tutto

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.

Utilizzando tali servizi accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di piu'

Approvo

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.
TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.