Mezzogiorno di Suono

07 Mag 2013

di Giorgio Gianotto


Nella precedente puntata ho accennato alla disponibilità, oramai molto ampia, di colonne di suono gestite da Digital Signal Processors, in grado di tagliare “su misura” le caratteristiche di radiazione del diffusore e adattarsi perfettamente alle esigenze degli ascoltatori e dell’ambiente.

La possibilità di variare le caratteristiche direzionali di un insieme di altoparlanti (o di microfoni nei sistemi di rilevazione subacquea) variando la disposizione spaziale dei trasduttori e, ancor più, manipolando il segnale, è conosciuta da tempo e riportata nei manuali di acustica ed elettroacustica dei primi decenni del secolo scorso. Tuttavia, la gestione del segnale, perlopiù nel dominio temporale ma non solo in esso, era lontana dalle possibilità dell’elettronica dell’epoca e si dovette aspettare sino agli anni ’80 per vedere le prime linee di ritardo, inizialmente analogiche e poi digitali, di buone prestazioni e costo accettabile. Il grosso dello sviluppo e della ricerca in questo campo non fu, però, appannaggio del mondo audio: a farla da padrone furono i sonar, le apparecchiature acustiche subacquee per scopi militari e soprattutto le antenne per onde elettromagnetiche, alle quali oggi come ieri sono spesso richieste precise caratteristiche direzionali. Le onde elettromagnetiche hanno comportamenti simili (ma non identici) a quelle sonore e, fatta salva la lunghezza d’onda in genere assai inferiore, quanto è buono per le une vale anche per le altre.


Negli ultimi decenni queste tecnologie sono state rese disponibili ed affinate per le applicazioni elettroacustiche, grazie anche, come più volte sottolineato, alla disponibilità di elaboratori di segnale di grande potenza e basso costo. Le linee di suono “programmabili”, denominate beamformer, sono dotate di amplificatori dedicati e incorporati nel corpo del diffusore, ciascuno dei quali alimenta uno o più altoparlanti. Gli amplificatori sono pilotati da un’elettronica che provvede all’elaborazione del segnale necessaria per ottenere le funzioni previste dal fabbricante, facilmente selezionabili dall’utente.


Esaminiamo brevemente queste funzioni, quantomeno le principali. La figura (a) mostra la radiazione di una comune linea di suono: come sappiamo, è un fascio sonoro – un’onda cilindrica – alto quanto il diffusore e con una gittata di qualche metro. Questa caratteristica così particolare esige il rispetto di una ben precisa geometria nella disposizione della sorgente rispetto agli ascoltatori, come abbiamo già spiegato nelle scorse puntate di Mezzogiorno di Suono. Purtroppo, vincoli strutturali, ambientali, artistici o d’altro tipo non sempre consentono di osservare queste regole.

In questi casi, è giocoforza ripiegare su una soluzione diversa, un diffusore convenzionale, tipicamente caricato con una guida d’onda (una tromba) che possa essere appeso più in alto, sopra l’area di ascolto. Una soluzione che, ohimé, non garantisce prestazioni ottimali negli ambienti molto riverberanti, come lo sono molti luoghi di culto, le cui esigenze in fatto di suono stiamo esaminando insieme da qualche puntata e ci hanno condotto, appunto, a descrivere prima le linee di suono, poi i beamformer. In effetti, è proprio questa la ragione che ci ha indotto a scegliere i diffusori a colonna. Se non possiamo collocarli nel luogo prescelto e all’altezza e con l’inclinazione necessaria, sovente è però possibile installarli aderenti alla parete o al pilastro o ad un’altezza un poco superiore. Ma queste opzioni sono irrilevanti con una linea di suono convenzionale: non ne consentirebbero comunque il corretto funzionamento.

Ed è qui che entrano in gioco i beamformer, che invece possono essere collocati paralleli alla superficie di appoggio e ad un’altezza maggiore. L’elettronica incorporata consente infatti di inclinare il fascio sonoro verso il basso [figura (b)]. Notiamo subito che questa inclinazione di per sé non è sufficiente. Le dimensioni del fascio sono così strette che consentono di coprire solo una parte dell’area d’ascolto. Per ampliare l’area di copertura, occorre ampliare anche l’angolo di radiazione [figura (c)], un’altra funzione disponibile attraverso il pannello di controllo del beamformer. Queste possibilità sono di grande aiuto, un toccasana, per l’installazioni di sistemi sonori in siti “difficili” ma come tutte le rose hanno le loro spine.


La prima spina è il costo, sensibilmente superiore a quello dei sistemi convenzionali e fuori dalla portata dei budget più ridotti. La seconda è un certo degrado delle prestazioni, soprattutto dell’intelligibilità, che accompagna l’inclinazione e l’allargamento del fascio ed è tanto più rilevante quanto più accentuati sono questi due parametri. Le ragioni del degrado sono in parte intuibili: quanto più allarghiamo il fascio tanto più rendiamo simile l’onda cilindrica prodotta dal diffusore ad un’onda sferica, riducendo progressivamente quella caratteristica delle linee di suono che consente di ottenere un eccellente rapporto segnale/rumore. Il fascio allargato di qualche decina di gradi rende un beamformer del tutto simile, nelle prestazioni, ad un qualsiasi altro diffusore e ne vanifica l’impiego; salvo, in qualche occasione, per il vantaggio del ridotto impatto estetico dovuto al profilo sottile ed allungato.

Esiste però un’altra ragione di degrado. Inclinazione ed ampliamento del fascio aumentano il lobing, la radiazione spuria prodotta dal beamformer in varie direzioni e al di sopra di una certa frequenza, che dipende dalle caratteristiche del beamformer e dall’entità delle variazioni del fascio introdotte. Il lobing è dovuto a ragioni fisico/geometriche, alla meccanica delle interazioni di fase fra le emissioni dei trasduttori. Per ridurlo, occorre diminuire la distanza fra i trasduttori


La figura (e) mostra il lobing oltre una certa frequenza prodotto da un beamformer con un fascio inclinato di 25°. Per comparazione, nella figura (f) il lobing alla stessa frequenza ed inclinazione di fascio prodotto da un beamformer di identica lunghezza e distanza fra i trasduttori ridotta della metà rispetto al precedente. Benché i risultati della riduzione della distanza fra gli altoparlanti di un beamformer siano molto convincenti, la sua applicazione pratica è teorica. La tecnologia attuale ci consente di produrre altoparlanti di diametro minimo intorno ai 5 centimetri (ovviamente, se vogliamo ottenere delle prestazioni sufficienti anche a bassa frequenza e un buon volume di suono) che permettono di contenere il lobing anche con inclinazioni del fascio di 45° oppure inclinazione ed ampliamento sino a 30°. Aumentare il numero degli altoparlanti (e, possibilmente, anche la lunghezza del beamformer) significa aumentare pure il numero degli amplificatori e la potenza del DSP, con un’ulteriore levitazione dei costi, già molto elevati. Non desta quindi stupore che la maggior parte dei beamformer in commercio adotti distanze fra i trasduttori maggiori – a volte assai maggiori – di 5 centimetri e si accontenti di garantire un’inclinazione non superiore a 15°, peraltro sufficiente nella maggior parte delle applicazioni.


Voglio ancora accennare ad un’interessante funzione disponibile in molti beamformer: il doppio fascio sonoro, che consente di indirizzare con un unico diffusore due segnali identici o diversi (ad esempio, musica attraverso un fascio, parola attraverso l’altro) in due diverse direzioni, come se si disponesse di due linee di suono distinte [figura (d)]. Questa funzione non è molto significativa nei luoghi di culto italiani, raramente dotati di matronei o gallerie in uso (tranne qualche eccezione per quella che ospita l’organo) ma è utile nei teatri, nei centri congressi e in tutti gli edifici che presentano aree d’ascolto disposte ad altezze differenti.


Con questa nota concludo la descrizione delle linee di suono e dei beamformer. Nella prossima puntata di Mezzogiorno di Suono valuteremo come coordinare gli strumenti a nostra disposizione per installare in una grande chiesa o una cattedrale la Ferrari degli impianti per il rinforzo del suono: un sistema decentralizzato con localizzazione.

Informazioni aggiuntive

  • Extended Classes: default

Non hai il permesso di pubblicare commenti. REGISTRATI o effettua il login:

Articoli Correlati

I PIU' POPOLARI

Prev Next

Tiziano Ferro - L’Amore è una …

Categoria: Live Concert

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce...

Hits:18019

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 24…

Categoria: News

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

Hits:16944

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Categoria: Live Concert

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Hits:15898

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stad…

Categoria: Live Concert

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Hits:13907

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Categoria: Live Concert

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Hits:13742

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale T…

Categoria: Live Concert

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Hits:12610

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Categoria: Rubriche

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Hits:11720

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Categoria: Live Concert

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo.

Hits:11563

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Categoria: Rubriche

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Hits:11125

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo m…

Categoria: Produzioni e studi

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto...

Hits:10955

Leggi tutto

ULTIMI ARTICOLI

Prev Next

Clay Paky K-EYE HCR vince ai P…

Categoria: Uomini e Aziende

Clay Paky K-EYE HCR vince ai Plasa Awards

Claypaky si è aggiudicata un “Plasa Awards of Innovation”, uno dei più rinomati e qualificati riconoscimenti nel settore dell’Entertainment, con K-EYE HCR K-20

Hits:87

Leggi tutto

Andi Watson 
e Radiohead

Categoria: Personaggio

Andi Watson 
e Radiohead

Nell’occasione del concerto dei Radiohead quest’estate a Firenze, abbiamo avuto l’opportunità di parlare a lungo con il rinomato lighting e set designer Andi Watson: della...

Hits:939

Leggi tutto

ETC ColorSource Cyc

Categoria: News

ETC ColorSource Cyc

Il costruttore americano presenta il nuovo proiettore per ciclorama della famiglia ColorSource alla fiera PLASA 2017.

Hits:78

Leggi tutto

DiGiCo DMI-MIC

Categoria: News

DiGiCo DMI-MIC

La casa costruttrice inglese offre una nuova scheda opzionale per espandere il numero di ingressi microfonici delle console della Serie S.

Hits:113

Leggi tutto

Francesco Gabbani - Tour 2017

Categoria: Live Concert

Francesco Gabbani - Tour 2017

Abbiamo intercettato il tour estivo di Francesco Gabbani in una delle sue date conclusive, il 17 settembre al Parco Nord di Bologna. Per il momento,...

Hits:562

Leggi tutto

Sound&Lite numero 127

Categoria: News

Sound&Lite numero 127

Il nuovo numero di Sound&Lite è online!

Hits:519

Leggi tutto

Elation a PLASA 2017

Categoria: News

Elation a PLASA 2017

Due nuovi prodotti Elation Professional presentati alla prossima fiera PLASA di Londra.

Hits:112

Leggi tutto

RGBLink VSP628pro II e RMS 842…

Categoria: News

RGBLink VSP628pro II e RMS 8424S

Il distributore ligure Audio Effetti ha annunciato due interessanti nuovi prodotti di RGBLink, che saranno ufficialmente presentati presso lo stand RGBLink 10-A41 all’imminente IBC  dal...

Hits:161

Leggi tutto

Ayrton a PLASA 2017

Categoria: News

Ayrton a PLASA 2017

Ayrton prosegue le celebrazioni del proprio quindicesimo anniversario, con il lancio di nuovi ed interessanti prodotti alla 40a fiera PLASA a Londra.

Hits:193

Leggi tutto

Music & Lights @ Plasa2017

Categoria: News

Music & Lights @ Plasa2017

Una selezione di prodotti dei brand Prolight, ArchWork e DAD sarà in mostra presso lo stand del distributore UK, A.C. Entertainment Technologies (E30A), durante il...

Hits:230

Leggi tutto

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.

Utilizzando tali servizi accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di piu'

Approvo

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.
TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.