Amplificatori in Classe D - 1 parte

31 Lug 2012

di Michele Viola

A grandissime linee, la potenza sul carico di un amplificatore di potenza è controllata tramite uno o più elementi attivi (transistor) posti in serie al carico stesso, elementi attivi che realizzano una caduta di tensione variabile con il segnale di ingresso.
Essendo tali elementi attivi percorsi dalla corrente d’uscita, sono spesso costretti a dissipare una potenza rilevante. Questo si traduce, a parte il consumo in termini di energia elettrica, in componenti e dissipatori di dimensioni significative e di peso altrettanto significativo. Ciò è vero soprattutto per i trasformatori di alimentazione e per i dissipatori di calore sui finali di potenza, che determinano una buona parte del peso di un amplificatore di potenza in classe AB.
La configurazione in classe D può attenuare molto questo problema.
Lo stadio di potenza di un amplificatore in classe D è costituito in linea di principio da due transistori che funzionano come interruttori, connettendo il carico alternativamente al positivo o al negativo dell’alimentazione (figura 1).

figura 1
figura 1: Lo stadio finale di potenza in classe D

Quando uno degli “interruttori” finali è in conduzione viene attraversato da tutta la corrente d’uscita, che può essere anche elevata, ma la tensione ai suoi capi è virtualmente nulla; quando invece lo stesso interruttore è aperto si trova ai suoi capi l’intera tensione di alimentazione ma la corrente che lo percorre è virtualmente nulla. Quindi, almeno teoricamente, nessuno dei due transistori finali dissipa alcuna potenza. Naturalmente i due interruttori non possono essere contemporaneamente in conduzione.

 

Un amplificatore siffatto può riprodurre solamente segnali a due valori (alto o basso); per poter utilizzare tale dispositivo al fine di amplificare un segnale analogico, occorre trovare il modo di riprodurre segnali variabili con continuità tramite appropriate forme d’onda di tipo on-off. Per questo si può utilizzare una tecnica detta modulazione a larghezza d’impulso (PWM – Pulse Width Modulation).
Tramite il modulatore PWM, l’ampiezza di un segnale analogico in ingresso è utilizzata per controllare il duty cycle del segnale (binario) di controllo per gli interruttori.
 

Il modulatore PWM

La modulazione PWM è ottenuta comparando il segnale d’ingresso (modulante) con un’onda triangolare (figura 2).

02-modulatorePWM
figura 2: Il modulatore PWM.

L’uscita del comparatore è un segnale binario (a due livelli) il cui valore medio è proporzionale al segnale in ingresso.

figura 3
figura 3: Controllo PWM con VX costante.

Osservando la figura 3 è immediato ricavare – dalla similitudine tra i triangoli tratteggiati in rosso e in verde – che, con Vx costante, il duty cycle ρ è direttamente proporzionale a Vx:
formula01
in cui T è il periodo dell’onda triangolare. Nella figura 2 ho esplicitato l’ampiezza picco-picco Vp dell’onda triangolare come ingresso del corrispondente generatore perché, come mostrerò più avanti, può essere comodo poter controllare il duty-cycle anche tramite questo parametro.
Se il segnale d’ingresso Vx è variabile nel tempo, anche il duty-cycle del segnale uscente dal modulatore sarà quindi variabile in proporzione (figura 4):
formula02

04-sinusoidePWM
figura 4: Controllo PWM con VX sinusoidale.

Il segnale Vu uscente dal modulatore PWM può essere direttamente utilizzato per pilotare i finali di potenza.
Naturalmente, per evitare malfunzionamenti, il segnale di controllo Vx non deve superare in ampiezza i limiti (picco-picco) dell’onda triangolare.

La tensione sul carico

A valle degli interruttori finali (figura 1) l’andamento della tensione sarà dunque una riproduzione “amplificata” del segnale PWM uscente dal modulatore. Il segnale immediatamente a monte del filtro passa-bassi in uscita nello schema di figura 1 è un segnale a due livelli variabile tra +VS e ‑VS, che sono le tensioni di alimentazione positiva e negativa.
Naturalmente, soprattutto per i dispositivi di potenza elevata, è bene che il segnale uscente dallo stadio finale non raggiunga il carico così com’è, perché l’elevato contenuto di energia in alta frequenza introdotto dalla modulazione potrebbe danneggiare l’altoparlante. Per questo, tra l’amplificatore e il carico è solitamente interposto un filtro passa-basso, così da attenuare opportunamente le componenti spettrali al di fuori della banda audio.

Supponendo che la frequenza massima nello spettro del segnale d’ingresso vx(t) sia molto minore della frequenza di commutazione 1/T (1/T è la frequenza dell’onda triangolare), si può pensare che il filtro estragga il valor medio (variabile nel tempo “lentamente” rispetto a T: questa è un’ipotesi di quasi-stazionarietà) dal segnale PWM di potenza.
A valle del filtro d’uscita risulterà quindi:
formula03
e, ponendo:
formula04 nuova
si ottiene:
formula05

 

Principali cause di distorsione

Purtroppo, l’architettura finora descritta è fortemente portata alla distorsione, principalmente a causa delle imperfezioni nella regolazione della tensione di alimentazione ed agli inevitabili errori nella determinazione degli istanti di commutazione.
La tensione d’uscita, infatti, è direttamente proporzionale alla tensione di alimentazione VS, per cui ogni instabilità nell’alimentazione si ripercuote direttamente sull’uscita; in altre parole, le variazioni della tensione di alimentazione dovute, ad esempio, alla variabilità della corrente fornita al carico vengono tradotte immediatamente in distorsioni del segnale in uscita. Anche le instabilità della sezione di alimentazione per se stessa, come il ripple residuo, si manifestano in uscita sotto forma di rumori e ronzii.
Gli effetti di un disturbo sull’alimentazione si possono attenuare con uno schema in retroazione come quello di figura 5 che, tra l’altro, può contribuire a compensare altre non-idealità del sistema (resistenza d’uscita non nulla, non idealità della rampa...)

05-ampli retroazionato
figura 5: Schema in retroazione.

Lo schema in retroazione rende però necessaria un’attenta analisi della stabilità del circuito, cosa che può risultare tutt’altro che semplice, dato che la catena contiene elementi fortemente non lineari come il modulatore PWM e la rete di commutazione. Studiare la linearità e la banda passante in termini di funzione di trasferimento, infatti, significa, più o meno implicitamente, considerare piccole perturbazioni e lavorare su un modello linearizzato. Per linearizzare una funzione (anche per piccolissime variazioni) occorre che tale funzione sia differenziabile. Questo sicuramente non è il caso del modulatore PWM, che contiene dei comparatori e degli interruttori che funzionano on/off, almeno per quanto riguarda il modello ideale. 

Lo spettro di frequenze

Se VS e VX sono entrambe costanti, la tensione V2 a monte del filtro d’uscita è un segnale periodico con fondamentale fc = 1/T (figura 3), per cui lo spettro è formato da una serie di righe equispaziate, a frequenze multiple intere di fc.
Se VX varia nel tempo viene modulata la larghezza degli impulsi (figura 4), che nel dominio delle frequenze corrisponde ad un “ispessimento” delle righe intorno ai multipli di fc, oltre alla comparsa di componenti in bassa frequenza. Lo spettro di frequenza in banda audio del segnale PWM dovrebbe coincidere con lo spettro di frequenza del segnale di ingresso VX.
Se, ad esempio, Vx fosse sinusoidale di frequenza fa, comparirebbe nello spettro una riga a frequenza fa e alcune righe intorno ad fc ed ai suoi multipli.
La variazione nel tempo di VS corrisponde invece per V2 ad una modulazione di tipo AM, che nel dominio delle frequenze si manifesta in maniera molto simile al caso di VX variabile, cioè con la comparsa di bande laterali intorno alle righe a frequenze multiple di fc oltre a componenti in bassa frequenza.
In pratica, le componenti in bassa frequenza si possono facilmente estrarre dal segnale PWM con un semplice filtraggio, se fc è sufficientemente elevata, mentre le componenti (distorsive) dovute alle variazioni di VS vanno più possibile limitate all’origine.

Nel prossimo numero proseguiremo analizzando le ipotesi e le tecniche utilizzate per rendere più agevole il filtraggio in uscita e, in definitiva, per limitare la distorsione.

Informazioni aggiuntive

  • Extended Classes: default

Non hai il permesso di pubblicare commenti. REGISTRATI o effettua il login:

Articoli Correlati

I PIU' POPOLARI

Prev Next

Tiziano Ferro - L’Amore è una …

Categoria: Live Concert

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce...

Hits:18028

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 24…

Categoria: News

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

Hits:16954

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Categoria: Live Concert

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Hits:15902

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stad…

Categoria: Live Concert

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Hits:13908

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Categoria: Live Concert

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Hits:13750

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale T…

Categoria: Live Concert

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Hits:12613

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Categoria: Rubriche

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Hits:11726

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Categoria: Live Concert

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo.

Hits:11574

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Categoria: Rubriche

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Hits:11130

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo m…

Categoria: Produzioni e studi

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto...

Hits:10962

Leggi tutto

ULTIMI ARTICOLI

Prev Next

Battiti Live 2017

Categoria: Live Concert

Battiti Live 2017

La manifestazione di Radionorba a Bari

Hits:225

Leggi tutto

Nova World Tour Europe 2017

Categoria: Uomini e Aziende

Nova World Tour Europe 2017

Music & Lights, in collaborazione con Novastar, presenta l’evento “Visualize your imagination”, il 12 ottobre presso la sede di Music & Lights.

Hits:43

Leggi tutto

Clay Paky K-EYE HCR vince ai P…

Categoria: Uomini e Aziende

Clay Paky K-EYE HCR vince ai Plasa Awards

Claypaky si è aggiudicata un “Plasa Awards of Innovation”, uno dei più rinomati e qualificati riconoscimenti nel settore dell’Entertainment, con K-EYE HCR K-20

Hits:93

Leggi tutto

Andi Watson 
e Radiohead

Categoria: Personaggio

Andi Watson 
e Radiohead

Nell’occasione del concerto dei Radiohead quest’estate a Firenze, abbiamo avuto l’opportunità di parlare a lungo con il rinomato lighting e set designer Andi Watson: della...

Hits:948

Leggi tutto

ETC ColorSource Cyc

Categoria: News

ETC ColorSource Cyc

Il costruttore americano presenta il nuovo proiettore per ciclorama della famiglia ColorSource alla fiera PLASA 2017.

Hits:84

Leggi tutto

DiGiCo DMI-MIC

Categoria: News

DiGiCo DMI-MIC

La casa costruttrice inglese offre una nuova scheda opzionale per espandere il numero di ingressi microfonici delle console della Serie S.

Hits:118

Leggi tutto

Francesco Gabbani - Tour 2017

Categoria: Live Concert

Francesco Gabbani - Tour 2017

Abbiamo intercettato il tour estivo di Francesco Gabbani in una delle sue date conclusive, il 17 settembre al Parco Nord di Bologna. Per il momento,...

Hits:578

Leggi tutto

Sound&Lite numero 127

Categoria: News

Sound&Lite numero 127

Il nuovo numero di Sound&Lite è online!

Hits:530

Leggi tutto

Elation a PLASA 2017

Categoria: News

Elation a PLASA 2017

Due nuovi prodotti Elation Professional presentati alla prossima fiera PLASA di Londra.

Hits:120

Leggi tutto

RGBLink VSP628pro II e RMS 842…

Categoria: News

RGBLink VSP628pro II e RMS 8424S

Il distributore ligure Audio Effetti ha annunciato due interessanti nuovi prodotti di RGBLink, che saranno ufficialmente presentati presso lo stand RGBLink 10-A41 all’imminente IBC  dal...

Hits:165

Leggi tutto

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.

Utilizzando tali servizi accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di piu'

Approvo

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.
TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.