Misure audio – prima parte

03 Mar 2017
Fig-1
figura 1
 Fig-2
figura 2
 Fig-3
figura 3
 Fig-4
figura 4
 Fig-5
figura 5
 Fig-6
figura 6
 Fig-7
figura 7
 Fig-8-xlr
figura 8
 Fig-9
figura 9

di Livio Argentini - ARREL Audio

Ci occuperemo, in questa serie di articoli, di misure sulle apparecchiature audio professionali da un punto di vista estremamente pratico.

La letteratura su questo argomento, purtroppo, è piuttosto scarsa.

In prima analisi sembrerebbe trattarsi di operazioni normali, di routine, ma purtroppo non è assolutamente così. Ci si trova di fatto, inaspettatamente, davanti a tante problematiche che, se non fossero prese nella dovuta considerazione, porterebbero a fare delle misurazioni completamente errate, e potrebbero addirittura rendere alcune misure impossibili da effettuare.

Questa affermazione, che potrebbe sembrare a prima vista esagerata, deriva da una considerazione molto importante: quasi tutti gli strumenti di misura di ultima generazione, anche di costo rilevante, a parte qualche modello specifico, sono progettati per fare misure su apparecchi audio consumer, Hi-Fi, e non su apparecchi professionali. In effetti, gli utilizzatori nel mercato professionale rappresentano una piccolissima parte rispetto agli utilizzatori nel mercato consumer – pensiamo, ad esempio, al settore telefoni/tablet e simili – per cui un produttore di strumentazione di misura non è, giustamente, interessato ad investire in un mercato così ridotto.

A questo punto, cosa dobbiamo fare? Occorre trovare un sistema per poter eseguire tutte le nostre misure nel modo più corretto ed esatto possibile.

Nei primi articoli analizzeremo quali sono le problematiche da affrontare e le relative cause, e cercheremo di risolverle nel modo più valido ed efficace, analizzando contemporaneamente quali tipi di strumenti sono più adatti per effettuare le varie misure. Questa prima fase è necessaria per poter affrontare in maniera congrua gli argomenti trattati negli articoli successivi, in cui studieremo proprio come effettuare nel modo corretto tutti i test. Vedremo, in seguito, anche la possibilità di personalizzare i nostri strumenti, in modo semplice, per adattarli ad un uso preciso e rapido.

Quasi tutti i problemi, in pratica, derivano dall’interfacciamento tra lo strumento ed il dispositivo su cui effettuare le misure (spesso indicato con l’acronimo DUT, dall’inglese Device Under Test).

Sarà quindi il caso, prima di tutto, di analizzare le caratteristiche principali del sistema di interfacciamento, cioè:

1. connettori e cavi di collegamento;

2. connessioni bilanciate e sbilanciate;

3. impedenze di ingresso e uscita degli strumenti e delle unità sotto test;

4. livelli delle tensioni di lavoro;

5. eventuali imprecisioni nelle indicazioni degli strumenti (vedi punti 2/3/4)

Appare evidente che occorre, prima di tutto, conoscere in maniera approfondita le caratteristiche degli strumenti in nostro possesso, dopo di che occorre anche conoscere le caratteristiche costruttive delle unità da testare.

In questa prima puntata parleremo di cavi e connettori.

È ben difficile, quasi impossibile direi, trovare in commercio cavi già fatti e adatti alle nostre esigenze così come sono. Con un semplice saldatore ed un po’ di pazienza potremo però costruirci un set di cavi adatti ad ogni evenienza.

Per quanto riguarda i connettori, quelli più comunemente utilizzati sugli strumenti di misura sono boccole (figura 1) e BNC (figura 2). Sulla strumentazione progettata esplicitamente per le misure audio su apparecchiature professionali è possibile trovare anche connettori XLR (figura 3).

 

Boccole: sono il sistema più semplice (una boccola per la massa ed un’altra per il segnale, normalmente sbilanciato). Sono robuste ed affidabili, anche se la connessione non è schermata, ma lavorando in bassa frequenza non è solitamente un fattore determinante. Un problema può derivare dalle banane (i corrispondenti connettori maschi – ndr) nel collegamento ai cavi schermati: seppure affidabili, infatti, con l’uso possono facilmente provocare la rottura del cavo.

BNC: è il connettore utilizzato su tutti gli oscilloscopi e sulla maggior parte degli strumenti di livello elevato. È schermato, con fissaggio a baionetta, di ottima affidabilità,  particolarmente robusto e costruito per essere collegato a cavi schermati. Questo connettore, sia crimpato con apposita pinza sia saldato, dispone di un sistema di serraggio che evita la rottura del cavo anche con utilizzo prolungato.

Occorre precisare che in commercio si trovano raccordi costruiti per adattare cavi con connettore BNC a strumenti con connessioni a boccole (figura 4). Questa soluzione, che a prima vista sembrerebbe valida, è però in genere da evitare perché molto sporgente ed ingombrante, quindi poco pratica e predisposta a rotture.

Per quanto riguarda i connettori presenti sulle apparecchiature da testare, ci si trova generalmente di fronte ad una vasta gamma di possibilità, di vari formati e differenti caratteristiche.

Plug RCA (detto anche PIN): due poli (segnale e massa), sbilanciato (figura 5). È utilizzato universalmente sugli apparecchi Hi-Fi, ma è possibile trovarlo anche su unità di interfaccia o altri dispositivi. Si usa indifferentemente per IN ed OUT, normalmente per connessioni a media o alta impedenza.

Jack: diametro 6,35 mm (1/4 di pollice). Esiste in versione mono (due poli) o stereo (tre poli) e può essere utilizzato in vari modi. La versione stereo viene usata anche per segnali mono bilanciati (figura 6). Anche questo connettore è utilizzato indifferentemente per IN ed OUT.

Jack bantam: diametro 4,5 mm, tre poli (figura 7). In pratica è utilizzato esclusivamente per segnali bilanciati a livello di linea e media impedenza (da 600 Ω a 20.000 Ω) su sistemi di smistamento (patch-bay). È importante avere a disposizione cavi di connessione bantam per la strumentazione di misura, perché spesso è possibile, in questo modo, effettuare misure su mixer e relativi apparecchi connessi senza che sia necessario smontarli. Anche questo connettore è utilizzato indifferentemente per IN ed OUT.

Jack da 3,5 mm: due o tre poli; caratteristiche ed utilizzo simili al jack da 6,35 ma con diametro inferiore e affidabilità più scarsa. È utilizzato prevalentemente su sistemi “eurorack” per musica elettronica, ma ultimamente è usato anche per la connessione di unità commerciali (telefoni cellulari, ecc).

XLR: questo è il connettore classico per le apparecchiature audio professionali. Nel settore audio si utilizza normalmente la versione a tre poli, con i contatti numerati da 1 a 3 (figura 8); esistono anche versioni con più poli, ma non vengono praticamente utilizzate in campo audio e quindi non le prenderemo in considerazione.

Il connettore XLR è differenziato per input (femmina) ed output (maschio). Bisogna però tenere in considerazione che i primi apparati costruiti in Europa avevano i connettori IN e OUT invertiti.

Il connettore XLR è stato studiato esplicitamente per linee bilanciate. Talvolta viene usato anche per linee sbilanciate, e qui cominciano le prime complicazioni. Su una cosa sono tutti d’accordo: la connessione dello schermo/massa viene effettuata esclusivamente sul pin 1. Questa è la ragione per cui il pin 1 (massa) è in genere più lungo rispetto ai pin 2 e 3 (segnale). Questo permette di connettere un cavo anche ad apparecchio acceso perché, all’atto dell’inserzione, prima viene connessa la massa e poi il segnale. Per quanto riguarda i connettori di segnale la situazione è più complessa. La modalità di connessione più comune, che non possiamo chiamare standard non essendo rispettata universalmente, è quella americana, usata normalmente anche in Europa: 1 = massa; 2 = fase (o “caldo”); 3 = neutro (o “freddo”). Spesso, si trovano prodotti giapponesi in cui la fase è invertita con il neutro: 1 = massa, 2 = neutro, 3 = fase. Questa inversione della fase non porterebbe gravi problemi se si usassero sempre linee bilanciate; quando però si collega un dispositivo sbilanciato, ad esempio, tipicamente, uno strumento musicale, si rischia di mettere il segnale in corto circuito.

Occorre fare quindi particolare attenzione, ad esempio, alla connessione di apparecchi di produzione TEAC/Tascam con macchine prodotte in Occidente.

Mini XLR: connettore di generazione recente, a tre poli. Si tratta della versione dimensionalmente ridotta del connettore XLR. Fino ad ora ha trovato scarsissima applicazione, forse per il suo alto costo e la scarsa robustezza rispetto agli XLR classici.

DB25: connettore a 25 poli, introdotto in tempi relativamente recenti ed utilizzato per connettere otto linee bilanciate contemporaneamente (figura 9). È usato specialmente per patch bay ed apparecchiature multicanale. Di dimensioni ridotte e buona affidabilità; non è differenziato come IN/OUT, è invece differenziato meccanicamente (maschio su cavo e femmina su telaio).

Speakon: connettore di grande robustezza ed affidabilità, usato esclusivamente per la connessione di potenza tra finale e altoparlanti.

Come si può notare, il panorama cavi/connettori è particolarmente vasto, per cui saremo costretti ad attrezzarci con una ampia gamma di opzioni di collegamento.

Un’ottima soluzione, di cui parleremo nella parte finale di questa serie di articoli, dopo aver esposto una buona panoramica di situazioni e problematiche tipiche, consiste nel completare l’attrezzatura specifica costruendo delle piccole e semplici scatoline di interfaccia, in grado di facilitare enormemente il lavoro. 

 

Vuoi saperne di più sulle nostre pubblicazioni nel settore dell'audio professionale? CLICCA QUI.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle ultime novità di settore? ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER.

 

 

Informazioni aggiuntive

  • Extended Classes: default

Non hai il permesso di pubblicare commenti. REGISTRATI o effettua il login:

I PIU' POPOLARI

Prev Next

Consegnati ad Agorà i primi 24…

Categoria: News

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

Hits:15109

Leggi tutto

Tiziano Ferro - L’Amore è una …

Categoria: Live Concert

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce...

Hits:15089

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Categoria: Live Concert

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Hits:14205

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stad…

Categoria: Live Concert

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Hits:13236

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Categoria: Live Concert

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Hits:12574

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale T…

Categoria: Live Concert

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Hits:11950

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Categoria: Live Concert

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo.

Hits:10139

Leggi tutto

Negramaro "Una storia sem…

Categoria: Live Concert

Negramaro "Una storia semplice" Tour

Una storia semplice tour 2013

Hits:10077

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Categoria: Rubriche

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Hits:10064

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Categoria: Rubriche

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Hits:10052

Leggi tutto

ULTIMI ARTICOLI

Prev Next

Music Inside Rimini e Sound…

Categoria: Uomini e Aziende

Music Inside Rimini e Sound&Lite ti invitano in Fiera

Tre semplici passi per scaricare il tuo biglietto omaggio

Hits:147

Leggi tutto

Prolights a ProLight+Sound 201…

Categoria: News

Prolights a ProLight+Sound 2017

Tante novità sotto la bandiera ProLights alla fiera di Francoforte.

Hits:136

Leggi tutto

RCF HDL 30-A

Categoria: News

RCF HDL 30-A

L'azienda reggiana RCF ha presentato un nuovo sistema line array della Serie D Line alla fiera ProLight+Sound 2017.

Hits:202

Leggi tutto

SSL L200

Categoria: News

SSL L200

Solid State Logic ha presentato L200, il suo terzo modello di console Live, alla fiera ProLight+Sound 2017

Hits:442

Leggi tutto

DiGiCo SD12

Categoria: News

DiGiCo SD12

Tra le novità DiGiCo presentate a Francoforte, la nuova console SD12 nella serie di punta.

Hits:254

Leggi tutto

ETC ColorSource Linear

Categoria: News

ETC ColorSource Linear

ETC completa la famiglia ColorSource Linear, presentando a Francoforte il nuovo ColorSource Linear 4.

Hits:123

Leggi tutto

Claypaky Axcor Profile 900

Categoria: News

Claypaky Axcor Profile 900

Tra i nuovi proiettori presentati alla fiera ProLight+Sound 2017, Claypaky ha svelato un nuovo sagomatore motorizzato con sorgente bianca a LED da 880 W.

Hits:366

Leggi tutto

Nuove Schede I/O Allen&Hea…

Categoria: News

Nuove Schede I/O Allen&Heath dLive

Allen & Heath amplia le opzioni di interfaccia digitale per la famiglia di console digitali dLive.

Hits:201

Leggi tutto

Music Inside Rimini scalda gli…

Categoria: Uomini e Aziende

Music Inside Rimini scalda gli altoparlanti

Forte dei 9000 visitatori del 2016, Italian Exhibition Group SpA (IEG), la nuova società fieristica frutto dell'integrazione tra Rimini Fiera SpA e Fiera di Vicenza...

Hits:325

Leggi tutto

RCF – Eventi Live con Alberto …

Categoria: Uomini e Aziende

RCF – Eventi Live con Alberto Butturini

Rcf, in collaborazione con la ditta Gabriele srl, ha organizzato un corso della durata di un giorno su progettazione e messa a punto dei sistemi...

Hits:2161

Leggi tutto

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.

Utilizzando tali servizi accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di piu'

Approvo

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.
TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.