Lo Studio Moderno - 13 parte

26 Gen 2012

studio_di_registrazionedi Livio Argentini

Ora che abbiamo descritto tutta configurazione elettronica del mixer parleremo della patch bay, che è un sistema di smistamento rapido dei segnali e che in seguito chiameremo semplicemente patch.

Anche la patch, come moltissime altre funzioni utilizzate nel settore audio, è derivata dai sistemi di telefonia. È logico che la tecnologia audio, essendosi sviluppata dopo quella telefonica, ne abbia adottato molte soluzioni. Questa non fa eccezione. Le patch di prima generazione, infatti, utilizzavano il classico jack già usato nei centralini telefonici.
L’utilizzo della patch è un grandissimo aiuto per il mantenimento della qualità audio con costi contenuti. Essendo sostanzialmente costituita da una grande matrice di commutazioni, potrebbe essere sostituita da una matrice elettronica, ma questa sarebbe talmente complessa (e, quindi, costosa) da non poter essere praticamente presa in considerazione.


Dal punto di vista della qualità audio, abbiamo sempre detto che i sistemi di commutazione elettronici (FET, CMOS, ecc) portano sempre un degrado del segnale, figuriamoci che cosa succederebbe se il nostro povero segnale fosse costretto a transitare per 20 o più commutazioni.
Per dovere di cronaca, le matrici elettroniche sono effettivamente utilizzate in alcune applicazioni particolari, come la distribuzione dei segnali in sistemi broadcast e TV. In questi casi, peraltro, anche se le matrici sono molto grandi (anche 100 in x 100 out), i singoli segnali transitano tipicamente per una sola commutazione alla volta, per cui il corrispondente degrado è decisamente ridotto e quindi accettabile.
La commutazione effettuata tramite patch, al contrario, è assolutamente meccanica, come quella effettuata da un pulsante o da un relè, pertanto praticamente non lesiva per il segnale.
Ma, siccome nulla è perfetto, anche la patch ha i suoi buoni difetti.
Dobbiamo dire, prima di tutto, che i difetti sono essenzialmente di origine elettromeccanica; la connessione/commutazione in sé, una volta effettuata, non porta a nessun decadimento del segnale.

Il problema, in sostanza, sta nello stabilire se un jack possa essere effettivamente in grado di effettuare una connessione/commutazione sufficientemente valida ed affidabile. Oggi mi sentirei in grado di dare una risposta assolutamente affermativa, a differenza di qualche anno fa, come potranno confermare tutti quei fonici che, in passato, sono stati costretti a combattere una battaglia persa con le patch di vecchia generazione.
Per comprendere il problema dobbiamo prima analizzare come sono fatte le spine jack e le relative prese.
Il connettore tipo jack è essenzialmente un connettore coassiale a due o tre poli (o anche più, in qualche caso particolare). Qui analizzeremo solo quello a tre poli, di fatto l’unico che ci interessa, almeno nel presente contesto.

Le caratteristiche principali di questo connettore sono riassunte di seguito.
-    Ridotto ingombro frontale. Questo è un fattore molto importante, perché permette di assemblarne una grande quantità in spazi ridotti.
-    Il connettore è tornito, ovvero perfettamente tondo, senza chiavette di posizionamento, per cui può essere inserito senza doverlo ruotare
-     Il contatto di testa (la pallina) è smussata sul davanti e questo facilita ulteriormente l’introduzione. (figura 1). Come già accennato sopra, il jack è un componente di derivazione telefonica; se si pensa che un tempo il lavoro di centralinista era svolto molto spesso da operatori non vedenti, si capisce l’importanza di questa caratteristica.
-    Il compito della ritenuta del connettore è affidato alle stesse molle usate per i contatti, riducendo l’ingombro ed i costi (figura 2).
Se la spina jack non è particolarmente problematica, né mai lo è stata, non possiamo certo dire lo stesso per la presa. Anche qui, come al solito, le femmine sono la fonte di tutti i nostri problemi.
Contrariamente alla maggior parte dei connettori, il corpo dei jack non è una fusione ma, tipicamente, una lamiera stampata. Osservando la figura 3 ci si può rendere conto di come la presa abbia una forma molto stretta e allungata: introducendo la spina occorre vincere la resistenza delle molle di contatto/ritenuta e questo provoca spesso una deformazione del corpo connettore, con il risultato che alla successiva inserzione il contatto non sarà più allineato con la pallina. Se si insiste, forzando l’inserzione, si può anche danneggiare definitivamente il connettore.
Questo problema è stato parzialmente risolto usando un corpo connettore più complesso (figura 4). Ho detto “parzialmente” perché l’allineamento molla/pallina è ancora abbastanza critico, e basta poco per creare deformazioni.
Il problema della deformazione dei contatti è tanto più grave se si pensa che le molle di contatto, quasi sempre, agiscono anche da interruttore. Nella figura 5 si nota chiaramente come una minima deformazione delle molle di contatto possa indurre un malfunzionamento dell’interruttore: il contatto potrebbe rimanere aperto anche quando il jack è disinserito o, al contrario, potrebbe non aprire il contatto quando il jack è inserito.
Lo stesso fenomeno si puo’ verificare anche se tra il diametro della spina jack e quello della boccola del corpo connettore ci fosse troppa tolleranza (gioco). Questo può generare problemi di contatto anche muovendo il jack.


Un altro problema che affligge i connettori jack deriva dalla posizione di montaggio. Questo non deriva dalla struttura del jack stesso, è piuttosto un limite che si pone al progettista che ne decide l’installazione. Il connettore tipo jack è stato progettato per essere montato su un pannello verticale, quindi con il corpo in posizione orizzontale, mentre sempre più spesso vediamo patch montate sui mixer in posizione orizzontale.
È vero che la patch montata orizzontale è spesso più pratica, facile da usare, con le scritte meglio visibili, eccetera, ma costringe il connettore a lavorare in una posizione impropria. Il corpo connettore montato in posizione verticale è un ricettacolo di polvere e di sporco che andrà a depositarsi direttamente sui contatti, con ovvii risultati.


Un altro problema del connettore jack deriva dal fatto che, di solito, all’atto dell’inserzione, al contrario di altri tipi di connettore, mette i tre poli in corto circuito.
Questa particolarità non genera gravi problemi, normalmente, perché il corto circuito dura in genere solo pochi millesecondi, ma in alcune condizioni può divenire dannosa o, addirittura, pericolosa. Nel caso più banale, se non si introduce a fondo il jack il corto circuito permane a lungo, rischiando di danneggiare qualche circuito interno al mixer. Il caso più grave, o anche gravissimo, si presenta quando si collegano sulle prese jack i segnali microfonici. Questo non dovrebbe mai essere fatto, anche se mi capita di vederlo spesso. Prima di tutto, il segnale microfonico ha un’impedenza ed un livello non compatibile con nessun altro punto di inserzione/scambio. Spesso, inoltre, sulla connessione microfonica è presente l’alimentazione phantom a 48 V che verrebbe messa così in corto circuito, rischiando di danneggiare il microfono e presumibilmente anche il preamplificatore microfonico. In più, se per errore si collegasse una tensione continua a 48 V (presente negli ingressi con phantom attiva), ad esempio, con un altro ingresso audio si rischierebbe di danneggiare quantomeno la circuiteria a valle. Nel caso, quindi, ci fosse la necessità di inserire connessioni microfoniche sulla patch sarà necessario, per ovviare ai problemi sopra descritti, utilizzare connettori differenti dai jack, tipo XLR o meglio ancora mini-XLR che, per le loro ridotte dimensioni, sono quasi paragonabili ai jack ma senza i relativi problemi.
Con l’avvento di mixer con grande numero di canali, logicamente, il numero di prese jack presenti sulla patch è aumentato enormemente, e questo ha portato alla creazione di un formato jack di dimensioni ridotte: il “mini jack”, che è attualmente lo standard in uso nelle patch degli studi di registrazione.


Al suo debutto, il mini jack ha portato notevoli problematiche di affidabilità: basti pensare ai problemi appena discussi riportati su un connettore di dimensioni ridotte e quindi molto più critico, specialmente sulle tolleranze costruttive. Ogni nuovo prodotto ha bisogno del suo periodo di rodaggio. Ora si è arrivati a produrre delle prese mini jack sufficientemente affidabili. Alcuni modelli meglio di altri, in particolare quello che useremo sul nostro mixer, costruito con concetti innovativi.
Ma di questo parleremo sul prossimo numero.

GALLERIA FOTOGRAFICA
gall icon

Informazioni aggiuntive

  • Extended Classes: default

Non hai il permesso di pubblicare commenti. REGISTRATI o effettua il login:

Articoli Correlati

I PIU' POPOLARI

Prev Next

Tiziano Ferro - L’Amore è una …

Categoria: Live Concert

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce...

Hits:18019

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 24…

Categoria: News

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

Hits:16944

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Categoria: Live Concert

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Hits:15898

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stad…

Categoria: Live Concert

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Hits:13907

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Categoria: Live Concert

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Hits:13742

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale T…

Categoria: Live Concert

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Hits:12610

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Categoria: Rubriche

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Hits:11720

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Categoria: Live Concert

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo.

Hits:11563

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Categoria: Rubriche

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Hits:11125

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo m…

Categoria: Produzioni e studi

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto...

Hits:10955

Leggi tutto

ULTIMI ARTICOLI

Prev Next

Clay Paky K-EYE HCR vince ai P…

Categoria: Uomini e Aziende

Clay Paky K-EYE HCR vince ai Plasa Awards

Claypaky si è aggiudicata un “Plasa Awards of Innovation”, uno dei più rinomati e qualificati riconoscimenti nel settore dell’Entertainment, con K-EYE HCR K-20

Hits:87

Leggi tutto

Andi Watson 
e Radiohead

Categoria: Personaggio

Andi Watson 
e Radiohead

Nell’occasione del concerto dei Radiohead quest’estate a Firenze, abbiamo avuto l’opportunità di parlare a lungo con il rinomato lighting e set designer Andi Watson: della...

Hits:939

Leggi tutto

ETC ColorSource Cyc

Categoria: News

ETC ColorSource Cyc

Il costruttore americano presenta il nuovo proiettore per ciclorama della famiglia ColorSource alla fiera PLASA 2017.

Hits:78

Leggi tutto

DiGiCo DMI-MIC

Categoria: News

DiGiCo DMI-MIC

La casa costruttrice inglese offre una nuova scheda opzionale per espandere il numero di ingressi microfonici delle console della Serie S.

Hits:113

Leggi tutto

Francesco Gabbani - Tour 2017

Categoria: Live Concert

Francesco Gabbani - Tour 2017

Abbiamo intercettato il tour estivo di Francesco Gabbani in una delle sue date conclusive, il 17 settembre al Parco Nord di Bologna. Per il momento,...

Hits:562

Leggi tutto

Sound&Lite numero 127

Categoria: News

Sound&Lite numero 127

Il nuovo numero di Sound&Lite è online!

Hits:519

Leggi tutto

Elation a PLASA 2017

Categoria: News

Elation a PLASA 2017

Due nuovi prodotti Elation Professional presentati alla prossima fiera PLASA di Londra.

Hits:112

Leggi tutto

RGBLink VSP628pro II e RMS 842…

Categoria: News

RGBLink VSP628pro II e RMS 8424S

Il distributore ligure Audio Effetti ha annunciato due interessanti nuovi prodotti di RGBLink, che saranno ufficialmente presentati presso lo stand RGBLink 10-A41 all’imminente IBC  dal...

Hits:161

Leggi tutto

Ayrton a PLASA 2017

Categoria: News

Ayrton a PLASA 2017

Ayrton prosegue le celebrazioni del proprio quindicesimo anniversario, con il lancio di nuovi ed interessanti prodotti alla 40a fiera PLASA a Londra.

Hits:193

Leggi tutto

Music & Lights @ Plasa2017

Categoria: News

Music & Lights @ Plasa2017

Una selezione di prodotti dei brand Prolight, ArchWork e DAD sarà in mostra presso lo stand del distributore UK, A.C. Entertainment Technologies (E30A), durante il...

Hits:230

Leggi tutto

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.

Utilizzando tali servizi accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di piu'

Approvo

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.
TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.