C’era una volta il DMX

05 Nov 2013

di Aldo Visentin

Pugni e DMX

È oserei dire stomachevole la quantità di corsi e incontri che ho sostenuto parlando del DMX (questo sconosciuto). Molti amici, colleghi e compagni, continuano a odiarmi per aver inflitto loro vistose complicanze nella loro testa, riguardo questo oggetto invisibile che permette di gestire le luci. Molti di noi preferiscono convivere con questo amico senza farsi troppe domande, lasciando il “fantasma” libero di correre dentro il cavo di turno senza troppo disturbarlo. A volte però è il fantasma ad essere disturbato, e quindi si palesa in tutta la sua ferocia, attraverso le sue tipiche schizofrenie da film dell’orrore sui malcapitati proiettori.

Al fine di conservare la mia integrità fisica (diciamo per evitare qualche pugno in faccia) non parlerò del DMX, ma di ciò che prima o poi ci troveremo ad affrontare, ossia come dare al DMX una via di comunicazione più potente e più veloce.

Alle prime armi di questo mio presunto mestiere si cominciava già a pensare al DMX, e considerato che la cosa risale al 1986, direi che il bravo protocollo comincia a diventare alquanto datato. Tuttavia la maggior parte degli spettacoli (di medie e piccole dimensioni) continuano ad essere popolati dall’inossidabile DMX che corre dentro un filo che il più delle volte risulta essere pure quello sbagliato. Facendo perciò un paio di nostalgici conti alla buona, possiamo ricordare che, all’epoca, il processore di “riferimento” era lo Z‑80 (Zilog); molti di noi si cimentarono con gli Sinclair Spectrum giusto? Ebbene lo Z‑80 operava ad una frequenza di 2,5 MHz. La cosa oggi fa ridere alquanto, considerato che i nostri processori “corrono” circa mille volte più veloci.

DMX fu pensato per poter essere gestito dall’allora tecnologia, e per questo esso di norma viaggia a 250.000 bit/secondo. Semplicemente significa 400 volte più lento di una connessione fast Ethernet e 4000 volte più lento di una connessione Gigabit Ethernet.

Tutta colpa di Internet

Col passare degli anni abbiamo assistito tutti all’evolversi delle tecnologie e se 15/20 anni fa bastava un numero ragionevole di canali per gestire un parco luci, oggi lo stesso parco “consuma” molti molti più canali. Anche se si osservano le console, non possiamo fare a meno di notare che quattro uscite DMX, che sembravano tante fino a qualche anno fa, oggi possono calzare strette.

L’avvento dei proiettori a LED e relative matrici realizzabili (anche a basso costo), sono il caso tipico dei giorni nostri, dove una piccola matrice di 12 X 12 LED RGB si “succhia” quasi un universo DMX.

L’avvento di internet con tanto di hardware e software per il networking tra computer ha inevitabilmente portato taluni a pensare di utilizzare protocolli che si basano su TCP‑IP per trasportare anche il controllo luci, con tutti i vantaggi del caso.

Diversi protocolli sono quindi apparsi in questi anni, alcuni open altri proprietari; tutti comunque con medesimo comune denominatore, ossia “trasportare” il DMX attraverso TCP‑IP. La cosa può apparire complicata, ma in realtà il protocollo TCP‑IP definisce le sole regole di vettore del DMX; in altre parole fa lo spedizioniere e si occupa che la merce arrivi a destinazione in maniera corretta.

I vantaggi di un sistema di questo tipo sono molteplici anche se il nostro “end” rimangono pur sempre degli apparecchi che comprendono il solo DMX. A onor del vero qualche proiettore sarebbe pure in grado di dire qualcosa (già da mo’) ma DMX, per come lo conosciamo noi, non glielo permette a meno di porgli alle calcagna un signor traduttore simultaneo che si chiama RDM. Di certo se un giorno tutti si mettessero d’accordo nel trovare un linguaggio unico dove ognuno ha diritto di replica da ambo i lati, le cose potrebbero andare meglio. Tuttavia si sta lavorando in questo senso e il trasporto DMX su rete naviga a favore di tutto ciò.

Autostrade DMX

Il protocollo che per primo appare nel trasporto del DMX via rete è ArtNet (ora il più diffuso). Molte console già dispongono di adattatori di rete incorporati che oltre ad essere utilizzati nell’ambito del networking con altre console dello stesso tipo, sono adepti alla trasmissione del DMX via ArtNet. Ma ArtNet non è l’unico, giusto per menzionarne altri: ArtNet 2, ArtNet 3, StreamingACN (sACN), ESP Net, OSC (Open Sound Control), Pathway Pathport, SandNet, Shownet Strand.

Come sempre in mancanza di regole comunitarie, va a finire che ognuno a casa propria definisce la “propria”, nella speranza che questa diventi poi lo standard, esat琀amente come accadde prima dell’avvento del DMX.

Malgrado il fatto che, ancora di DMX si parli, i vantaggi sono molteplici nell’utilizzo di un sistema di computer networking per il suo trasporto:

-          Possibilità di trasportare una quantità molto molto alta di informazioni (canali e universi) attraverso un layer fisico standard (normali cavi e nodi di tipo ethernet).

-          integrazione del controllo luci a sistemi di altro tipo nelle applicazioni relativamente complesse o multimediali (media server).

-          Gestione del DMX via wireless a basso costo.

-          Controllo bidirezionale “ready” in caso si desideri utilizzare RDM o protocolli che saranno convenzionati.

-          Costi inferiori per la realizzazione del network.

-          Praticità nella realizzazione di sistemi di backup e ridondanze sia lato controllo che lato proiettori.

OLA e la torre di Babele

In antitesi alla Genesi, nella molteplicità dei protocolli di trasmissione Ethernet, qualcuno sta cercando di (ri)costruire una torre di babele DMX, ove tutti possano comunicare pur continuando a parlare la propria lingua. La cosa che sembra ancora molto “underground”, ma potrebbe rappresentare la chiave di volta che mette d’accordo tutti. OLA è l’acronimo di Open Lighting Architecture. Si tratta di un set di applicazioni che colloquiano con un gruppo di hardware a basso costo (widget, dongle, USB DMX) in grado di generare o ricevere DMX e RDM da una o più fonti di protocollo Ethernet sopra menzionate e viceversa. Una sorta di traduttore simultaneo in grado di lavorare con tutti per tutti al fine di trasportare il signor DMX ed eventualmente RDM. OLA è open e può essere utilizzato da tutti, necessita un laptop Mac (non me ne vogliano i PC) e le interfacce USB DMX di uso comune (OLA ne supporta 20). Come traduttore simultaneo può quindi essere utilizzato per testare RDM in linea, per convertire da un protocollo (es. sACN) verso DMX, come DMX recorder, o come traduttore post-consolle DMX.

Per gli smanettoni e chi ne vuole sapere di più consiglio:

www.opendmx.net inoltre: http://www.rdmprotocol.org e http://rdm.openlighting.org; ed infine http://www.raspberrypi.org per i più malati che desiderano cimentarsi con OLA “dal vivo”.

Informazioni aggiuntive

  • Extended Classes: default

Non hai il permesso di pubblicare commenti. REGISTRATI o effettua il login:

Articoli Correlati

I PIU' POPOLARI

Prev Next

Tiziano Ferro - L’Amore è una …

Categoria: Live Concert

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce...

Hits:18019

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 24…

Categoria: News

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

Hits:16944

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Categoria: Live Concert

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Hits:15898

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stad…

Categoria: Live Concert

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Hits:13907

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Categoria: Live Concert

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Hits:13742

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale T…

Categoria: Live Concert

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Hits:12610

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Categoria: Rubriche

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Hits:11720

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Categoria: Live Concert

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo.

Hits:11563

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Categoria: Rubriche

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Hits:11125

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo m…

Categoria: Produzioni e studi

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto...

Hits:10955

Leggi tutto

ULTIMI ARTICOLI

Prev Next

Clay Paky K-EYE HCR vince ai P…

Categoria: Uomini e Aziende

Clay Paky K-EYE HCR vince ai Plasa Awards

Claypaky si è aggiudicata un “Plasa Awards of Innovation”, uno dei più rinomati e qualificati riconoscimenti nel settore dell’Entertainment, con K-EYE HCR K-20

Hits:87

Leggi tutto

Andi Watson 
e Radiohead

Categoria: Personaggio

Andi Watson 
e Radiohead

Nell’occasione del concerto dei Radiohead quest’estate a Firenze, abbiamo avuto l’opportunità di parlare a lungo con il rinomato lighting e set designer Andi Watson: della...

Hits:939

Leggi tutto

ETC ColorSource Cyc

Categoria: News

ETC ColorSource Cyc

Il costruttore americano presenta il nuovo proiettore per ciclorama della famiglia ColorSource alla fiera PLASA 2017.

Hits:78

Leggi tutto

DiGiCo DMI-MIC

Categoria: News

DiGiCo DMI-MIC

La casa costruttrice inglese offre una nuova scheda opzionale per espandere il numero di ingressi microfonici delle console della Serie S.

Hits:113

Leggi tutto

Francesco Gabbani - Tour 2017

Categoria: Live Concert

Francesco Gabbani - Tour 2017

Abbiamo intercettato il tour estivo di Francesco Gabbani in una delle sue date conclusive, il 17 settembre al Parco Nord di Bologna. Per il momento,...

Hits:562

Leggi tutto

Sound&Lite numero 127

Categoria: News

Sound&Lite numero 127

Il nuovo numero di Sound&Lite è online!

Hits:519

Leggi tutto

Elation a PLASA 2017

Categoria: News

Elation a PLASA 2017

Due nuovi prodotti Elation Professional presentati alla prossima fiera PLASA di Londra.

Hits:112

Leggi tutto

RGBLink VSP628pro II e RMS 842…

Categoria: News

RGBLink VSP628pro II e RMS 8424S

Il distributore ligure Audio Effetti ha annunciato due interessanti nuovi prodotti di RGBLink, che saranno ufficialmente presentati presso lo stand RGBLink 10-A41 all’imminente IBC  dal...

Hits:161

Leggi tutto

Ayrton a PLASA 2017

Categoria: News

Ayrton a PLASA 2017

Ayrton prosegue le celebrazioni del proprio quindicesimo anniversario, con il lancio di nuovi ed interessanti prodotti alla 40a fiera PLASA a Londra.

Hits:193

Leggi tutto

Music & Lights @ Plasa2017

Categoria: News

Music & Lights @ Plasa2017

Una selezione di prodotti dei brand Prolight, ArchWork e DAD sarà in mostra presso lo stand del distributore UK, A.C. Entertainment Technologies (E30A), durante il...

Hits:230

Leggi tutto

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.

Utilizzando tali servizi accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di piu'

Approvo

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.
TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.