Aldo Visentin

08 Mag 2013

di Alfio Morelli

Un personaggio che ho avuto il piacere di conoscere da tempo e di cui ho seguito passo passo il percorso professionale. Nel suo racconto riconosco molte verità che condivido pienamente.

Nasco a Padova, da una famiglia normale; mio padre aveva un’officina meccanica che riparava le auto, molto ben avviata, con una quindicina di dipendenti. Ho frequentato le scuole superiori per Perito Industriale Meccanico, proseguendo il percorso presso l’officina paterna con diversi corsi di specializzazione alla FIAT: smontavo e rimontavo le prime centraline elettroniche ad occhi chiusi. Aldo Visentin

In quel periodo il mio unico interesse ed hobby era l’aereo modellismo. Ovviamente avevo una compagnia con la quale vivevo la mia giovinezza, ma sinceramente le cose di tutti i giorni non mi coinvolgevano più di tanto, finché un mio amico, in un pomeriggio festivo, mi trascinò in discoteca. Accettai mio malgrado. Entrammo in questo luogo semibuio, con una musica di sottofondo, aspettando che la gente entrasse. Ad un certo punto la musica salì, le luci si accesero ed iniziò una girandola di emozioni: venni fulminato dagli effetti luminosi che quelle luci riuscivano a sprigionare. Quello fu il mio primo approccio con la luce.

Da quel momento, con il mio motorino Califfo Mustafà dell’Atala, cominciai a girare tutte le discoteche del padovano e zone limitrofe, finché in una discoteca mi permisero di salire in regia per azionare le luci. Da quel momento nessuno è riuscito a togliermi dalla testa il mondo delle luci, anche se in questa passione non ho mai avuto l’approvazione dei miei genitori che vedevano in me l’erede naturale del padre alla guida dell’officina.


Anno dopo anno e discoteca dopo discoteca, diventai il responsabile tecnico di una grossa struttura; il culmine fu quando andammo a Rimini per il SIB e tornammo a casa con l’acquisto di 28 Golden Scan della Clay Paky controllati con protocollo RS232, seguito l’anno successivo dall’acquisto di due laser acquistati da una ditta inglese. I fornitori del laser furono tanto soddisfatti dal mio operato che la nostra discoteca divenne la loro showroom, in cui portavano i nuovi clienti per le dimostrazioni e le vendite.

Dopo circa due anni mi proposero di collaborare con loro e di spostarmi a Londra. Accettai: inizialmente facevo il pendolare, tornando a casa ogni settimana o quindici giorni; poi decisi di trasferirmi a Londra, presso la Laser Innovations, questo era il nome dell’azienda. Il mio compito era quello di supporto alle vendite ed anche di operatore nei vari spettacoli in cui l’azienda stessa affittava i laser. Così, oltre a tanti spettacoli, lavorai anche ai tour di Bon Jovi, Spice Girls e a cinque edizioni del Festival di Viña del Mar in Cile.


Nell’ultimo periodo della mia collaborazione, la ditta acquistò un bus inglese a due piani, nel cui piano inferiore fu organizzato lo spazio notte con i servizi, oltre agli spazi in cui era alloggiato un chiller, cioè uno scambiatore di calore che serviva per raffreddare i laser, ed era stivato l’impianto audio JBL. La parte superiore ospitava invece la cucina con uno spazio relax e, in una seconda parte, tutti i laser con la control room. Infine, agganciato al bus, avevamo un rimorchio con il generatore di corrente che ci rendeva completamente autonomi. Con questo mezzo abbiamo girato l’Inghilterra in lungo ed in largo presenziando vari festival, feste e avvenimenti fra i più stravaganti.


Durante questo ultimo periodo della mia avventura in Inghilterra, mi arrivò la proposta di Pio Nahum di tornare in Italia, perché cercavano un professionista con i miei requisiti per organizzare la nuova sede Martin a Udine, e questo segnò il mio ritorno in patria.
Nell’organizzazione Martin avevo il ruolo di assistente alle vendite e responsabile dell’education. Organizzavo corsi, sia in sede che in giro per l’Italia. Ricordo i corsi fatti a Napoli e a Roma a cui parteciparono molti direttori della fotografia RAI. Erano i tempi in cui facevano le prime apparizioni i proiettori a testamobile, considerati oggetti misteriosi. Quell’esperienza fu talmente apprezzata che mi chiamarono anche dalla Danimarca, sede generale della Martin, per organizzare corsi a livello internazionale per i dealer ed i clienti direzionali.


Con l’uscita di Pio Nahum dalla Martin però anche il mio interesse svanì. Così, sempre nello stesso periodo, venni contattato dalla SGM: l’idea mi piacque e così mi trasferii in Romagna: sicuramente le dimensioni dell’azienda erano diverse rispetto a Martin, ed anche le abitudini e l’organizzazione, ma trovai un ambiente ed un territorio ottimale come qualità della vita, tanto che abito ancora qua!


Mentre collaboravo con la SGM, avevo ripreso a lavorare in diversi spettacoli, fra cui quelli di Andrea Bocelli, non ancora all’apice del successo, anche se questo artista prendeva sempre più spessore e stava creando un gruppo di lavoro meraviglioso, con Andrea Taglia come responsabile audio, il fonico Francesco La Camera, Paolo Marchetti in veste di responsabile luci ed io stesso come lighting designer ed operatore, un team che funziona benissimo ancora oggi.

Ti ritieni più un operatore luci o un lighting designer?
Nasco come operatore luci per poi diventare anche un disegnatore luci.

Sono due compiti così diversi, in fondo?
Il lighting designer è un architetto, una figura creativa, mentre l’operatore è un geometra, con molta più sostanza, colui che conosce anche molto bene tutte le apparecchiature che controlla. Non è raro incontrare dei professionisti che collaborano spesso insieme, e queste collaborazioni frequenti li fanno crescere e progredire di pari passo.


Il tuo percorso professionale è iniziato in discoteca con laser e luci di grande effetto, mentre oggi ti trovi a lavorare in spettacoli in cui le luci sono ovviamente molto più statiche: mi spieghi la differenza dal tuo punto di vista?
Nella discoteca e negli spettacoli rock, la luce deve essere protagonista fino quasi a sovrastare la musica, mentre in spettacoli come quelli di Andrea Bocelli la luce non deve essere notata, ma deve essere percepita.
Già nelle discoteche avevo notato e testato che il disegno luci modificava tantissimo la reazione della gente, pur con la stessa musica. Da quel momento mi sono fatto la convinzione che la luce è energia, un concetto che cerco di riportare negli spettacoli di Andrea, interpretando la musica con le luci per darle più carica emotiva. Concerto dopo concerto cerco di interpretarla sempre meglio e di dare quel valore aggiunto che, comunque, non deve mai prevaricare l’interpretazione dell’artista.


Le reazioni cambiano anche col pubblico? Secondo la tua esperienza internazionale, il pubblico brasiliano reagisce come quello giapponese?
Sì, le reazioni del pubblico cambiano moltissimo nei vari paesi: non si possono proporre lo stesso spettacolo e la stessa scaletta a Rio o a Tokyo, ad ogni pubblico occorre dare un diverso tipo di emozione.


Con Andrea sei impegnato una cinquantina di date all’anno, per il resto del tempo cosa fai?
Se consideri che per preparare uno spettacolo occorrono una decina di giorni, tra la preparazione, la trasferta ed il ritorno, del tempo non ne rimane poi tantissimo. Comunque nei ritagli di tempo faccio due cose che amo molto: studio le nuove tecnologie e continuo ad avere collaborazioni, organizzando corsi con diverse scuole, dall’Accademia di Brera, al Politecnico di Milano o all’Accademia della luce di Siena, oltre ad alcune collaborazioni con qualche azienda.


Cosa ti senti di consigliare ai giovani che sono all’inizio del percorso?
In questo lavoro è fondamentale avere una grossa ambizione e le idee chiare, occorre sapere dove si vuole arrivare, nonché lavorare e soffrire per arrivare all’obbiettivo prestabilito. In questo lavoro o sei leone o sei ragno: o cerchi subito la preda grande per azzannarla e fare una grande abbuffata, con il rischio di rimanere poi a bocca asciutta per lungo tempo, oppure, come il ragno, giorno dopo giorno tessi la tua tela che, una volta finita, dà la possibilità di trovare continuamente nuove prede, magari piccole, ed avere un futuro meno incerto. Ma ragni o leoni... bisogna darsi da fare!

contatti: Aldo Visentin

Informazioni aggiuntive

  • Extended Classes: default

Non hai il permesso di pubblicare commenti. REGISTRATI o effettua il login:

Articoli Correlati

I PIU' POPOLARI

Prev Next

Tiziano Ferro - L’Amore è una …

Categoria: Live Concert

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce...

Hits:18019

Leggi tutto

Consegnati ad Agorà i primi 24…

Categoria: News

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

Hits:16944

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Categoria: Live Concert

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Hits:15898

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stad…

Categoria: Live Concert

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Hits:13907

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Categoria: Live Concert

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Hits:13742

Leggi tutto

Marco Mengoni - L'Essenziale T…

Categoria: Live Concert

Marco Mengoni - L'Essenziale Tour 2013

Aggiunte le video interviste ai protagonisti!

Hits:12610

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Categoria: Rubriche

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Hits:11719

Leggi tutto

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Categoria: Live Concert

Emma - Sarò Libera Tour 2012

Esplode il live di Emma. Un calendario denso ed impegnativo.

Hits:11563

Leggi tutto

La sicurezza negli eventi live

Categoria: Rubriche

La sicurezza negli eventi live

Il pericolo NON è il mio mestiere.

Hits:11125

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo m…

Categoria: Produzioni e studi

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto...

Hits:10955

Leggi tutto

ULTIMI ARTICOLI

Prev Next

Clay Paky K-EYE HCR vince ai P…

Categoria: Uomini e Aziende

Clay Paky K-EYE HCR vince ai Plasa Awards

Claypaky si è aggiudicata un “Plasa Awards of Innovation”, uno dei più rinomati e qualificati riconoscimenti nel settore dell’Entertainment, con K-EYE HCR K-20

Hits:87

Leggi tutto

Andi Watson 
e Radiohead

Categoria: Personaggio

Andi Watson 
e Radiohead

Nell’occasione del concerto dei Radiohead quest’estate a Firenze, abbiamo avuto l’opportunità di parlare a lungo con il rinomato lighting e set designer Andi Watson: della...

Hits:939

Leggi tutto

ETC ColorSource Cyc

Categoria: News

ETC ColorSource Cyc

Il costruttore americano presenta il nuovo proiettore per ciclorama della famiglia ColorSource alla fiera PLASA 2017.

Hits:78

Leggi tutto

DiGiCo DMI-MIC

Categoria: News

DiGiCo DMI-MIC

La casa costruttrice inglese offre una nuova scheda opzionale per espandere il numero di ingressi microfonici delle console della Serie S.

Hits:113

Leggi tutto

Francesco Gabbani - Tour 2017

Categoria: Live Concert

Francesco Gabbani - Tour 2017

Abbiamo intercettato il tour estivo di Francesco Gabbani in una delle sue date conclusive, il 17 settembre al Parco Nord di Bologna. Per il momento,...

Hits:562

Leggi tutto

Sound&Lite numero 127

Categoria: News

Sound&Lite numero 127

Il nuovo numero di Sound&Lite è online!

Hits:519

Leggi tutto

Elation a PLASA 2017

Categoria: News

Elation a PLASA 2017

Due nuovi prodotti Elation Professional presentati alla prossima fiera PLASA di Londra.

Hits:112

Leggi tutto

RGBLink VSP628pro II e RMS 842…

Categoria: News

RGBLink VSP628pro II e RMS 8424S

Il distributore ligure Audio Effetti ha annunciato due interessanti nuovi prodotti di RGBLink, che saranno ufficialmente presentati presso lo stand RGBLink 10-A41 all’imminente IBC  dal...

Hits:161

Leggi tutto

Ayrton a PLASA 2017

Categoria: News

Ayrton a PLASA 2017

Ayrton prosegue le celebrazioni del proprio quindicesimo anniversario, con il lancio di nuovi ed interessanti prodotti alla 40a fiera PLASA a Londra.

Hits:193

Leggi tutto

Music & Lights @ Plasa2017

Categoria: News

Music & Lights @ Plasa2017

Una selezione di prodotti dei brand Prolight, ArchWork e DAD sarà in mostra presso lo stand del distributore UK, A.C. Entertainment Technologies (E30A), durante il...

Hits:230

Leggi tutto

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.

Utilizzando tali servizi accetti l’utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di piu'

Approvo

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.
TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.