Pink Floyd - Their Mortal Remains

 
Nick Mason e Roger Waters dei Pink Floyd con Virginia Raggi, sindaca di Roma, durante la conferenza Stampa

di Douglas Cole

Solo una manciata di band hanno avuto lo stesso impatto e la stessa influenza dei Pink Floyd su ogni aspetto della musica rock: dalle innovazioni nelle produzioni discografiche, alla spettacolarità e alla qualità delle produzioni dal vivo, fino alle critiche della condizione umana. Questa mostra, che ha debuttato l’anno scorso al Museo Victoria and Albert, a Londra, aperta il 19 gennaio di quest’anno al MACRO di Roma, fornisce un viaggio audiovisivo nel mondo e nella storia di questa band unica.

Il 16 gennaio si è aperta per una visita in anteprima della stampa l’esibizione Pink Floyd – Their Mortal Remains; un appuntamento a cui non abbiamo voluto mancare, cominciando dalla conferenza inaugurale che ha visto presenti il batterista Nick Mason e il bassista e paroliere Roger Waters. Ma visto che siamo a ridosso delle elezioni, non a caso era presente anche un folta rappresentanza della nostra classe politica: la Sindaca di Roma, Virginia Raggi, il Vice Sindaco, Luca Bergamo, ed il Commissario PalaExpo, Innocenzo Cipolletta. Gigi Ariemma, personaggio di Radio Capital, ha svolto la doppia funzione di conduttore e traduttore per le domande della stampa.
Per quanto riguarda i nostri interessi redazionali, c’è stato poco da carpire dalla conferenza stampa, a parte l’impressione che Mason sia un personaggio piuttosto gioviale (presumibilmente finché non gli servi una fetta di torta con la crosta), mentre Waters trasuda di persona la stessa scorbutica amarezza che ha fornito l’ispirazione alla maggior parte della sua arte e non perde mai l’opportunità di utilizzare qualsiasi forum pubblico per evidenziare le assurdità dell’attuale situazione politica-economica-sociale-culturale nel mondo e cercare di convincerci di fare qualsiasi cosa per cambiarla. Bene o male, non lo possiamo biasimare.
La mostra, invece, è un must per chiunque sia fan della band ed è consigliabile a chiunque si interessi alla storia della musica contemporanea, dello show business in generale o di tecnologia musicale e dello spettacolo. Innanzitutto, il curatore e creatore della mostra è Aubrey Powell, artista socio dello storico studio Hipgnosis, responsabile artistico per innumerevoli copertine di dischi che hanno fatto la storia del rock degli anni ‘60 e ‘70. La lista di crediti e di fornitori, invece, si legge come quella di un megatour internazionale di serie “AAA”: progetto di Stufish (lo studio fondato da Mark Fisher), lighting design di Woodroffe-Bassett Design (finalmente, Patrick Woodroffe è riuscito a fare le luci per i Pink Floyd!), sound design di Andy Jackson, consulenza audio di Bobby Aitkin e Scott Willsallen, luci fornite da White Light, laser di ER Productions... insomma una who’s who della produzione di alto livello. Aggiungi a questi la partecipazione proattiva di Sennheiser nella realizzazione dell’audio della mostra e il pacchetto complessivo è veramente un’esperienza da non perdere.

I contenuti della mostra includono scenografie originali (compresi, tra tanti, il famoso maiale gonfiabile di Animals e diverse scenografie dalla produzione di The Wall), strumenti, sintetizzatori, pedali, amplificatori, casse e probabilmente l’unica Midas XL316 che si trova accesa in esposizione in un museo. Già per questi oggetti la mostra sarebbe di interesse per chi orbita nel nostro settore ma, in più, la tecnologia in uso per presentare la mostra stessa è alquanto affascinante. Sennheiser ha fornito un sistema guidePORT che consente al visitatore di girare la mostra accompagnato dalla musica della band e dall’audio delle varie interviste ecc, proposte lungo il percorso cronologico dell’esibizione. La sorprendente qualità audio di questo sistema, insieme alle cuffie modello HD 2.20s, rende molto più giustizia alla musica di Pink Floyd di quanto ci si aspetterebbe da un sistema di guida museale, e questa qualità viene quasi trascurata dal funzionamento perfettamente liscio nelle commutazioni tra i vari contenuti mentre si passa da una sala all’altra all’interno della mostra, con un comodo fade-out/fade-in da un segnale all’altro.
Una piccola chicca nella mostra, a cui non si può resistere, è un punto nel quale sono disponibili due postazioni con dei piccoli mixer con otto traccie (premix dei vari elementi) dall’originale multitraccia di Money (da Dark Side of the Moon) che si possono mixare nelle cuffie del proprio ricevitore guidePORT! Per circa sette minuti, ho potuto giocare ad essere Alan Parsons mixando il brano, finché una ragazza del MACRO è arrivata a dirmi che non si poteva toccare. Sicuramente questo è stato un malinteso del primo giorno di mostra, perché non riesco a immaginare qualsiasi altro scopo per quell’esposizione particolare che da sola, per diversi fonici di mia conoscenza, varrebbe già la visita alla mostra.
Nell’ultima sala dell’esibizione c’è uno spazio allestito appositamente per l’ascolto di un singolo brano, Comfortably Numb… e che ascolto! Insieme alle proiezioni della band che suona per l’ultima volta tutta insieme al concerto Live 8 del 2005, e ad un lightshow tipico da Pink Floyd ricreato in miniatura, in questa sala c’è un sistema audio con 25 diffusori che crea un’esperienza di ascolto immersiva: né l’esperienza sonora né quella visiva deludono!

 
Daniel Sennheiser, co-CEO di Sennheiser

Daniel Sennheiser

Alla presentazione della mostra era presente Daniel Sennheiser, il co-CEO (insieme al fratello Andreas) di Sennheiser e nipote del fondatore, Fritz. Abbiamo potuto parlare con Daniel per un quarto d’ora prima della conferenza stampa e gli abbiamo fatto diverse domande sulla tecnologia audio usata nella mostra e, in particolare, su Ambeo, il sistema Sennheiser per la ripresa, elaborazione e riproduzione di audio immersivo.

Come è stato coinvolto in questa mostra dei Pink Floyd?
Da tanti anni Sennheiser produce sistemi audio ed RF per le mostre e guidePORT è stato un importante parte di questo settore perché è un sistema molto intuitivo che permette all’utente di girare liberamente senza cambiare canali o toccare il ricevitore. Insieme al museo Victoria e Albert, a Londra, avevamo già realizzato la mostra di David Bowie, molto orientata verso il musicale, così sono venuti da noi per la gestione dell’audio. Ma siamo presenti anche nella mostra Revolution. Records and Rebels 1966-1970, attualmente a Milano.
Dopo diversi anni di progettazione, insieme ai Pink Floyd e Aubrey Powell, finalmente è stata lanciata questa esposizione sulla storia della band. È una grande esperienza, che fra le altre cose sancisce il rapporto di vecchia data fra Sennheiser e Pink Floyd, band che usa i nostri prodotti da sempre. La scelta di Sennheiser per la gestione dell’audio è stata perfettamente naturale, visto questo rapporto consolidato e la nostra specializzazione in questo tipo di mostra.
Abbiamo creato un’esperienza immersiva in cui l’osservatore può scegliere il percorso in maniera autonoma, con l’audio che si adatta alle sue scelte. Il sistema guidePORT infatti commuta l’audio nelle cuffie del visitatore secondo i diversi punti della mostra, e utilizza un’enorme quantità di registrazioni musicali, interviste con la la band e con i vari personaggi che hanno in qualche motivo contribuito o documentato la storia della band, sempre coordinato con memorabilia, contributi video e grafici, strumenti e trovate scenografiche.
La mostra finisce in una sala d’ascolto – che purtroppo è molto più piccola di quella realizzata a Londra – nella quale viene riprodotta un’esperienza dal vivo utilizzando il sistema Ambeo 3D Sennheiser, attraverso diciotto diffusori Neumann KH 420 e sette subwoofer Neumann KH 870

Ci puoi spiegare il principio del sistema Ambeo? Innanzitutto: è un sistema basato su un metodo, su un algoritmo o entrambi per creare l’audio immersivo?
Ambeo 3D è un sistema basato su software, su un metodo, ma anche su hardware. Per creare qualsiasi audio surround efficace c’è bisogno di microfoni, elaborazione di segnale, mixing e playback – cuffie, altoparlanti ecc. Quello al quale ci riferiamo con il brand “Ambeo 3D” è l’esperienza finale. Come il passaggio dall’ascolto in mono a quello in stereo, il salto di livello dell’esperienza d’ascolto andando dallo stereo ad Ambeo è molto più efficace di quello che porta ad un’esperienza 5.1, per esempio.
Definiamo Ambeo come “format agnostic” (agnostico in termini di formato – ndr), nel senso che non c’è un formato specifico di riproduzione: è compatibile con formati esistenti come MPEG H e sistemi proprietari 9.1... può essere riprodotto su qualsiasi altro sistema di audio immersivo. Ma si può anche riprodurre in sistemi binaurali, come delle cuffie, ma i contenuti tridimensionali devono essere renderizzati su solo due canali con un filtro HRTF (Head-Related Transfer Function – funzione di trasferimento legata alla [forma della] testa – ndr).Sennheiser pubblica una serie di “planimetrie” o progetti per aiutare i fonici ad iniziare a creare l’esperienza Ambeo... diversi disegni di base, per esempio, per virtual reality, per registrazioni naturali, per esperienze cinematografiche o per progetti come questo. Questi materiali si possono scaricare direttamente dal sito di Sennheiser e includono non solo il setup per la ripresa, ma anche il metodo di elaborazione del segnale. Questi progetti prendono in considerazione tutte le tipologie di materiale sorgente, come deve essere riprodotto, ecc. Più che altro, il metodo di riproduzione determinerà le differenti tecnologie da utilizzare: sotto all’intero processo c’è un software 3D-rendering di Sennheiser.
Si può iniziare con una sorgente stereofonica per produrre un’esperienza Ambeo multicanale, si può iniziare con sorgenti multitraccia per rendere un’esperienza immersiva tramite un ascolto binaurale... nonostante il materiale primario o il metodo di riproduzione, il motore di rendering garantisce un’esperienza tridimensionale ed immersiva.

Commercializzate anche prodotti specifici per le riprese e per la riproduzione?
Sì, abbiamo un microfono Ambeo VR, uno standard per la riproduzione di realtà virtuale. Il microfono ha un encoder che può fornire segnali appositi per formati binaurali o multicanali. Si possono anche utilizzare microfoni tradizionali in una configurazione “Ambeo”, che viene dettagliata nelle varie “planimetrie” – fondamentalmente si crea un cubo di ripresa al quale si possono aggiungere dei microfoni spot – oppure si può usare come sorgente la testa artificiale Neumann KU100... e alcuni utenti combinano queste due configurazioni. Secondo me, siamo veramente solo all’inizio nella creazione dei metodi di ripresa tridimensionali. Dipende anche da cosa si vuole ottenere: per un concerto di musica classica, il cubo funziona in modo ottimale, mentre per un jazz club, per esempio, è preferibile un’esperienza più personale e in questo caso l’aggiunta di una testa artificiale produce risultati migliori.
Occorre valutare applicazione per applicazione.

Per questa mostra che processo è stato usato?
Per la riproduzione di Comfortably Numb, abbiamo preso la registrazione multitraccia originale, catturata dalla console in occasione dello spettacolo Live 8, e siamo andati nella sala di ripresa dello studio Abbey Road, dove abbiamo montato i diffusori come sarebbero stati nella mostra. Poi Simon Franklin, Simon Rhodes ed Andy Jackson – il fonico dei Pink Floyd – hanno creato un re-mix da 17 canali da riprodurre specificamente sui 18 diffusori e i sette subwoofer di questa configurazione.

Ma questa sicuramente non è la configurazione di diffusori più comune con cui il sistema viene utilizzato!
Beh, non molte persone hanno questo setup in casa, ma, per esempio, un utente che crea dei mix per un ascolto tramite un “sound bar” di comune uso domestico, usando competenze di wave field synthesis è in grado di utilizzare le interferenze tra i singoli diffusori per creare delle sorgenti apparenti, virtuali. È possibile creare una situazione di sorgenti di numero infinito... la tecnologia essenzialmente apre la possibilità di creare audio “object-based”, con le varie sorgenti riprodotte posizionate virtualmente in qualsiasi posizione nello spazio.
Siamo solo all’inizio di questo e i fonici sono ancora abituati a mixare “canali” anziché spostare “oggetti” con prossimità e posizione nello spazio.

Parlando del futuro dell’audio, tu pensi che progressi come il vostro sistema ed altri che stanno prendendo piede nel mercato porteranno ad una prossima obsolescenza della stereofonia come standard?
Non è necessariamente una questione di “miglioramento” o obsolescenza, perché una registrazione fatta bene in monofonia ha ancora una qualità validissima... ancora non possiamo entrare in queste questioni. Ma per alcune applicazioni particolari, come cinema, realtà virtuale, videogiochi... nelle quali c’è la necessità di localizzazione spaziale per aumentare l’esperienza dell’azione, questa tecnologia è davvero un progresso. Questo è anche applicabile, per esempio, alle trasmissioni sportive: oggigiorno i giochi virtuali offrono un’esperienza sonora molto più impressionante di un evento sportivo vero... e questo è triste!
Se guardiamo altre applicazioni consumer, per esempio nei video tridimensionali e “navigabili” che si mettono su Facebook, la qualità video è già ad un livello ottimo, ma quella dell’audio in generale è scarsa. Per offrire qualcosa a quel mercato, Sennheiser ha prodotto degli auricolari dedicati che consentono di ascoltare e monitorare quando si creano i video con il cellulare, e che incorporano microfoni in configurazione binaurale negli auricolari per riprendere l’audio con localizzazione reale.

Sennheiser ha l’intenzione di espandere questa tecnologia nelle applicazioni live?
Assolutamente. Abbiamo appena acquisito un’azienda, Sonic Emotion, decisamente specializzata nel campo della riproduzione con wave field synthesis, ma anche nella ripresa audio. Stiamo integrando la loro tecnologia e, prima della fine di quest’anno, vedrete delle cose dedicate alle applicazioni live.
Ci sono tanti musicisti attuali che, come Pink Floyd negli anni precedenti, stanno cercando di spingere avanti i confini dell’audio live, cercando di creare delle esperienze virtuali... gli utenti sono proprio impazienti e pronti per queste soluzioni.
Stiamo collaborando con un’altra azienda startup, VR Reality, per la creazione di plugin per l’authoring di realtà virtuale e stiamo sperimentando come queste tecnologie e metodi si possano applicare al live sound. Abbiamo inoltre già disponibili dei plugin VST per l’utilizzo con software di registrazione, una attrezzatura che sta diventando standard anche nel live, visto il parallelo con i sistemi di mixaggio ed elaborazione digitale. Attualmente, li stiamo testando per capire quanto possano essere intuitivi per creare un upmix in Ambeo 3D in un ambiente live in tempo reale. Penso che vedremo dei salti in avanti molto rapidi in questo.

Effettivamente, la “Performance Zone” (come viene chiamata la sala d’ascolto virtuale) è un’altra chicca che vale l’intera visita alla mostra. Anche se lo spazio è piuttosto piccolo, sono riusciti a ricreare un’esperienza unica per rivivere la performance dei quattro membri di Pink Floyd che hano fatto la maggior parte della discografia – Gilmore, Mason, Waters e Wright. In quella sala, insieme ad un lightshow ed un laser show che veramente sarebbero sufficienti per una tournée medio-piccola, si può ascoltare un singolo brano con un mixaggio davvero unico. Alcuni hanno scritto o detto che l’esperienza doveva essere quella di sentirsi di stare veramente in parterre al concerto Live 8, ma questo non è per niente accurato, secondo me, né era questo l’intento di chi l’ha creato. Nonostante la versione sia dal vivo, l’idea della riproduzione nella mostra è chiaramente quella di un’immersione nel mezzo della musica – simile alla sensazione di ascoltare le versioni dei dischi dei Pink Floyd rilasciati in quadrifonia negli anni ‘70, ma con ancora più efficacia: non la riproduzione realistica di un concerto dal punto di vista del pubblico, ma dal punto di vista del musicista, come se si fosse al centro del palco. In ogni caso: impressionante.

The Pink Floyd Exhibition

CLICCA QUI PER ACCEDERE ALLA GALLERIA FOTOGRAFICA

 Vuoi leggere altre notizie e approfondimenti dal mondo delle installazioni? CLICCA QUI

Vuoi restare sempre aggiornato sulle novità di settore? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ultimi Articoli

German Lighting Products a PLASA 2018

GLP adotta un approccio più delicato per la fiera PLASA 2018, con il tocco teatrale del lighting designer Lucy Carter

News

Leggi tutto...

La Brexit e le conseguenze sulla musica live

Una lettera di UK Music mette in guardia il governo inglese dalle conseguenze sul settore musicale.

News

Leggi tutto...

Q30L2ADJ - Il nuovo angolo regolabile Litec

Un nuovo angolo regolabile a doppia piastra Litec consente di creare angoli variabili da 0° a 180° tra segmenti di trave americana

News

Leggi tutto...

Frenexport @ MusikMesse / Prolight+Sound 2018

Il produttore e distributore marchigiano espone i nuovi prodotti dei suoi marchi alla fiera MusikMesse / Prolight+Sound di Francoforte

News

Leggi tutto...

DPA presenta le sue capsule microfoniche più piccole di sempre

Il produttore danese ha presentato le sue prime capsule da 3 mm, in aggiunta alle gamme esistenti di microfoni lavalier e headset d:screet e d:fine.

News

Leggi tutto...

Audio Effetti presenta il lettore universale UBP-X1000ES di SONY

Il nuovo lettore universale distribuito da Audio Effetti presenta una serie di caratteristiche relative a compatibilità ed integrazione adatte alle installazioni audio/video professionali più esigenti

News

Leggi tutto...

Outline VEGAS 24

VEGAS 24 è un diffusore passivo progettato per essere utilizzato come fill sotto-balconata, front-fill o linea di ritardo.

News

Leggi tutto...

Novità DiGiCo all’AES convention di New York

Il nuovo motore Quantum 7 è stato presentato insieme ai sistemi 4REA4 e ai convertitori a 32 bit.

News

Leggi tutto...

Outline GTO C-12 a Creamfields

Capital Sound utilizza il sistema GTO C-12 per uno dei più importanti festival di musica dance nel Regno Unito.

News

Leggi tutto...

ARREL Audio - Il laboratorio delle idee

La nuova azienda nasce dall'esperienza di Livio Argentini, nome storico dell'audio italiano, creatore di prodotti rinomati a livello internazionale per genialità e qualità.

Azienda

Leggi tutto...

I più Popolari

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:22419

Leggi tutto

Laura Pausini - Fatti Sentire Worldwide Tour

Il recente tour mondiale di Laura Pausini è partito alla grande con due concerti sold-out al Circo Massimo. Dopo una quarantina di giorni in America, la carovana è tornata in...

Live Concert

Hits:21346

Leggi tutto

Ferdinando Salzano

Imprenditore, produttore e manager ai massimi livelli, nell’ambito dei concerti e delle produzioni televisive.

Personaggio

Hits:20559

Leggi tutto

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:20055

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:17679

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:16346

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:15696

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:15355

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:15334

Leggi tutto

Sopra al palco le rose. Sotto al palco le spine.

Ci sono molte cose che mi girano in testa e di cui sento di dover parlare.Il primo è la dignità.

Uomini e Aziende

Hits:14512

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.