Orlando Ghini

di Giancarlo Messina


Quarantasei anni, alto ed asciutto, proprio come il suo carattere, più propenso ad ascoltare che a parlare, Orlando Ghini è da tempo un riferimento nel mondo italiano del PA manager, e dobbiamo ammettere che, pur sforzandoci, non ci riesce di ricordare un concerto in cui l'impianto audio da lui montato suonasse male.
Ma attenzione: riservato e di poche parole sì, ma antipatico no di certo, perché quando si chiacchiera insieme, Orlando è sempre garbato ed acuto, direi a volte ammiccante, dietro il sorriso sornione.
Ci siamo fatti raccontare la sua storia, ed abbiamo scoperto molte cose che non immaginavamo...


Come sei arrivato in questo settore?
Ho iniziato alla tenera età di venti anni, lavorando alla Cabotron, a Parma, la mia città natale. Lì ho cominciato ad occuparmi di impianti e di tutto ciò che concerne l'audio professionale. Era l'epoca di Cabotron JBL, dei primi mixer Midas, copiati da Cabotron, dei primi crossover analogici e dei primi amplificatori a transistor a “Classe A” più o meno fasulla dopo le valvole. Dopo un paio di anni ho avuto l'occasione di lavorare con la Trident Rent dove c'erano anche Willy Gubellini e Billy Bigliardi. Allora la Cabotron lavorava direttamente per i Pooh, gruppo di riferimento di quell'impianto. Noi facevamo assistenza, perché le apparecchiature si rompevano spesso! Erano insomma le prime esperienze in quel settore. Poi assieme a Cantarelli, famoso personaggio della RAI per programmi come SanRemo, Domenica In, facevamo i service in queste trasmissioni che duravano due o tre mesi, nei teatri oppure negli auditorium della RAI. Così ho iniziato a fare il fonico a SanRemo: al tempo c'era il microfono di Baudo, quello della valletta, le famose tracce left e right con le basi e basta, era tutto in playback, non c'era un cantante neanche a pagarlo; quindi era tutto abbastanza semplice. L'unica cosa impegnativa era seguire il conduttore: all'epoca si usavano dei grandi impianti, non adatti a quel tipo di installazioni, ed i microfoni erano i Lavalier, quindi c'erano molti problemi di risonanze e feedback. Mi sono fatto le ossa proprio in queste situazioni. In seguito sono stato chiamato dalla Trident a fare il fonico per i Rockets, con cui sono stato in tour per più di due anni e mezzo. Questa esperienza mi ha dato molto, ed è stato anche un periodo molto piacevole e divertente.


Questo era il periodo in cui iniziavano a vedersi i primi impianti stranieri?
Sì, possiamo dire che l'esterofilia è sempre stata abbastanza sentita nel nostro settore. Qualunque cosa venisse dall'estero, direi anche a ragione, era sempre guardata con molto interesse. Si vedevano i primi impianti Martin, JBL e pochi altri. Tutte cose interessanti, anche sotto il punto di vista elettronico: mixer, riverberi, unità digitali, amplificatori e tutto ciò che concerne nel nostro mestiere il lato tecnico. Iniziavamo ad affrontare il nostro lavoro con un mixer in sala, un mixer in palco, uno splitter attivo e le DI Box, allora una cosa assolutamente innovativa.


Con Trident qual è stato il tuo percorso? Quali esperienze ricordi in particolare?
Ho conosciuto poco di Trident, ho fatto il tour ma allora la produzione non esisteva, esistevano solo i tecnici che andavano in giro in camper con gli effettini al seguito. La produzione era identificata in qualcuno che vedevi ogni tanto venire a prendere i soldi dalla cassa, niente di più. Nessuno si preoccupava del carico o dello scarico dei camion, degli orari... niente di niente, faceva tutto il service, gestivano tutto i tecnici.

In quei periodi l'esperienza si faceva provando, sbagliando e riprovando. Come si partiva per risolvere i problemi?
Rispetto ai problemi non è cambiato poi tanto! Ancora oggi non c'è una grossa conoscenza tecnica nel risolvere i problemi. Se si sente un ronzio, si iniziano a cambiare delle cose finché, casualmente, non smette. L'approccio è, ed era, abbastanza empirico, anche perché alla fine una vera e propria scuola che ti insegni queste cose non c'è. Noi vecchi veniamo tutti dall'ambiente musicale e ci siamo poi buttati in questo settore.

Anche tu hai un'estrazione musicale?
Sì, ho studiato al conservatorio e mi piace molto il jazz. Infatti mentre facevo il fonico continuavo la mia attività di musicista, con i miei gruppetti. Mi capitò l'occasione di suonare con un artista italiano che molti ricordano, Franco Simone, e con lui cominciai un tour come bassista. Restai nella sua band per circa otto o nove anni, suonando molto anche in Sud America, dove era abbastanza famoso, mentre in Italia facevamo molte feste di piazza. È stata un'esperienza molto bella ma, finito questo lungo capitolo da musicista a circa 33 anni, mi sono riavvicinato al mondo del service, ho rincontrato vecchi amici e sono tornato in carreggiata.

Chi è stato il contatto per tornare dalla nostra parte della barricata?
Fondamentalmente Willy Gubellini di Nuovo Service. L'ho incontrato durante il tour di Baglioni, al Palasport di Parma. All'epoca suonavo in qualche orchestra, nei pub... Le solite cose che fanno i musicisti quando non hanno un tour, così accettai la sua proposta di cominciare a fare qualcosa con lui.

Dopo dieci anni di assenza, cosa hai trovato di diverso?
Il modo di lavorare era certamente differente, c'era tutta la divisione in settori che prima non esisteva; la produzione era arrivata ad avere un grosso peso nei concerti, mentre prima era quasi assente. Tutta la situazione si presentava molto più impegnativa. Gli stessi concerti, a livello di palco e di strutture si erano fatti più complessi.

Era già l'epoca del Turbosound?
Si parla di circa tredici anni fa, era l'epoca del FlashLight, con cui poi abbiamo lavorato parecchio, almeno per sette anni.

Che lavori ti ricordi di quei tempi?
Ne abbiamo fatti tanti: Lorenzo, Eros... Mi ricordo un tour bellissimo con Pino Daniele e Pat Metheny dove c'era Maurizio Magi al mixer, quindi un notevole sound; oltretutto io sono un fan di Pat Metheny e ricordo questo tour con molto piacere. Anche quello con Battiato è stato un tour che mi è piaciuto molto.

All'epoca che ruolo avevi?
Inizialmente mi facevo le ossa, tornavo a conoscere questo mestiere, quindi ero assistente alla regia, al montaggio P.A. e un po' di tutto. Poi ho cominciato a specializzarmi, prima lavorando sul FlashLight, facendo il settaggio del P.A. sia come posizione che come equalizzazione e poi assistenza al mixer. Quando ho acquisito sufficiente esperienza sono stato anche responsabile per quanto riguarda l'audio in generale, ma è un lavoro che ho sempre cercato di evitare: troppo stressante!

Poi hai cambiato ancora: cos'è successo?
Mi sono interessato all'impianto V Dosc, perché l'avevo sentito e mi era piaciuto molto, quindi ho pensato di spostarmi verso un'altra compagnia, pur non uscendo da Nuovo Service, di cui sono ancora socio. Mi interessava avvicinarmi a nuove strutture, aumentare la mia conoscenza e la mia esperienza anche con persone diverse, lavorando con persone e materiali nuovi. È stato per me un passo molto importante ed interessante, ho potuto conoscere persone come Daniele Tramontani e tutti i ragazzi che lavorano per Agorà, persone molto in gamba sia a livello tecnico che a livello umano.

Quindi ti si sono aperte delle nuove porte, hai fatto nuove conoscenze. Hai fatto il corso di ingegnere V Dosc?
No, Daniele mi ha dato una grossa mano per quanto riguarda il settaggio dei V Dosc. È stato sicuramente un buon maestro. Ritengo di essere in grado di fare delle ottime installazioni, nonostante non abbia fatto il corso.

Cosa rifaresti e cosa non rifaresti oggi? Quali sono le cose belle e le cose brutte del tuo percorso?
Io rifarei tutto quello che ho fatto, anche perché se l'ho fatto probabilmente era destino che lo facessi. Se non proprio destino, per lo meno una tendenza. Ho fatto delle scelte perché il mio interesse tendeva a portarmi in quelle direzioni.

Quindi non hai sbagliato niente nelle tue scelte?
Ho sbagliato sicuramente tantissimo, però è grazie a quegli errori che sono arrivato fino a qui. Non saprei dire che cosa sarebbe stato meglio o peggio fare. Diciamo che non mi sono pentito. Penso che anche le scelte sbagliate abbiano avuto la loro importanza.

Tu che hai lavorato anche all'estero, cosa terresti del mondo dello show italiano e cosa vorresti barattare con altre realtà?
Sicuramente cambierei con l'estero l'organizzazione e la professionalità. Chi fa questo mestiere all'estero è più sicuro di sé, ma attenzione, parlo solo dell'Inghilterra e degli Stati Uniti; lì c'è più esperienza e questo lavoro è considerato tale, mentre da noi non è considerato un lavoro vero e proprio e penso che questa opinione non cambierà mai, perché siamo una nicchia numericamente poco importante. Quello che non cambierei con l'estero è il lato umano: gli italiani, in questo settore, lavorano sodo e sono simpatici, degli ottimi compagni di lavoro.

Adesso cosa c'è nel tuo futuro, quali sono i tuoi obiettivi?
In verità non sto pensando molto al futuro. Ho sempre la tendenza a continuare ad aggiornarmi, a guardarmi intorno e a non chiudere nessuna porta. A volte sono stato coraggioso a fare scelte improvvise e determinanti: sono abbastanza avventuroso anche perché mi stanco presto di situazioni che non mi danno più emozioni. In questo momento sto bene, lavoro con persone che mi piacciono, mi trovo bene con l'azienda. I risultati che ottengo, per adesso, mi danno soddisfazione.

 

Ultimi Articoli

Prolight+Sound 2018

Come tutti gli anni, si aspetta con ansia la fiera di Francoforte perché ritenuta la manifestazione che spesso fa capire cosa succederà in seguito nel mercato, le nuove tendenze, le...

News

Leggi tutto...

Shure presenta i bodypack P9RA+ e P10R+

Annunciati i nuovi ricevitori per i sistemi di monitoraggio personale PSM900 e PSM1000.

News

Leggi tutto...

Music Inside Rimini 2018 – +20% di presenze

La manifestazione si conferma punto di riferimento per il settore dello show business.

Uomini e Aziende

Leggi tutto...

Nina Zilli – Modern Art Tour

Il Modern Art Tour di Nina Zilli ha preso il via sabato 14 ottobre dal Vidia di Cesena, per una quindicina di date nei club e nei teatri.

Live Concert

Leggi tutto...

Ayrton a LDI 2018

Ayrton è tornata alla fiera LDI 2018, portando con sé nuovi prodotti che includono i recenti proiettori Bora-S e Khamsin-S, oltre alle presentazioni in anteprima dei nuovi Diablo-S, Diablo-TC, Merak-S...

News

Leggi tutto...

Misure audio – quinta parte

Dopo aver trattato, negli articoli precedenti, il collegamento degli strumenti ai dispositivi e alcuni tra i principali test, ci apprestiamo ad effettuare un’altra analisi molto importante: il test del rumore...

Tecnologia

Leggi tutto...

Elation serie KL Fresnel

Nello stand di Elation Professional ad ISE 2018 erano esposte in anteprima due nuove teste mobili – Artiste Picasso e Smarty Hybrid – che debutteranno la prossima primavera. In vetrina anche...

News

Leggi tutto...

RCF E MAX Series

La casa emiliana lancia una nuova serie di speaker near-field passivi.

News

Leggi tutto...

AES67 interoperability

Prendendo spunto da un post di S&L su Facebook che annunciava l’imminente demo di interoperabilità AES67 all’IBC di  Amsterdam, Massimiliano Salin ci ha fatto sapere che un piccolo plugfest era...

Tecnologia

Leggi tutto...

DPA presenta le sue capsule microfoniche più piccole di sempre

Il produttore danese ha presentato le sue prime capsule da 3 mm, in aggiunta alle gamme esistenti di microfoni lavalier e headset d:screet e d:fine.

News

Leggi tutto...

I più Popolari

Consegnati ad Agorà i primi 240 diffusori L-Acoustics K2.

Si tratta di una parte del materiale che Agorà ha recentemente acquistato per la fornitura di un grande evento internazionale che si svolgerà nel 2014...

News

Hits:21962

Leggi tutto

Laura Pausini - Fatti Sentire Worldwide Tour

Il recente tour mondiale di Laura Pausini è partito alla grande con due concerti sold-out al Circo Massimo. Dopo una quarantina di giorni in America, la carovana è tornata in...

Live Concert

Hits:21020

Leggi tutto

Ferdinando Salzano

Imprenditore, produttore e manager ai massimi livelli, nell’ambito dei concerti e delle produzioni televisive.

Personaggio

Hits:20236

Leggi tutto

Tiziano Ferro - L’Amore è una cosa semplice - Tour 2012

Una grande produzione ed un grande calendario. Trentamila spettatori a Torino e Verona, quarantamila a Milano. Il produttore Roberto De Luca ci spiega come nasce un grande tour. Le nostre...

Live Concert

Hits:19904

Leggi tutto

Live Kom 013 - Vasco is back

Aggiunte le video interviste ai protagonisti: Roberto De Luca, Federico Servadei, Pasquale Aumenta, Giovanni Pinna, Andrea Corsellini e Riccardo Genovese..

Live Concert

Hits:17547

Leggi tutto

C’era una volta il DMX

Anziano pure lui, il DMX è costretto oggi a farsi “trasportare”.

Rubriche

Hits:15973

Leggi tutto

L’Arte del Mixaggio (secondo me) - prima parte

Mi è stato chiesto di descrivere la tecnica di mixaggio che ho sviluppato e sto adottando da qualche tempo. La cosa ovviamente mi ha fatto molto piacere...

Produzioni e studi

Hits:15319

Leggi tutto

Jovanotti - Lorenzo negli Stadi 2013

Il video e le foto del concerto, le interviste ai protagonisti, la scheda del Tour ...

Live Concert

Hits:15231

Leggi tutto

Modà - Gioia Tour 2013

Continua il tour rivelazione:la video-recensione del  concerto di Firenze, le interviste agli addetti ai lavori, l'articolo, la scheda, le foto.....

Live Concert

Hits:15224

Leggi tutto

Sopra al palco le rose. Sotto al palco le spine.

Ci sono molte cose che mi girano in testa e di cui sento di dover parlare.Il primo è la dignità.

Uomini e Aziende

Hits:14412

Leggi tutto

Articoli Correlati

Tutti i livelli di sottoscrizione
Livello 1
Free
Una semplice registrazione ti garantisce l'accesso a due portali.
Con questo piano di sottoscrizione, avrai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT alcuni articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Registrati
Livello 2
Free
Per comparire sul portale di SHOWBOOK devi completare la registrazione fornendo ulteriori informazioni.
Con questo piano di sottoscrizione, hai la possibilità di visualizzare sul sito SOUNDLITE.IT, tutti gli articoli completi non diponibili per i semplici visitatori del sito.
Se sei un professionista o hai un o hai un'azienda del settore, avrai la possibilità di comparire sul motore di ricerca di SHOWBOOK.PRO
Registrati o Login su SHOWBOOK
Livello 3
12,00
Per ricevere la rivista e comparire sul portale di SHOWBOOK è necessario effettuare una registrazione più completa ed acquistare l'abbonamento.
Questo piano di sottoscrizione prevede tutti i benefit del Livello 2.
Possibilità di ricevere la rivista cartacea di SOUNDLITE.
Possibilità di sfogliare la rivista SOUNDLITE in anteprima direttamente online.
Registrati o Login su SHOWBOOK
Chi Siamo: Sound & Co.

SOUND & LITE. Dal 1995 all’avanguardia della comunicazione specializzata.

 

La nostra rivista apre i battenti, allora col nome di SOUND&CO., nel 1995, fornendo al mercato ed ai professionisti uno strumento di informazione che non esisteva: una rivista dedicata al settore tecnico dello show business, in grado di trattare i relativi temi con chiarezza e competenza. Presto arriva il supplemento SHOWBOOK – che nel 2016 ha compiuto il suo ventesimo compleanno – la prima guida professionale del mondo dello spettacolo, in grado di fornire nomi, indirizzi, contatti di aziende e professionisti; da subito un vero punto di riferimento per il nostro mondo.

 

A lungo abbiamo progettato e studiato il nostro sbarco nel mondo del web, prima con un sito di tipo tradizionale, poi, dopo anni di attenta progettazione, con la consulenza tecnica e commerciale di due aziende leader nel settore del web design, abbiamo lanciato il nuovo sito nel 2012.

 

SOUNDLITE.IT, il sito internet della rivista più prestigiosa dell’entertainment italiano, si pone l’obiettivo di emulare sul web i successi della sorella cartacea, punto di riferimento per tutto il settore.

 

Una nuova redazione dedicata all’informazione sul web, la piattaforma “News Flow” senza limite fisico, la tecnologia “responsive”, in grado di adattare automaticamente il sito a qualsiasi piattaforma, la grande interazione con i social network, la sinergia con il sito SHOWBOOK.PRO fanno del nuovo sito un portale unico ed innovativo, che raccoglie il meglio delle tecnologie e delle strategie di informazione del web 2.0 e le plasma per il nostro settore.

 

Non solo vengono pubblicate tempestivamente tutte le news ma anche le anteprime dei servizi sui concerti con relative gallerie fotografiche. Grazie alla viralità creata dalla sinergia coi principali social network, ad oggi uno dei più efficaci mezzi di comunicazione, tutti gli articoli pubblicati possono essere commentati direttamente da tutti i navigatori del web, dando così alla notizia una potenza e un’interattività fino a ieri sconosciute.

 

Conosciamo i nostri utenti e vogliamo seguirne interessi e intenzioni, senza snaturare quindi minimamente quella qualità dei contatti cui dobbiamo buona parte del nostro successo. Sarà infatti un unico grande database a fare da collettore, identificando i nostri lettori, gli utenti, dandogli visibilità con SHOWBOOK.PRO, inviandogli la rivista, interagendo con loro.

 

Un preciso e dettagliato report di statistiche ci permette di destreggiarci nella grande mole di dati e di contatti, veicolando in maniera ancora più mirata la comunicazione pubblicitaria, che non è mai invasiva quando è soprattutto informazione professionale.

 

Contatti: Redazione
Sede amministrativa:
Via Redipuglia, 43 61011 Gabicce Mare - PU
P.IVA 01364470417
 

Direzione, redazione e pubblicità:
Strada Della Romagna, 371
61121 Colombarone (Pesaro) PU
Telefono 0721.209079 - Fax 0721.209784

 

Iscrizione registro della Stampa
n. 06348 01/07/98

 

Alfio Morelli Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Patrizia Verbeni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giancarlo Messina Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Douglas Cole Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Michele Viola Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Liana Fabbri Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abbonamento alla Rivista

La rivista SOUND&LITE è riservata esclusivamente ai professionisti appartenenti al mondo dello spettacolo e alle industrie direttamente collegate.

 

Per gli interessati non professionisti, SOUND&LITE rimane sempre fruibile interamente online, in formato .pdf e sfogliabile.


Abbonandosi alla rivista, si acquisisce il diritto di apparire in SHOWBOOK.PRO, il nostro motore di ricerca esclusivo per il mondo dello spettacolo.

 

Se siete già presenti su showbook.pro, potete rinnovare o controllare lo stato del vostro abbonamento alla rivista una volta effettuato il login.

 

 

 

Arretrati

I numeri da noi spediti, ma non pervenuti per disservizi postali, possono essere richiesti come arretrati al solo costo delle spese di spedizione tramite corriere: il primo arretrato al costo di 6 euro, 3 euro per ogni ulteriore copia. (Costi maggiorati per isole minori e Venezia).

 

Per qualsiasi assistenza o per ulteriori chiarimenti, anche sulla privacy, potete contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cookie

In che modo Sound & Lite utilizza i cookie.

 

PER SOUND & LITE LA RISERVATEZZA E' UN VALORE IMPORTANTE, un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

 

I cookie vengono utilizzati solo per questi tipi di scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze di lingua, per rendere più pertinenti gli articoli tecnici che leggi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

 

Le nostre norme sulla privacy spiegano come tuteliamo la tua privacy durante l'utilizzo di cookie e altre informazioni.


TI ASSICURIAMO CHE GESTIREMO IN MODO RISERVATO QUESTE INFORMAZIONI.